Clicca qui per scaricare

La presupposizione nei testi normativi e amministrativi
Titolo Rivista: PARADIGMI 
Autori/Curatori: Francesca Ferrucci 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 99-110 Dimensione file:  183 KB
DOI:  10.3280/PARA2016-001008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’autrice presenta un’indagine sulla presupposizione in testi normativi e amministrativi, svolta con i metodi della linguistica dei corpora e dell’analisi automatica dei testi. I casi rinvenuti sono stati suddivisi in tre gruppi: a) la presupposizione è risolta nella coerenza testuale; b) la presupposizione è risolta con informazioni contestuali e conoscenze enciclopediche; c) la presupposizione non è risolta. Di ogni tipologia sono citati diversi esempi, discutendone eventuali problemi di comprensione. In chiusura vengono fornite alcune indicazioni per un uso controllato della presupposizione nei testi pubblici


Keywords: Esplicito, implicito, incomprensione, informatività, norma, presupposizione.

  1. Ferrucci F. (2014). Presupposizione e predicazione: una prospettiva di ricerca. Bollettino di Italianistica, 11, 1: 123-38.
  2. Fioritto A., a cura di (1997). Manuale di stile. Strumenti per semplificare il linguaggio delle amministrazioni pubbliche. Bologna: Il Mulino.
  3. Id. (2009). Manuale di stile dei documenti amministrativi. Bologna: Il Mulino.
  4. Frege G. (1892). Über Sinn und Bedeutung. Zeitschrift fur Philosophie und philosophische Kritik, 100: 25-50.
  5. Gazdar G. (1979). Pragmatics: Implicature, Presupposition, and Logical Form. New York: Academic Press.
  6. Heim I. (1988). On the Projection Problem for Presuppositions. In: Barlow M., Flickinger D. and Westcoat M.T., eds., Proceedings of the Second West Coast Conference on Formal Linguistics. Stanford: Stanford University Press: 114-125.
  7. Karttunen L. (1971). The Logic of English Predicate Complement Constructions. Bloomington: Indiana University Linguistics Club.
  8. Kiparsky P., Kiparsky C. (1971). Fact. In: Steinberg D.D. and Jacobovits L.A., eds., Semantics. An Interdisciplinary Reader in Philosophy, Linguistics and Psychology. Cambridge: Cambridge University Press: 345-69.
  9. Konig E. (1991). The Meaning of Focus Particles: A Comparative Perspective. London-New York: Routledge. http://dx.doi.org/10.4324/9780203212288
  10. Kripke S. (2009). Presupposition and Anaphora: Remarks on the Formulation of the Projection Problem. Linguistic Inquiry, 40, 3: 367-86., DOI: 10.1162/ling.2009.40.3.367
  11. Levinson S.C. (1983). Pragmatics. Cambridge: Cambridge University Press.
  12. Lombardi Vallauri E., Masia V. (2014). Implicitness Impact: Measuring Texts. Journal of Pragmatics, 61: 161-84., DOI: 10.1016/j.pragma.2013.09.010
  13. Morra L. (2011). Implicature conversazionali nei testi di legge. Esercizi filosofici, 6: 214-31.
  14. Mortara Garavelli B. (2001). Le parole e la giustizia. Torino: Einaudi.
  15. Palanza A. (2003). Nuove regole per il linguaggio legislativo. In: Mariani Marini A., a cura di. La lingua, la legge, la professione forense. Milano: Giuffrè: 125-133.
  16. Petrilli R. (2013). Semiologia e diritto. In: Petrilli R. e Gualdo R., a cura di. Diritto, linguaggio e letteratura. Perugia: Guerra: 51-68.
  17. Piemontese M.E. (2003). La leggibilità e la comprensibilità dei testi: alcuni strumenti per la produzione di testi della pubblica amministrazione leggibili e comprensibili. In: Zuanelli E., a cura di. Manuale di comunicazione istituzionale. Roma: Colombo: 210-214.
  18. Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per la funzione pubblica (1993). Codice di stile delle comunicazioni scritte ad uso delle amministrazioni pubbliche. Roma: Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.
  19. Raso T. (2005). La scrittura burocratica. La lingua e l’organizzazione del testo. Roma: Carocci.
  20. Sabatini F. (1999). “Rigidità-esplicitezza” vs. “elasticità-implicitezza”: possibili parametri massimi per una tipologia dei testi. In: Skytte G. e Sabatini F., a cura di. Linguistica testuale comparativa. In memoriam Maria-Elisabeth Conte. København: Museum Tusculanum Press: 141-72.
  21. Sbisà M. (2007). Detto non detto. Le forme della comunicazione implicita. Roma-Bari: Laterza.
  22. Sellars W. (1954). Presupposing. Philosophical Review, 63, 2: 197-215. http://dx.doi.org/10.2307/2182346
  23. Wilson D. (1975). Presupposition and Non-truth-conditional Semantics. New York: Academic Press.
  24. Yule G. (1996). Pragmatics. Oxford: Oxford University Press.
  25. Ainis M. (1997). La legge oscura. Come e perché non funziona. Roma-Bari: Laterza.
  26. Bauerle R., Reyle U. and Zimmermann T.E. (2010). Presuppositions and Discourse. Essays Offered to Hans Kamp. Bingley: Emerald.
  27. Beaugrande R.A., Dressler W.U. (1981). Einführung in die Textlinguistik. Tübingen: Niemeyer (trad. it.: Introduzione alla linguistica del testo. Bologna: Il Mulino, 1984).
  28. Bellucci P. (2002). A onor del vero. Fondamenti di linguistica giudiziaria. Torino: Utet.
  29. Bolasco S. (2013). L’analisi automatica dei testi. Fare ricerca con il text mining. Roma: Carocci.
  30. De Mauro T., a cura di (1999-2000). Grande dizionario italiano dell’uso. Torino: Utet.
  31. De Mauro T. (2002). Obscura lex sed lex? Riflettendo sul linguaggio giuridico. In: Beccaria G.L. e Marello C., a cura di. La parola al testo. Scritti per Bice Mortara Garavelli. Alessandria: Dell’Orso: 147-59.
  32. Id. (2014). Storia linguistica dell’Italia repubblicana. Roma-Bari: Laterza.

Francesca Ferrucci, in "PARADIGMI" 1/2016, pp. 99-110, DOI:10.3280/PARA2016-001008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche