Clicca qui per scaricare

La formazione personale del terapeuta a differenti livelli: l’utilità di un linguaggio analogico
Titolo Rivista: PSICOBIETTIVO 
Autori/Curatori: Luigi Onnis, Paola Mari, Benedetta Menenti 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 3  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 99-112 Dimensione file:  108 KB
DOI:  10.3280/PSOB2016-003006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In questo articolo, gli Autori descrivono un modello di lavoro sulla persona del terapeuta sistemico, adottato nel programma di training degli Istituti Italiani IEFCoSTRE. Essi sottolineano che la formazione personale del terapeuta non necessita di spazi particolari separati da quelli del training, perché questi potrebbero diventare spazi troppo specificatamente terapeutici (ad eccezione che in quei casi in cui l’allievo richieda chiaramente una terapia personale); al contrario gli autori ritengono che il lavoro sulla persona del terapeuta debba svolgersi all’interno del processo formativo, attraverso le diverse fasi del suo sviluppo. Gli Autori distinguono quattro livelli: a) il lavoro sulla storia familiare dell’allievo; b) l’analisi delle dinamiche interpersonali nel gruppo di training; c) il lavoro sull’allievo attraverso la supervisione diretta, che permette l’analisi delle sue reazioni emozionali nell’impatto con la famiglia durante la terapia; d) il lavoro sull’allievo attraverso la supervisione indiretta, che permette di valutare la capacità dell’allievo di governare il proprio mondo interno, il proprio "Sé" in terapia. Gli Autori focalizzano il discorso, in particolare, sul primo di questi livelli, il lavoro sulla storia familiare dell’allievo, che comincia col genogrammna e continua con altre costruzioni analogiche e metaforiche (sculture, fiabe, racconti metaforici). Essi sottolineano l’utilità di lavorare con un linguaggio analogico e metaforico che è particolarmente efficace nel permettere che possa emergere ciò che, abitualmente, non può essere espresso con le parole: "nodi" non risolti e inconsapevoli del mondo interno dell’allievo, che non possono essere immediatamente esplorati attraverso il pensiero razionale. Viene presentato, a scopo esemplificativo, il lavoro sulla storia familiare di un’allieva. Più in generale gli Autori sottolineano che l’intero processo del training può essere interpretato in termini di ciclo vitale dell’allievo orientato ad acquisire una progressiva autonomia e individuazione del proprio "essere terapeuta".


Keywords: Sviluppo personale del terapeuta; training sistemico; storia familiare; linguaggio metaforico

  1. Bateson G. (1972) Step, to an Ecology of Mind, Chandler, New York
  2. Bateson G. (1979) Mind and Nature: a necessary unit, Dutton, New York
  3. Berger M., Damman. C. (1982) “Live Supervision as Context, Treatment and training”, Family Process, 21: 337-344.
  4. 00337.x
  5. Bion W.R. (1962) Esperienze nei gruppi, Armando, Roma
  6. Boscolo L., Bertrando P. (1993) I tempi del tempo, Bollati Boringhieri, Torino
  7. Bowen M. (1978) Family therapy in Clinical Practice, Aronson, New York
  8. Bruner J. (1991) “La costruzione narrativa della realtà”, in Ammanniti M., Stern D.N. (a cura di), Rappresentazioni e narrazioni, Laterza, Bari
  9. Bying-Hall J. (1995) Re-writing the Family Scripts, Guilford Press, London-New York
  10. Caillè P., Rey Y. (1994) Les objets flottants, ESF, Paris
  11. Cancrini L. (1987) Psicoterapia: grammatica e sintassi, NIS, Roma
  12. Cigoli V. (1989) “Prefazione” a Montàgano S., Pazzagli A., Il genogramma, FrancoAngeli, Milano
  13. Duhl F.J., Kantor D., Duhl B.S. (1973) “Learning space and action in family therapy: a primer of sculpture”, in Bloch D.A. (ed.), Techniques of family psychotherapy: a primer, Grune-Stratton, New York
  14. Elkaim M. (1989) Si tu m’aimes ne m’aime pas, Seuil, Paris
  15. Galluzzo W. (1994) “Narrazione e psicoterapia relazionale”, Psicobiettivo, 1
  16. Gergen K. (1982) Toward transformation in social knowledge, Springer-Verlag, New York
  17. Guerin P.J., Pendagast M.A. (1976) “Evaluation of family system and genogram”, in Bloch D.A. (ed.), Family Therapy: Theory and practice, Gardner Press, New York
  18. Haley J. (1976) Problem solving therapy, Jossey Bass, S. Francisco
  19. Hoffman L. (1981) Foundations of Family Therapy, Basic Books, New York
  20. Holf L., Berman E. (1986) “Il genogramma sessuale”, Terapia Familiare, 22
  21. Liddle M.A., Schwarts R.C. (1985) “Supervisione diretta-consultazione: indicazioni concettuali e pragmatiche per i formatori”, Terapia Familiare, 17
  22. Mc Daniel S., Weber T., Mc Keever J. (1984). “Approcci diversi alla supervisione: un orientamento nella formazione in terapia familiare”, Terapia Familiare, 15
  23. Montàgano S., Pazzagli A. (1989) Il genogramma, FrancoAngeli, Milano
  24. Morin E. (1977) La methode: La nature de la nature, Seuil, Paris
  25. Onnis L. (1991) “Renouvellement epistemologique de la therapie systemique”, Therapie Familiale, XII, 2: 99-109
  26. Onnis L. (1993) “Psychosomatic Medicine, toward a new epistemolgy”, Family Systems Medicine, II, 2: 137-148
  27. Onnis L. (1996) Les langages du corps, ESF, Paris
  28. Onnis L. (1997) La palabra del cuerpo, Herder, Barcelona, Buenos Aires
  29. Onnis L. (1999) “Le langage metaphorique et non verbale en psychotherapie systemique: vers une narration analogique”, Cahiers critiques de therapie familiale et de pratiques de reseaux, 22: 57-76
  30. Onnis L., Di Gennaro A., Cespa G., D’Agostini B., Chouhy A., Dentale R.C.,
  31. Quinzi P. (1994a) “Sculpting present and future: a systemic intervention model applied to psychosomatic families”, Family Process, 33, 3: 341-355
  32. Onnis L., Galluzzo W. (2002) “La formazione in psicoterapia sistemica: problemi e prospettive”, Psicobiettivo, XXII, 1: 19-34
  33. Onnis L., Laurent M., Benedetti P., Cespa G., Di Gennaro A., Dentale R.C., De Tiberiis F. (1994) “Il mito familiare: concetti teorici e implicazioni terapeutiche”, Ecologia della Mente, 2: 96-112 (trad. français dans Terapie Familiare, 16, 4: 331-349, 1995)
  34. Papp P. (1976) “Family coreography, in Guerin P. (ed.), Family Therapy: Theory and Practice, Gardner Press, New York
  35. Sacks O. (1985) L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello, Adelphi, Milano
  36. Sluzki C. (1992) “Transformations: a Bluprint for Narrative Changes in Therapy”, Family Process, 31, 2: 217-230
  37. Watzlawick P., Weakland J. H., Fish R. (1974) Change, Norton, New York
  38. White M., Epston D. (1990) Narrative means to therapeutic ends, Norton, New York

Luigi Onnis, Paola Mari, Benedetta Menenti, in "PSICOBIETTIVO" 3/2016, pp. 99-112, DOI:10.3280/PSOB2016-003006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche