L’esperienza di conduzione di un gruppo a mediazione terapeutica. L’utilizzo delle immagini e della carta di rete

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Ilaria Mochen
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 14 P. 37-50 Dimensione file: 75 KB
DOI: 10.3280/GRU2015-002004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo riporta una sintesi del lavoro di conduzione di un gruppo a mediazione terapeutica presso una comunità terapeutica residenziale, che accoglie pazienti affetti da patologie psichiatriche. L’obiettivo è di mettere in evidenza due aspetti che hanno caratterizzato l’esperienza, ovvero l’utilizzo della fotografia come oggetto mediatore, secondo le modalità ispirate al Photolangage, e la carta di rete. A tal fine si riportano alcune vignette cliniche ed esemplificazioni. Il presupposto è che la mediazione dell’immagine permetta di sviluppare e arricchire la parola soprattutto in quei casi in cui essa fa difetto o si riveli insufficiente; proprio come nel caso di pazienti con difficoltà di simbolizzazione. L’altro aspetto è cercare di utilizzare la carta di rete sia come una modalità diversa di colloquio clinico, che come indicatore dell’efficacia terapeutica.

  1. Costantini A. (2000). Psicoterapia di gruppo a tempo limitato. Basi teoriche ed efficacia clinica. Milano: McGraw-Hill.
  2. Denis P. (1994). Seduction de l’image, image de la seduction. Topique, 53: 55-69.
  3. Di Marco G. (1989). Collages e Difficult to cure. Psichiatria Generale e dell’Età Evolutiva, 27: 197-209.
  4. Di Marco G. (2007). Gruppi a mediazione terapeutica nella pratica istituzionale. Gruppi, IX, 2: 27-41.
  5. Fasolo F. (2009). Gruppoanalisi e salute mentale. Padova: Cleup.
  6. Fasolo F., Ambrosiano I., Cordioli A. (2005). Sviluppi soggettuali nelle reti di gruppo. Psicoterapie di gruppo e Carte di rete in psichiatria di Comunità. Padova: Cleup.
  7. Foulkes S.H. (1964). Analisi terapeutica di gruppo. Torino: Bollati Boringhieri, 1967.
  8. Freud S. (1899). L’interpretazione dei sogni. OSF, 3.
  9. Freud S., Breuer J. (1892-95). Studi sull’isteria. OSF, 1.
  10. Kaës R. (1996). La parola e il legame. Processi associativi nei gruppi. Roma: Borla.
  11. Kaës R., a cura di (1997). Fiaba e racconto nella vita psichica. Roma: Borla.
  12. Kaës R. (2000), Prefazione. In: Vacheret C., a cura di, Foto, gruppo e cura psichica. Napoli: Liguori Editore, 2008.
  13. Sassolas M. (1993). Perché i pazienti psicotici non hanno fretta di cambiare? In: Di Marco G., a cura di, Il bisogno psichiatrico prolungato. Padova: Upsel Editore.
  14. Vacheret C. (1984). “Image, imaginaire et représentation de soi”. Thèse de 3e cycle, Université Lumière-Lyon 2, sous la direction du Professeur R. Kaës.
  15. Vacheret C. (1991). Photolangage et travail clinique. In: Baptiste A., Bélisle C., Péchenart J.M., Vacheret C., Photolangage. Une methode pour communiquer en groupe par la photo. Paris: Les Ed. d’Organisation.
  16. Vacheret C. (2000). Foto, gruppo e cura psichica. Il fotolinguaggio come metodo psicodinamico di mediazione nei gruppi. Napoli: Liguori, 2008.
  17. Vacheret C. (2005). Praticare le mediazioni in gruppi terapeutici. Roma: Borla.
  18. Yalom I. D. (1970). Teoria e pratica della psicoterapia di gruppo, Bollati Boringhieri, Torino, 1985.

Ilaria Mochen, L’esperienza di conduzione di un gruppo a mediazione terapeutica. L’utilizzo delle immagini e della carta di rete in "GRUPPI" 2/2015, pp 37-50, DOI: 10.3280/GRU2015-002004