L’impiego pubblico tra riforme urgenti (e serie), riforme apparenti (e inutili) e svalutazione del lavoro
Titolo Rivista: ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE  
Autori/Curatori: Lorenzo Zoppoli 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  25 P. 12-36 Dimensione file:  0 KB

L’autore analizza la legge delega 124/2015 sulla riforma delle Pubbliche Amministrazioni e dei rapporti di lavoro pubblico mettendola in relazione con le riforme del passato e con le parallele riforme settoriali degli apparati pubblici (Enti locali e Scuola), del lavoro privato (c.d. Jobs Act) e della Carta costituzionale. In particolare ritiene che, in materia di dirigenza e di lavoro pubblico in generale, sia le prime anticipazioni dei decreti legislativi sia i contenuti della delega non facciano presagire interventi rapidi, incisivi e mirati sui veri problemi che in Italia hanno reso nel complesso sempre più difficile un’azione amministrativa efficace negli ultimi dieci anni. Traspare invece un approccio ispirato a una linea di continuità nella svalutazione del lavoro pubblico di dubbia conformità con i principi costituzionali rivisitati, anche di recente, dalla Corte Costituzionale.


Keywords: Dirigenza e lavoro pubblico, Riforma Madia, svalutazione del lavoro
Jel Code: K3

Lorenzo Zoppoli, in "ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE " 1/2016, pp. 12-36, DOI:

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche