Clicca qui per scaricare

Una nuova disciplina. La "somaestetica" di Richard Shusterman
Titolo Rivista: PARADIGMI 
Autori/Curatori: Giuseppe Patella 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 179-192 Dimensione file:  220 KB
DOI:  10.3280/PARA2016-001013
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo presenta e discute il progetto disciplinare della cosiddetta «somaestetica» avanzato da Richard Shusterman. Vengono analizzati nel dettaglio gli ultimi lavori tradotti in italiano del filosofo americano confrontandosi, tra le altre, soprattutto con le riflessioni filosofiche di John Dewey, Baumgarten e Foucault. La tesi principale che si vuole sostenere è che, se Shusterman intende davvero dare inizio ad una nuova disciplina basata sulla consapevolezza del corpo mettendola in relazione con la nascita dell’estetica moderna, egli dovrebbe guardare non tanto in direzione del pensiero di Baumgarten, dove in un’impostazione teorica ancora troppo razionalistica non c’è traccia di una considerazione positiva del corporeo, quanto piuttosto in direzione del pensiero del filosofo italiano Giambattista Vico, dove troviamo esattamente una grande centralità estetica del corpo.


Keywords: Baumgarten, corpo, Dewey, estetica, Shusterman, somaestetica, Vico.

  1. Baumgarten A. (1750). Aesthetica (trad. it. L’Estetica. A cura di S. Tedesco. Palermo: Aesthetica Edizioni, 2000).
  2. Cometa M. (2010). Studi culturali. Napoli: Guida.
  3. Dewey J. (1934). Art as Experience (trad. it. Arte come esperienza. A cura di G. Matteucci. Palermo: Aesthetica Edizioni, 2010).
  4. Dreyfus H., Rabinow P., eds. (1983). Michel Foucault: Beyond Structuralism and Hermeneutics. Chicago: Univ. Press (trad. it. La ricerca di Michel Foucault. Firenze: Ponte alle Grazie, 1989).
  5. Foucault M. (1976-1984). Histoire de la sexualité. T. I, La volonté de savoir. T. II, L’usage des plaisirs. T. III, Le souci de soi. Paris: Gallimard (trad. it. Storia della sessualità. Vol. I, La volontà di sapere. Vol. II, L’uso dei piaceri. Vol. III, La cura di sé. Milano: Feltrinelli, 1978-1985).
  6. Id. (1998). Archivio Foucault. Interventi, Colloqui, Interviste, vol. 3. Trad. it. Milano: Feltrinelli.
  7. Hadot P. (1981). Exercises spirituels et philosophie antique. Paris: Institut d’Etudes augustiniennes (trad. it. Esercizi spirituali e filosofia antica. Torino: Einaudi, 2005).
  8. Id. (2002). La Philosophie comme manière de vivre. Paris: Albin Michel (trad. it. La filosofia come modo di vivere. Torino: Einaudi, 2008).
  9. Patella G. (1995). Senso, corpo, poesia. Giambattista Vico e l’origine dell’estetica moderna. Milano: Guerini.
  10. Id. (2005). Giambattista Vico tra Barocco e Postmoderno. Milano: Mimesis.
  11. Rorty R. (1982). Consequences of Pragmatism. Minneapolis: Univ. of Minnesota Press (trad. it. Conseguenze del pragmatismo. Milano: Feltrinelli, 1986).
  12. Shusterman R. (1998). Practicing Philosophy: Pragmatism and the Philosophical Life. New York: Routledge.
  13. Id. (2000a). Pragmatist Aesthetics: Living Beauty, Rethinking Art, 2nd edition with a special introduction and a new chapter. New York: Rowman and Littlefield (trad. it. Estetica pragmatista. A cura di G. Matteucci. Palermo: Aesthetica Edizioni, 2012).
  14. Id. (2000b). Performing Live: Aesthetic Alternatives for the Ends of Art. Ithaca: Cornell University Press.
  15. Id. (2008). Body Consciousness: A Philosophy of Mindfulness and Somaesthetics. New York: Cambridge University Press (trad it. Coscienza del corpo. La filosofia come arte di vivere e la somaestetica. A cura di S. Tedesco e D’Agata V.C. Milano: Marinotti, 2013).
  16. Id. (2012). Thinking through the Body: Essays in Somaesthetics. Cambridge: Cambridge University Press.
  17. Tedesco S. (2013). Presentazione, in Shusterman R. Coscienza del corpo. La filosofia come arte di vivere e la somaestetica. Milano: Marinotti, 2013.
  18. Vico G. (1990). Opere. A cura di A. Battistini. Milano: Mondadori.

Giuseppe Patella, in "PARADIGMI" 1/2016, pp. 179-192, DOI:10.3280/PARA2016-001013

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche