Clicca qui per scaricare

L’accesso al bene casa: instabilità lavorativa e disagio abitativo in Italia
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Marianna Filandri 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 142 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 115-129 Dimensione file:  114 KB
DOI:  10.3280/SL2016-142007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo esplora la relazione tra posizione nel mercato del lavoro e accesso al bene casa. Il processo di deregolamentazione con la diffusione dei contratti di lavoro a termine ha portato a un aumento delle posizioni deboli anche per coloro che sono occupati, con implicazioni rilevanti sulla sicurezza dei redditi familiari. La stabilità o instabilità del salario può infatti consentire o impedire di fare auspicabili investimenti nell’abitazione, necessarie per vivere in case adeguate senza soffrire di disagio abitativo. Per indagare allora l’influenza dell’instabilità lavorativa, nonché del livello di reddito, sulle condizioni abitative sono stati analizzati i dati italiani dell’European Union Statistics on Income and Living Conditions per l’anno 2011. I risultati mostrano lo svantaggio di avere un reddito insicuro che influenza, ancor più del livello economico, la probabilità di soffrire di disagio abitativo.


Keywords: Disuguaglianza, casa, disagio abitativo, lavoro temporaneo, sicurezza del reddito, economia fondamentale

  1. Ance (2014). Osservatorio congiunturale sull’industria delle costruzioni. Roma: ANCE.
  2. Ayala L., Navarro C. (2007). The dynamics of housing deprivation. Journal of Housing Economics, 16: 72-97.
  3. Barbieri P., a cura di (2009). European Sociological Review. Atypical employment in Europe. Oxford: Oxford University Press.
  4. Barbieri P., Scherer S. (2005). Le conseguenze sociali della flessibilizzazione del mercato del lavoro in Italia. Stato e Mercato, 74: 291-322.
  5. Barbieri P., Scherer S. (2007). Vite Svendute. Uno sguardo analitico alla costruzione sociale delle prossime generazioni di outsider. Polis, 3: 431-60.
  6. Bartus T. (2005). Estimation of Marginal Effects Using Margeff. Stata Journal, 5: 1-23.
  7. Bertolini S., Di Pierro D., Richiardi M. (2007). Giovani e nuove forme di lavoro. Un’indagine sugli utenti dei Cpi. In: Berton F., Contini B., a cura di, Le nuove forme di lavoro in Italia e in Piemonte: nuove opportunità o discriminazione? Torino: Rapporto di ricerca per la Fondazione Crt e la provincia di Torino.
  8. Biagioli M., Reyneri E., Seravalli G. (2004). Flessibilità del mercato del lavoro e coesione sociale. Stato e Mercato, 71: 277-313.
  9. Bowman A., Ertürk I., Froud J., Johal S., Law J., Leaver A., Moran M., Williams K. (2014). The end of the experiment? From competition to the foundational economy. Manchester: Manchester University Press.
  10. Brandolini A. (2005). La disuguaglianza di reddito in Italia nell’ultimo decennio.
  11. Stato e Mercato, 74. Ance (2014). Osservatorio congiunturale sull’industria delle costruzioni. Roma: ANCE.
  12. Ayala L., Navarro C. (2007). The dynamics of housing deprivation. Journal of Housing Economics, 16: 72-97.
  13. Barbieri P., a cura di (2009). European Sociological Review. Atypical employment in Europe. Oxford: Oxford University Press.
  14. Barbieri P., Scherer S. (2005). Le conseguenze sociali della flessibilizzazione del mercato del lavoro in Italia. Stato e Mercato, 74: 291-322.
  15. Barbieri P., Scherer S. (2007). Vite Svendute. Uno sguardo analitico alla costruzione sociale delle prossime generazioni di outsider. Polis, 3: 431-60.
  16. Bartus T. (2005). Estimation of Marginal Effects Using Margeff. Stata Journal, 5: 1-23.
  17. Bertolini S., Di Pierro D., Richiardi M. (2007). Giovani e nuove forme di lavoro. Un’indagine sugli utenti dei Cpi. In: Berton F., Contini B., a cura di, Le nuove forme di lavoro in Italia e in Piemonte: nuove opportunità o discriminazione? Torino: Rapporto di ricerca per la Fondazione Crt e la provincia di Torino.
  18. Biagioli M., Reyneri E., Seravalli G. (2004). Flessibilità del mercato del lavoro e coesione sociale. Stato e Mercato, 71: 277-313.
  19. Bowman A., Ertürk I., Froud J., Johal S., Law J., Leaver A., Moran M., Williams K. (2014). The end of the experiment? From competition to the foundational economy. Manchester: Manchester University Press.
  20. Brandolini A. (2005). La disuguaglianza di reddito in Italia nell’ultimo decennio. Stato e Mercato, 74.



  1. Giovanna Campanella, Luisa De Vita, Le politiche di conciliazione tra residualità e frammentarietà. Il caso di un co-working con spazio baby a Roma in SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI 1/2018 pp. 97, DOI: 10.3280/SP2018-001007

Marianna Filandri, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 142/2016, pp. 115-129, DOI:10.3280/SL2016-142007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche