Clicca qui per scaricare

Marginalità della pianificazione tra società e potere
Titolo Rivista: ARCHIVIO DI STUDI URBANI E REGIONALI 
Autori/Curatori: Giuseppe Mazzeo 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 117 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  22 P. 115-136 Dimensione file:  140 KB
DOI:  10.3280/ASUR2016-117006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo analizza il rapporto tra piano, potere e società. Dopo aver esaminato alcuni dei principali significati dei tre termini, se ne ricostruiscono alcune delle relazioni che li legano strettamente. Da queste relazioni il piano esce come strumento accessorio, il cui uso deriva da accordi e convenienze tra società e potere. Ne deriva, da parte del pianificatore, la necessità di ripensare il proprio posizionamento nel sistema decisionale attraverso una ricostruzione tecnica del suo ruolo.


Keywords: Pianificazione; Potere; Società; Democrazia; Partecipazione

  1. Albrechts L. (2003). Planning and power: Towards an emancipatory planning approach. Environment and Planning C: Government and Policy, 21: 905-924., 10.1068/c29mDOI: 10.1068/c29m
  2. Alexander E.R. (1997). Introduzione alla pianificazione. Teorie, concetti e problemi attuali. Napoli: CLEAN.
  3. Aristotele (2007). Politica. Bari: Laterza.
  4. Augé M. (2014). L’antropologo e il mondo globale. Torino: Raffaello Cortina Editore.
  5. Bauman Z. (2013). Lo spirito e il clic. La società contemporanea tra frenesia e bisogno di speranza. Torino: Edizioni San Paolo.
  6. Bauman Z. (2014). I rischi della società liquida tra cittadini spiati dal potere e l’impegno ridotto a show. la Repubblica, 6 giugno.
  7. Borri D. (1998). Postfazione. In: Forester J., Pianificazione e potere. Pratiche e teorie interattive del progetto urbano. Bari: Dedalo Editore. Borri D. (2009). Il nuovo ruolo della pianificazione strategica nelle politiche urbanistiche. In: Moccia F.D., a cura di, Urbanistica e politica. Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane. 23-38.
  8. de Kerckhove D. (2001). L’architettura dell’intelligenza. Torino: Testo & immagine.
  9. Forester J. (1987). Planning In the Face of Conflict: Negotiation and Mediation Strategies in local Land Use Regulation. Journal of the American Planning Association, 53-3: 433-446., 10.1080/01944368708976450DOI: 10.1080/01944368708976450
  10. Forester J. (1989). Planning in the Face of Power. Berkeley: University of California Press. (trad. it., Pianificazione e potere. Pratiche e teorie interattive del progetto urbano. Bari: Edizioni Dedalo, 1998).
  11. Forester J. (2013). Planning in the Face of Conflict: The Surprising Possibilities of Facilitative Leadership. Chicago: APA Planners Press.
  12. Foucault M. (1976). Sorvegliare e punire: la nascita della prigione. In: Rodotà S.
  13. (2011). Foucault e le nuove forme del potere. Roma: Edizioni Repubblica.
  14. Flyvbjerg B. (1998). Rationality and Power Democracy in Practice. Chicago: University of Chicago Press.
  15. Flyvbjerg B. and Richardson T. (2002). Planning and Foucault. In Search of the Dark Side of Planning Theory. In: P. Allmendinger P., Tewdwr-Jones M., eds., Planning Futures: New Directions for Planning Theory. London and New York: Routledge.
  16. Frenzen J. (2014). Il progetto Kraus. Torino: Einaudi.
  17. Giddens A. (2008). La trasformazione dell’intimità. Sessualità, amore ed erotismo nelle società moderne. Bologna: il Mulino.
  18. Gramsci A. (1975). Quaderni dal carcere, Quaderno 3, § 34. Torino: Einaudi.
  19. Healey P. (1992). A planner’s day: Knowledge and action in communicative practice. Journal of the American Planning Association, 58(1): 9-20., 10.1080/01944369208975531DOI: 10.1080/01944369208975531
  20. Howe E. and Kaufman J. (1979). The Ethics of Contemporary American Planners. Journal of the American Planning Association, 45(3): 243-255.
  21. Kagan J. (2014). I fantasmi della psicologia. Torino: Bollati Boringhieri.
  22. Kangas O.E. (1997). Self-Interest and the Common Good: The Impact of Norms, Selfishness and Context in Social Policy Opinion. Journal of Socio-Economics. 26-5: 475-494.
  23. Lavertu S. and Weimer D.L. (2009). Integrating Delegation into Policy Theory Literature. The Policy Studies Journal. 37(1): 93-102.
  24. Lee B. (1986). Pragmatics of community organization. Mississauga, Ontario: Common Act Press.
  25. Lévy P. (2002). Cyberdémocratie. Essai de philosophie politique. Paris: Odile Jacob. Machiavelli N. (1961). Il Principe. Torino: Einaudi.
  26. Mazzeo G. (2011). Città a meno del piano. L’indifferenza delle strutture urbane alla pianificazione. Milano: FrancoAngeli.
  27. Moccia F.D. (2009). Nuove prospettive nel rapporto urbanistica-politica. In: Moccia F.D., a cura di, Urbanistica e politica. Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane. pp. 11-22.
  28. Morin E. (2011). La sfida della complessità. Firenze: Le Lettere. Morozov E. (2011). L’ingenuità della rete. Il lato oscuro della libertà di internet. Torino: Codice Edizione.
  29. Olmo C. (a cura di) (2001). Costruire la città dell’uomo. Adriano Olivetti e l’urbanistica. Torino: Edizioni Comunità.
  30. Parker S. (2006). Teoria ed esperienza urbana. Bologna: Il Mulino.
  31. Platone (2007). La Repubblica. Bari Roma: Laterza.
  32. Putnam R.D. (2004), Capitale sociale e individualismo. Crisi e rinascita della cultura civica in America. Bologna: il Mulino.
  33. Sandercock L. (2004). Towards a Planning Imagination for the 21st Century. Journal of the American Planning Association. 70-2: 133-141. DOI 10.1080/01944360408976368.
  34. Secchi B. (1998). Pianificazione del territorio. In: Enciclopedia delle scienze sociali. Roma: Treccani. Testo disponibile al sito: http://www.treccani.it/ enciclopedia/pianificazione-del-territorio_(Enciclopedia_delle_scienze_ sociali)/. Accesso: 16/03/2015.
  35. Weber M. (1974). Economia e società. Teoria delle categorie sociali. Milano: Edizioni Comunità.

Giuseppe Mazzeo, in "ARCHIVIO DI STUDI URBANI E REGIONALI" 117/2016, pp. 115-136, DOI:10.3280/ASUR2016-117006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche