Clicca qui per scaricare

Politico e/o agente terzo: i possibili ruoli del valutatore
Titolo Rivista: RIV Rassegna Italiana di Valutazione 
Autori/Curatori: Linda Finardi 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 63 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  18 P. 145-162 Dimensione file:  455 KB
DOI:  10.3280/RIV2015-063009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


The article, "The possible roles of the evaluator between political and third party agent role", starts from the contribution by Guba e Lincoln on the function of the evaluation and from a case-study direct observations. Its goal is to explore and analyse the role of evaluation in relation to the organizational context in which the experts operate. The evaluator acts with more or less power depending on the position occupied within the organization, not only at the design level, but also at the community one, which is affected by cultural, political and economic effects of evaluation. The case study accounts the "multiple" function of the evaluator and an important political dimension, which is something more than, or different from, the role of facilitator. The connections that emerge from the analysis between evaluation and organization inspire a further study of the role of the evaluator in different contexts, from public to private ones, taking into account the organizational position of the evaluator.


Keywords: Evaluator Role, Political Dimension of Evaluation, Governance, Organization, Case Study, Qualitative Research

  1. Glossario del gruppo tematico Metodi e tecniche dell’AIV, Associazione Italiana di valutazione.
  2. Gozzo S. (2012), Senso civico e partecipazione, Aracne, Roma.
  3. Bonazzi G. (2002), Storia del pensiero organizzativo. La questione burocratica, Franco Angeli, Milano.
  4. Bruschi A. (2007), L’intervento sociale. Dalla progettazione alla realizzazione, Carocci, Roma.
  5. Cronbach L.J., (2007), “Le nostre novantacinque tesi”, in Stame N. (a cura di), pp.178-187.
  6. Crozier M., Friedberg E., (1994), Attore sociale e sistema. Sociologia dell’azione organizzata, Etaslibri, Milano.
  7. De Ambrogio U. (2013), La valutazione delle politiche sociali in Italia: alcune riflessioni su venti anni di esperienze, in Vergani A. a cura di, 2014, “Prove di valutazione. Libro bianco sulla valutazione in Italia”, Franco Angeli, Milano, cap.4.
  8. De Ambrogio U., Guidetti C. (2014), “La coprogettazione fra potenzialità e illusioni” in PSS Prospettive Sociali e Sanitarie, marzo 2014, IRS Istituto per la Ricerca Sociale, Milano.
  9. De Ambrogio U., Dessi C., Ghetti V. (2013), Progettare e valutare nel sociale. Metodi ed esperienze, Carocci Faber, Roma.
  10. Fosti G. (2013) (a cura di) Rilanciare il welfare locale. Ipotesi e strumenti: una prospettiva di management delle reti, Egea, Milano.
  11. Guba E.G. e Lincoln Y.S. (2007), “La valutazione di quarta generazione”, in Stame N. (a cura di), pp.128-155.
  12. Palumbo M., Torrigiani C. (2013), “Participatory evaluation in the field of social policies: why, who, what, where, how and when”, international conferenceParticipatory local welfare, citizenship and third sector organizations. What is at stake?,Pisa, 31st January–1st February.
  13. Palumbo M. (2009), “I poterilocalitra governance e partecipazione” in Palumbo e Torrigiani (a cura di) (2009), pp. 11-36.
  14. Pastore V. (2009), “Uno studio di caso: la valutazione dell’Agenzia Giovani Adulti del Comune di Genova” in Palumbo e Torrigiani (a cura di) (2009), pp. 73-91.
  15. Patton M.Q. (2007), “Alla scoperta dell’utilità del processo”, in Stame N. (a cura di), pp.325-336
  16. Stame N., a cura di, (2007), I classici della valutazione, Franco Angeli, Milano.
  17. Weick K. (1997), Senso e significato nell’organizzazione, Raffaello Cortina, Milano.

Linda Finardi, in "RIV Rassegna Italiana di Valutazione" 63/2015, pp. 145-162, DOI:10.3280/RIV2015-063009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche