Clicca qui per scaricare

Lo zaino smarrito. Una riconsiderazione dei ricordi di copertura attraverso un caso clinico
Titolo Rivista: PSICOANALISI 
Autori/Curatori: Luigi Ippedico 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  23 P. 59-81 Dimensione file:  239 KB
DOI:  10.3280/PSI2016-001005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il lavoro prende in esame il concetto freudiano di ricordo di copertura a partire da un’esperienza clinica. Viene evidenziata la relativa perdita di interesse verso questo ed altri temi della psicoanalisi classica da parte della psicoanalisi contemporanea, forse indicativa di tendenze riduzionistiche. La parte clinica mostra come un ricordo di copertura comunicato dal paziente all’inizio dell’analisi e riferito alla prima infanzia, trovi corrispondenza particolarmente in un enactment e in una clamorosa paraprassi (Lo zaino smarrito) nel corso del processo psicoanalitico.


Keywords: Memorie schermo, screen memories, enactment, two-person mode of thinking

  1. Battin D., Mahon E. (2003). Symptom, Screen Memory, and Dream. Psychoanal. Stud. Child., 58: 246-266.
  2. Britton R. (2000). Credenza e immaginazione. Roma: Borla, 2006.
  3. Bromberg P. M. (1998/2001). Clinica del trauma e della dissociazione. Milano: Raffaello Cortina, 2007.
  4. Bruno G. (2015). La conoscenza passa attraverso le emozioni. Intervista pubblicata sull’inserto La Lettura del Corriere della sera del 31 maggio.
  5. Fenichel O. (1927). The economic function of screen memories. In: The collected Papers of Otto Fenichel: First Series. NY: Norton, 1953, pp. 113-116.
  6. Fenichel O. (1929). Two short supplementary notes. Int J Psychoanal., 10: 447-450.
  7. Frank A. (1969). The unrememberable and the unforgettable. Psychoanal. Stud. Child., 24: 48-77.
  8. Freud S. (1899). Ricordi di copertura. In: Opere vol 2. Torino: Boringhieri, 1968.
  9. Freud S. (1901). Ricordi d’infanzia e di copertura. Psicopatologia della vita quotidiana. In: Opere vol 4. Torino: Boringhieri, 1970.
  10. Greenacre P. (1949). Un contributo allo studio dei ricordi-schermo in Trauma, crescita e personalità. Milano: Cortina, 1986.
  11. Greenacre P. (1955). “It’s my own invention”: A special screen memory of Mr. Lewis Carroll, its form and history. Psychoanal. Q., 24: 200-44.
  12. Greenacre P. (1980). A historical sketch of the use and disuse of reconstruction. Psychoanal. Stud. Child., 35: 35-40.
  13. Greenacre P. (1981). Reconstruction: Its nature and therapeutic value. J. of Psychoanal. Assoc., 29: 27-46.
  14. LaFarge L (2012). The screen memory and the act of remembering. Int J. Psychoanal 93: 1249-65., DOI: 10.1111/j.1745-8315.2012.00557.
  15. Lavagetto M. (2001). Freud, la letteratura e altro. Torino: Einaudi.
  16. Lévy-Strauss C. (1978). Mito e significato. Milano: Il Saggiatore, 1980.
  17. Mahon E. (2016). Screen Memories: a neglected freudian discovery? Psychoanal Q, 85:59-88., DOI: 10.1002/psaq.1205
  18. Mahon E., Battin D. (1983). The fate of screen memories in psychoanalysis. Psychoanal. Stud. Child., 38: 459-89.
  19. Modiano P. (2003). Incidente notturno. Torino: Einaudi, 2016.
  20. Modiano P. (2014). Perché tu non ti perda nel quartiere. Torino: Einaudi, 2015.
  21. Modiano P. (2015). Modiano. Intervista pubblicata su La Repubblica del 5 giugno.
  22. Reichbart R. (2008). Screen Memory: Its importance to object relations and transference. J Am Psychoanal Assoc, 56: 455-481., DOI: 10.1177/000306510831881
  23. Riefolo G. (2015). Funzione del Processo Dissociativo in una consultazione psicoanalitica. Presentato al Seminario intercentri della Società Psicoanalitica italiana il 12 dicembre.
  24. Stern D. B. (1997). Unformulated experience: from dissociation to immagination in psychoanalysis. Hillsdale, NJ: Analytic Press.

Luigi Ippedico, in "PSICOANALISI" 1/2016, pp. 59-81, DOI:10.3280/PSI2016-001005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche