Clicca qui per scaricare

Lo spettatore nello schermo. The lobster di Yorgos Lanthimos, 2015
Titolo Rivista: PSICOBIETTIVO 
Autori/Curatori: Giuseppe Riefolo 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  11 P. 155-165 Dimensione file:  109 KB
DOI:  10.3280/PSOB2016-001011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il film fa pensare ad un registro di relazioni estremamente concreto come concreto e bidimensionale è quello della psicosi. Lo sforzo dei protagonisti può essere quello sterile di fuggire da un livello di relazioni fondato sulla concretezza verso un altro simmetrico, oppure quello di rendere soggettiva la realtà attraverso la menzogna. Il primo uso che viene proposto del film è quello che un analista ne può fare come "esperienza della visione di un film" ovvero, trovarsi nel pubblico a reagire alle sollecitazioni del film. Le reazioni del pubblico, allora, significano la partecipazione attiva e soggettiva del terapeuta al blocco psicotico del paziente, esattamente come accade nei processi di cura quando siamo chiamati a funzionare in parallelo e da schermo per il discorso freddo che il paziente psicotico ci porta. Il film fa riflettere sulla felice soluzione della bugia, come elemento creativo che il paziente può usare per rendere soggettiva una realtà che altrimenti si ripeterebbe automatica e regolare.


Keywords: Aragosta; bugia; psicoanalisi e film; trasformazioni in psicoanalisi; comunicazione psicotica.

  1. Bateman A., Fonagy P. (2004) Il trattamento basato sulla mentalizzazione. Psicoterapia con il paziente Borderline, Raffaello Cortina, Milano, 2006
  2. Bion W.R. (1961) Esperienze nei gruppi, Armando, Roma, 1971
  3. Bion W.R. (1967) Analisi degli schizofrenici e metodo psicoanalitico, Armando, Roma, 1970
  4. Bion W.R. (1970) Attenzione e interpretazione, Armando, Roma, 1973
  5. Bion W.R. (1992) Cogitations, Armando, Roma, 1996
  6. Boston Change Process Study Group (2010) Il cambiamento in psicoterapia, Raffaello Cortina, Milano, 2012
  7. Bradbury R. (1951) Fahrenheit 451, Mondadori, Milano, 1999
  8. Bromberg P.M. (1998) Clinica del trauma e della dissociazione, Raffaello Cortina, Milano, 2007
  9. Bromberg P.M. (2006) Destare il sognatore, Raffaello Cortina, Milano, 2009
  10. Bromberg P.M. (2011) L’ombra dello tsunami, Raffaello Cortina, Milano, 2012
  11. Ferro A. (2007) Evitare le emozioni, vivere le emozioni, Raffaello Cortina, Milano Ferro A. (2010) Tormenti di anime, Raffaello Cortina, Milano
  12. Janet P. (1889) L’automatismo psicologico, Raffaello Cortina, Milano, 2013
  13. Janet P. (1929) L’évolution psychologique de la personnalité (Leçons au Collège de France 1928-29), Chahine, Paris, 1929
  14. Kohut H. (1984) La cura psicoanalitica, Bollati-Boringhieri, Torino, 1986
  15. Lacan J. (1964) Il Seminario. XVI seminario, “Il soggetto e l’altro (I): l’alienazione”, Einaudi, Torino, 1979
  16. Lanthimos Y. (2015) “The Lobster, ‘vietato essere single. Esce il film-rivelazione di Cannes’” (Satta G., Il Messaggero) EWEB. 16.10.15
  17. Ogden T.H. (2005) “Sull’incapacità di sognare”, L’Annata Psicoanal. Int., 1: 131-146
  18. Stern D. (1985) Il mondo interpersonale del bambino, Bollati Boringhieri, Torino, 1987

Giuseppe Riefolo, in "PSICOBIETTIVO" 1/2016, pp. 155-165, DOI:10.3280/PSOB2016-001011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche