Clicca qui per scaricare

La lingua ordinaria nel diritto: aspetti dell’interdisciplinarità
Titolo Rivista: PARADIGMI 
Autori/Curatori: Raffaella Petrilli 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 27-38 Dimensione file:  182 KB
DOI:  10.3280/PARA2016-001003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La lingua del diritto usa tecnicismi giuridici insieme con parole ordinarie, sia nei sistemi di civil law che in quelli di common law. L’autrice discute l’idea che la differenza semantica dei due livelli del linguaggio (ordinario e tecnico) non è ancora del tutto chiarita e può ostacolare l’interpretazione delle leggi. La ricerca interdisciplinare tra diritto e pragma-semantica può suggerire soluzioni efficaci. La pragmatica può indicare all’interpretazione giuridica le strategie interpretative adatte alla semantica "indeterminata" del lessico ordinario. Viceversa, la teoria giuridica che distingue tra diritto esplicitato nella norma e diritto "muto" indica alla pragmatica la plausibilità dell’idea dei due livelli di linguaggio e del loro uso diverso (procedurale, riflessivo).


Keywords: Diritto muto, indeterminatezza semantica, lessico, pragmatica, semantica procedurale, interpretazione.

  1. Airenti G. (2003). Intersoggettività e teoria della mente. Le origini cognitive della comunicazione. Torino: Bollati Boringhieri.
  2. Bianchi C. (2009). Pragmatica cognitiva, Roma-Bari: Laterza.
  3. Boisson C. (2006). La formalisation dans la théorie des opérations énonciatives d’Antoine Culioli. Anglophonia, 20: 83-112.
  4. Caterina R., a cura di (2009). La dimensione tacita del diritto. Torino: Edizioni scientifiche italiane.
  5. Caterina R. (2012). Il crittotipo, muto e inattuato. In: Antoniolli L., Benacchio G.A. e Toniatti R., a cura di. Le nuove frontiere della comparazione, Trento, Università di Trento: 85-99.
  6. Culioli A. (1990). Sur le concept de notion. In: Id. Pour une linguistique de l’énonciation, Paris: Ophrys: 47-65.
  7. Culioli A. and Normand C. (2005). Onze rencontres sur le langage et les langues. Paris: Éditions Ophrys.
  8. Conte A.G. (2008). Erlebnisrecht: diritto vissuto/esperienziale nell’antropologia filosofica di Rodolfo Sacco. Rivista Internazionale di Filosofia del Diritto, 85, 3: 405-424.
  9. De Mauro T. (1983). Storia linguistica dell’Italia unita. Roma-Bari: Laterza (I ediz. 1963).
  10. Femia D. (2016). Interpretare parole e termini di trattati internazionali: utensili linguistici e scelte dei giudici. Paradigmi, 1: 11-25
  11. Filippi-Deswelle C. (2008). Le “domaine notionnel” d’Antoine Culioli, ou comment la géographie (méta)linguistique à l’œuvre dans nos représentations topologiques abstraites régule notre activité langagière. In: Villard L., éd. Géographies imaginaires. Laboratoire ERIAC/Publications des Universités de Rouen et du Havre: 299-313.
  12. Gualdo R. e Telve S. (2011). Linguaggi specialistici dell’italiano. Roma: Carocci.
  13. Guastini R. (2006). Il diritto come linguaggio. Lezioni. Torino: Giappichelli.
  14. Mantovani D. (2008). Lingua e diritto. Prospettive di ricerca fra sociolinguistica e pragmatica. In: Garzone G. e Santulli F., a cura di. Il linguaggio giuridico. Prospettive interdisciplinari. Milano: Giuffrè: 17-56.
  15. Maraschio N. (2012). Lingua e diritto: qualche questione di metodo. In: Zaccaria R. et al., a cura di. La buona scrittura delle leggi. Roma: Camera dei Deputati: 29-34.
  16. Morra L. (2011). Implicature conversazionali nei testi di legge. Esercizi filosofici, 6: 214-231.
  17. Id. (2015). Genitorialità californiana. Analisi testuale della section 7601 del Family Code della California. In: Morra L. e Pasa B., a cura di. Questioni di genere nel diritto: impliciti e crittotipi, Torino: Giappichelli: 181-200.
  18. Mortara Garavelli B. (2001). Le parole e la giustizia. Torino: Einaudi.
  19. Petrilli R. (1997). Temps et déterminations dans la grammaire et la philosophie anciennes. Münster: Nodus.
  20. Id. (2009). Linguaggio e filosofia nella Grecia antica. Tra i Pitagorici e Aristotele. Roma: Edizioni di Storia e Letteratura.
  21. Id. (2013). Semiologia e diritto. In: Gualdo R. e Petrilli R., a cura di. Diritto, linguaggio e letteratura. Perugia: Guerra: 51-70.
  22. Id. (2015). Gli aspetti linguistici del crittotipo. In: Morra L. e Pasa B., a cura di. Questioni di genere nel diritto: impliciti e crittotipi. Torino: Giappichelli: 71-83.
  23. Pozzo B., ed. (2005). Ordinary language and Legal Language. Torino: Giuffré.
  24. Sacco R. (2000). Lingua e diritto. Ars Interpretandi, 5: 117-134.
  25. Id. (2005). Langage and Law. In: Pozzo B., ed. Ordinary language and Legal Language. Torino: Giuffré.
  26. Id. (2015). Il diritto muto. Neuroscienze, conoscenza tacita, valori condivisi. Bologna: Il Mulino.
  27. Sbisà M. (2007). Detto non detto. Le forme della comunicazione implicita. Roma-Bari: Laterza.
  28. Id. (2015). Normatività e comunicazione. In: Morra L. e Pasa B., a cura di. Questioni di genere nel diritto: impliciti e crittotipi. Torino: Giappichelli: 15-37.
  29. Serianni L. e Antonelli G. (2011). Manuale di linguistica italiana. Storia, attualità, grammatica. Milano: Bruno Mondadori.
  30. Solan L.M. (2005). Ordinary Meaning in Legal Interpretation. In: Pozzo B., ed. Ordinary language and legal language. Torino: Giuffré: 125-152.
  31. Sournin Dufosse S. (2007). Les théories linguistiques, les pratiques pédagogiques et l’acquisition de la détermination nominale en anglais chez les apprenants francophones. Sophie. Thèse sous la direction de Jean-Philippe Watbled. Université de La Réunion, 2007.
  32. Werbach K. (1996). Looking it up: The Supreme Court’s Use of Dictionaries in Statutory and Constitutional Interpretation (versione più estesa, visibile sulla pagina web dell’Autore, del saggio pubblicato nel 1994 sulla Harvard Law Rewiew, 107: 1437).
  33. Wittgenstein L. (1953). Philosophische Untersuchungen. Oxford: Basil Blackwell (trad. it. Ricerche filosofiche. Torino: Einaudi, 1967).

Raffaella Petrilli, in "PARADIGMI" 1/2016, pp. 27-38, DOI:10.3280/PARA2016-001003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche