Clicca qui per scaricare

Il tempo nell’economia fondamentale tra sharing economy e personal branding: il caso del Time Banking on line
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Davide Arcidiacono 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 142 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 98-114 Dimensione file:  148 KB
DOI:  10.3280/SL2016-142006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il tempo come risorsa scarsa e la sua organizzazione rappresentano una delle preoccupazioni principali della vita contemporanea, divenendo sempre più oggetto di mercato da cui estrarre valore. Tuttavia, esistono istituzioni che ribaltano una simile concezione e sono le Banche del Tempo, per cui ciò che scarso diventa risorsa e nuovo strumento di scambio basato sulla reciprocità. Le banche del tempo, come modello di transazione e relazione alternativo allo scambio di mercato, oggi si ridefiniscono seguendo le logiche della sharing economy. L’articolo si propone di analizzare opportunità e limiti esaminando un caso di studio, quello di una piattaforma on line di Time-Banking. La ricerca segue un approccio netnografico, combinando i dati raccolti, in una logica di triangolazione, con quelli rilevati tramite una survey agli utenti che approfondisce il tema delle finalità e delle interazioni con le altre forme di scambio economico tra on-line e off-line.


Keywords: Economia collaborativa, banche del tempo, reciprocità, piattaforme Digitali

  1. Adam B. (1990). Time and Social Theory. Cambridge: Polity Press.
  2. Anderson B. (1996). Comunità immaginate: origini e diffusione dei nazionalismi. Roma: Manifestolibri.
  3. Arcidiacono D. (2013). Consumatori attivi. Scelte di acquisto e partecipazione per una nuova etica economica. Milano: FrancoAngeli.
  4. Balbo L. (1991). Tempi di Vita. Milano: Feltrinelli.
  5. Bauman Z. (2002). Modernità liquida. Roma-Bari: Laterza.
  6. Belk R. (2014). Sharing Versus Pseudo-Sharing in Web 2.0. Anthropologist, 18: 7-23.
  7. Benkler Y., Nissembaum H. (2006). Commons-based Peer Production and Virtue. The Journal of Political Philosophy, 14: 394-419., 10.1111/j.1467-9760.2006.00235.xDOI: 10.1111/j.1467-9760.2006.00235.x
  8. Bentham J. et al. (2013). Manifesto for the Foundational Economy. Cresc Working Paper, 131: 1-23.
  9. Botsman R., Rogers R. (2010). What’s Mine Is Yours: The Rise of collaborative Consumption. Londra: Harper Business.
  10. Bowman A., Ertürk I., Froud J., Johal S., Law J., Leaver A., Moran M., Williams K. (2014). The end of the experiment? From competition to the foundational economy. Manchester: Manchester University Press.
  11. De Certau M. (2001). L’invenzione del quotidiano. Roma: Edizioni Lavoro.
  12. Di Nallo E. Fabris G. (2004). L’esperienza del tempo di consumo tra pratiche e fruizione sociale. Milano: FrancoAngeli.
  13. Dubois E.A., Schor J., Carfagna L.B. (2014). New cultures of connection in a Boston time bank. In: Schor J.B., Thompson C.J., eds., Sustainable Lifestyles and the Quest for Plenitude: Case Studies of the New Economy. New Haven: Yale University Press.
  14. Dujarier M.A. (2009). Il lavoro del consumatore. Come co-produciamo ciò che compriamo. Milano: Egea. Franchi M., Schianchi A. (2011). Scegliere nel tempo di Facebook. Come i social network influenzano le nostre preferenze. Roma: Carocci.
  15. Fukuyama F. (1996). Trust: The Social Virtues and The Creation of Prosperity. New York: Free Press.
  16. Gasparini G. (1994). La dimensione sociale del tempo. Milano: FrancoAngeli.
  17. Gasparini G. (2009). Tempi e ritmi nella società del 2000. Milano: FrancoAngeli.
  18. Gershuny J. (1993). L’innovazione sociale. Tempo, produzione e consumi. Cosenza: Rubettino.
  19. Granovetter M. (1985). Economic Action and Social Structure: the problem of Embeddedness. American Journal of Sociology, 91: 481-510.
  20. Hamalainen T.J., Heiskala R., eds. (2007). Social Innovations, Institutional Change and Economic Performance. Cheltenham: Edward Elgar.
  21. Hardin G. (1968). The Tragedy of the Commons. Science, 162: 1243-1248.
  22. Kozinets R.V. (2009). Doing Ethnographic Research Online. Londra: Sage.
  23. Latouche S. (2004). Altri mondi, altre menti, altrimenti. Oikonomia vernacolare e società conviviale. Soveria Mannelli: Rubettino.
  24. Lo Verde F. (2009). Sociologia del tempo libero. Roma-Bari: Laterza.
  25. Malinowski B. (1922). Argonauts of the Western Pacific. An Account of Native Enterprise and Adventure in the Archipelagoes of Melanesian New Guinea. New York: Dutton.
  26. Mauss M. (1924). Essai sur le don. Forme et raison de l’échange dans les sociétés archaïques. L’Année Sociologique, I: 30-186.
  27. Morace F. (2015). Crescita felice. Percorsi di futuro civile. Milano: Egea.
  28. Mutti A. (2007). Reputazione. Rassegna Italiana di Sociologia, n. 4: 601-622.
  29. Mutti A. (2003). Le teorie della fiducia nelle ricerche sul capitale sociale. Rassegna Italiana di Sociologia, n. 4: 515-536.
  30. Ostrom E. (2002). The Drama of the Commons. Washington: National Academies Press.
  31. Pais I. (2012). La rete che lavora. Mestieri e professioni nell’era digitale. Milano: Egea.
  32. Pais I., Del Moral L. (2015). Collaborative Economy and the Digitalization of Timebanking: Opportunities and challenges. Studi di Sociologia, n. 19: 3-21.
  33. Pais I., Provasi G. (2015), Sharing economy: a step towards ‘re-embedding’ the economy? Stato e Mercato, 105: 347-377.
  34. Paolucci G. (1993). Tempi postmoderni. Per una sociologia del tempo nelle società industriali avanzate. Milano: FrancoAngeli.
  35. Parra Saiani P. (2001). Triangolazione e processi valutativi. Rassegna Italiana di Valutazione, 24: 49-67.
  36. Polanyi K. (1944). The Great Transformation, New York (trad. it.: La grande trasformazione. Torino: Einaudi, 1974).
  37. Turner H. (2007). Mystery Shopping. In: Aa.Vv., Market research Handbook. Chichester: Wiley & Son.



  1. Davide Arcidiacono, Ivana Pais, Multidisciplinary Design of Sharing Services pp. 81 (ISBN:978-3-319-78098-6)

Davide Arcidiacono, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 142/2016, pp. 98-114, DOI:10.3280/SL2016-142006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche