Clicca qui per scaricare

L’esperienza di conduzione di un gruppo a mediazione terapeutica. L’utilizzo delle immagini e della carta di rete
Titolo Rivista: GRUPPI 
Autori/Curatori: Ilaria Mochen 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 37-50 Dimensione file:  75 KB
DOI:  10.3280/GRU2015-002004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo riporta una sintesi del lavoro di conduzione di un gruppo a mediazione terapeutica presso una comunità terapeutica residenziale, che accoglie pazienti affetti da patologie psichiatriche. L’obiettivo è di mettere in evidenza due aspetti che hanno caratterizzato l’esperienza, ovvero l’utilizzo della fotografia come oggetto mediatore, secondo le modalità ispirate al Photolangage, e la carta di rete. A tal fine si riportano alcune vignette cliniche ed esemplificazioni. Il presupposto è che la mediazione dell’immagine permetta di sviluppare e arricchire la parola soprattutto in quei casi in cui essa fa difetto o si riveli insufficiente; proprio come nel caso di pazienti con difficoltà di simbolizzazione. L’altro aspetto è cercare di utilizzare la carta di rete sia come una modalità diversa di colloquio clinico, che come indicatore dell’efficacia terapeutica.


Keywords: Comunità terapeutica, gruppo, mediazione terapeutica, fotografia, carta di rete, simbolizzazione.

  1. Costantini A. (2000). Psicoterapia di gruppo a tempo limitato. Basi teoriche ed efficacia clinica. Milano: McGraw-Hill.
  2. Denis P. (1994). Seduction de l’image, image de la seduction. Topique, 53: 55-69.
  3. Di Marco G. (1989). Collages e Difficult to cure. Psichiatria Generale e dell’Età Evolutiva, 27: 197-209.
  4. Di Marco G. (2007). Gruppi a mediazione terapeutica nella pratica istituzionale. Gruppi, IX, 2: 27-41.
  5. Fasolo F. (2009). Gruppoanalisi e salute mentale. Padova: Cleup.
  6. Fasolo F., Ambrosiano I., Cordioli A. (2005). Sviluppi soggettuali nelle reti di gruppo. Psicoterapie di gruppo e Carte di rete in psichiatria di Comunità. Padova: Cleup.
  7. Foulkes S.H. (1964). Analisi terapeutica di gruppo. Torino: Bollati Boringhieri, 1967.
  8. Freud S. (1899). L’interpretazione dei sogni. OSF, 3.
  9. Freud S., Breuer J. (1892-95). Studi sull’isteria. OSF, 1.
  10. Kaës R. (1996). La parola e il legame. Processi associativi nei gruppi. Roma: Borla.
  11. Kaës R., a cura di (1997). Fiaba e racconto nella vita psichica. Roma: Borla.
  12. Kaës R. (2000), Prefazione. In: Vacheret C., a cura di, Foto, gruppo e cura psichica. Napoli: Liguori Editore, 2008.
  13. Sassolas M. (1993). Perché i pazienti psicotici non hanno fretta di cambiare? In: Di Marco G., a cura di, Il bisogno psichiatrico prolungato. Padova: Upsel Editore.
  14. Vacheret C. (1984). “Image, imaginaire et représentation de soi”. Thèse de 3e cycle, Université Lumière-Lyon 2, sous la direction du Professeur R. Kaës.
  15. Vacheret C. (1991). Photolangage et travail clinique. In: Baptiste A., Bélisle C., Péchenart J.M., Vacheret C., Photolangage. Une methode pour communiquer en groupe par la photo. Paris: Les Ed. d’Organisation.
  16. Vacheret C. (2000). Foto, gruppo e cura psichica. Il fotolinguaggio come metodo psicodinamico di mediazione nei gruppi. Napoli: Liguori, 2008.
  17. Vacheret C. (2005). Praticare le mediazioni in gruppi terapeutici. Roma: Borla.
  18. Yalom I. D. (1970). Teoria e pratica della psicoterapia di gruppo, Bollati Boringhieri, Torino, 1985.

Ilaria Mochen, in "GRUPPI" 2/2015, pp. 37-50, DOI:10.3280/GRU2015-002004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche