Clicca qui per scaricare

Il politecnico e l’imprenditorialità elettrica ed elettrotecnica in Lombardia: un rapporto privilegiato e di lungo periodo
Titolo Rivista: STORIA IN LOMBARDIA 
Autori/Curatori: Claudio Pavese 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 19-34 Dimensione file:  79 KB
DOI:  10.3280/SIL2015-001003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La precocissima affermazione a Milano delle tecnologie elettriche fin dagli albori della seconda rivoluzione industriale è strettamente legata all’attenzione ad esse prestata nell’ambiente tecnico scientifico del Politecnico. Proprio grazie alla primogenitura nel campo dell’illuminazione elettrica (1883) e della trazione tramviaria elettrica (1892), secondo le appena consolidate tecnologie americane, Milano si affermò rapidamente come la capitale dell’industria elettrica italiana tanto che già nel 1914 (dunque prima dell’intenso processo di concentrazione dell’immediato dopoguerra) nel capoluogo lombardo aveva sede il 20% delle società elettrocommerciali italiane che detenevano peraltro il 36% del capitale sociale complessivo. Il quadro era completato dalla presenza delle maggiori imprese elettrotecniche e della maggiore azienda elettrica pubblica: l’Aem. I successi dell’imprenditorialità elettrica a Milano sarebbero stati a loro volta all’origine di rilevanti ricadute positive sul Politecnico innescando un rapporto simbiotico privilegiato tra sviluppo del settore elettrico italiano e l’Istituzione formativa milanese. Un rapporto simbiotico "privilegiato" sia quando innescava un circolo virtuoso tra ricerca nel campo dell’elettrotecnica e dell’idraulica e realizzazioni delle centrali idroelettriche e delle linee di trasmissione, sia anche con connotazioni negative quando si consideri che la pervasività del paradigma idroelettrico fu all’origine di tendenze distorte od omissioni quali ad esempio la minore attenzione prestata ad altre forme di energia


Keywords: Milano, Politecnico, Industria elettrica, Giuseppe Colombo, Carlo Erba, Giacinto Motta.

  1. Minesso M. (2012), Giuseppe Belluzzo e la Milano industriale del primo novecento, Milano, FrancoAngeli.
  2. Maiocchi R. (1992), La ricerca in campo elettrotecnico, in Mori G., a cura di, Storia dell’industria elettrica in Italia, vol. 1, Le origini 1882-1914, Roma-Bari, Laterza.
  3. McKay J.P. (1976), Tramways and Trolleys. The Rise of Urban Mass Transport in Europe, Princeton, Princeton University Press.
  4. AA.VV. (1989), Il Politecnico di Milano nella storia italiana (1914-1963), 2 voll., Milano-Bari, Cariplo-Laterza.
  5. Barbagelata A. (1943-1944), Giacinto Motta, Milano, Istituto lombardo di scienze e lettere.
  6. Bigatti G. (2013), Alberto Riva e la Milano industriale del suo tempo, Milano, F. Brioschi.
  7. Cipolletti C. (1886), Sulle forze idrauliche che possono crearsi nell’Alto Milanese e condursi a Milano, Milano, Tip. del Genio civile.
  8. Colombo G. (1866), La questione dell’esaurimento del carbon fossile, l’utilizzo del calore solare e la tele dinamica, in «Annuario scientifico ed industriale», pp. 569-581.
  9. Id. (1881), Milano Industriale, in Mediolanum, Milano, Vallardi.
  10. Decleva E. (1984), Milano industriale e l’esposizione del 1881, in Decleva E., a cura di, L’Italia industriale nel 1881. Conferenze sulla esposizione nazionale di Milano, Milano, Banca del Monte di Milano.
  11. Enel (1992-1994), Storia dell’industria elettrica in Italia, Laterza Roma-Bari, 5 voll.; vol. 1. Le origini 1882-1914 (a cura di G. Mori), 1992; vol. 2. Il potenziamento tecnico e finanziario (a cura di L. De Rosa), 1993; vol. 3. Espansione e oligopolio.
  12. 1926-1945, (cura di G. Galasso), 1993; vol. 4. Dal dopoguerra alla nazionalizzazione
  13. 1945-1962 (a cura di V. Castronovo), 1994; vol. 5. Gli sviluppi dell’Enel
  14. 1963-1990 (cura di G. Zanetti), 1994.
  15. Fortis M., Pavese C. e Quadrio Curzio A., a cura di (2003), Il Gruppo Edison 1883-2003, 2 voll., Bologna, il Mulino. Hughes T.P. (1983), Networks of Power. Electrification in Western Society 1880-1930, Baltimore, John Hopkins University Press.
  16. Jevons W.S. (1865), The coal question, London, Macmillan and co.
  17. Leschiutta S. (2007), La nascita dell’ingegneria elettrica in Europa, XXIV giornata della misurazione, Padova.
  18. Luzzatto G. (1963), L’economia italiana dal 1861 al 1894, Milano, Banca commerciale italiana.
  19. Pavese C. (1998), Il contributo del Municipio all’elaborazione della cultura economica milanese (1880-1914), in Porta P.L., a cura di, Milano e la cultura economica nel XX secolo. Gli anni 1890-1920, Milano, Ciriec, pp. 393-424.
  20. Id. (2003), L’elettricità e le altre forme di energia, in Giuntini A. e Paoloni G., a cura di, La Città elettrica. Esperienze di elettrificazione urbana in Italia e in Europa fra Ottocento e Novecento, Roma-Bari, Laterza, pp. 35-54.
  21. Id. (2011), Un fiume di luce. Cento anni di storia dell’AEM, Milano, Rizzoli.
  22. Regoliosi P. e Silvestri A. (1989), L’Istituzione Elettrotecnica Carlo Erba, in AA.VV., Il Politecnico di Milano nella storia italiana (1914-1963), vol. II, Milano-Bari, Cariplo-Laterza.
  23. R. Politecnico di Milano (1937), Nel cinquantenario della Istituzione elettrotecnica Carlo Erba 1887-1937, Milano, Stucchi.
  24. Segreto L. (2005), Giacinto Motta: un ingegnere alla testa del capitalismo industriale italiano, Roma, Laterza.
  25. Società Edison, a cura di (1934), Nel cinquantenario della Società Edison 1884-1934, Milano, Società Edison.
  26. Trevisani E. (1909), La meccanica e l’elettricità in Italia, Milano, Capriolo & Massimino.
  27. Zaninelli S., a cura di (1996), Ricerca, Innovazione, Impresa: Storia del CISE 1946-1996, Roma-Bari, Laterza.

Claudio Pavese, in "STORIA IN LOMBARDIA" 1/2015, pp. 19-34, DOI:10.3280/SIL2015-001003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche