Clicca qui per scaricare

La funzione del nesso-mitico rituale nella tossicodipendenza come esito di una rilettura demartiniana
Titolo Rivista: RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA 
Autori/Curatori: Simone Spensieri 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  11 P. 99-109 Dimensione file:  670 KB
DOI:  10.3280/RSF2016-003008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Attraverso questo lavoro si vuole esplorare il significato rituale della tossicodipendenza valutandola da un punto di vista esperienziale, a partire dall’analisi dei vissuti dei soggetti, interpretati rispetto a ciò che mettono in scena durante il rituale consumo di eroina. Le considerazioni si sviluppano da una riflessione sulla storia di un paziente immigrato tossicodipendente e fanno riferimento ad alcuni concetti elaborati da Ernesto De Martino che abbiamo ritenuto particolarmente utili ad una rilettura della tossicodipendenza. Gli effetti di questo lavoro spostano l’azione del curante da una prassi clinica centrata sul concetto della tossicodipendenza come equivalente suicidario, ad una dinamica di esplorazione dell’uso rituale della sostanza in quanto tentativo di resistenza, riabilitazione e riscatto di soggetti alle prese con una crisi della presenza.


Keywords: Tossicodipendenza, etnopsichiatria, Ernesto De Martino, crisi della presenza, rito.

  1. [1] Bourdieu P. Ragioni pratiche. Bologna: Il Mulino; 2009, p. 66.
  2. [2] Beneduce R. Antropologia della cura. Torino: Bollati Boringhieri; 2005, p. 240-241.
  3. [3] De Certau M. L’invention du quotidien. Paris: Gallimard; 1990 (tr. it.: L’invenzione del quotidiano. Roma: Edizioni del Lavoro; 2005).
  4. [4] Spensieri S, Valentini L. Un Ser.T diventa Escuelita. La presa in carico di giovani latinos. Animazione Sociale 2009; 232: 69-77.
  5. [5] Spensieri S, Sbarboro C. L’Escuelita: presa in carico di un gruppo di giovani immigrati al Ser.T.. Rivista dei Gruppi 2011; 3: 119-134.
  6. [6] Spensieri S. La disposizione terapeutica nella conduzione di un gruppo di giovani immigrati Tossicodipendenti. Gli Argonauti 2012; 133: 171.
  7. [7] Oddone C, Spensieri S. Se un ambulatorio diventa video laboratorio. Animazione Sociale 2014; 285: 92-101.
  8. [8] Beneduce R. Angoscia e volontà di storia. Aut Aut 2015; 366:149-184.
  9. [9] Spensieri S. Intervista a R. Beneduce. Disarticolazione del mito della diagnosi. Animazione Sociale 2012; 42: 3-14
  10. [10] Basaglia F. (1965). Corpo, sguardo e silenzio. L’enigma della soggettività in psichiatria. Rivista Sperimentale di Freniatria 2007; 1: 11-22.
  11. [11] De Martino E. (1959). Sud e Magia. Milano: Feltrinelli; 2006.
  12. [12] Taussig M. Cocaina. Milano: Mondadori; 2007, p. 175.
  13. [13] Spensieri S, Bellucci K, Bonfanti D, Pinazzo Z. Sipario! L’emersione del soggetto nel lavoro con gruppi di migranti Tossicodipendenti. Gli Argonauti. 2015; 145: 71-84.
  14. [14] De Martino E. (Gallini C, Massenzio M, ed.) La fine del Mondo. Contributo all’analisi delle apocalissi culturali. Torino: Einaudi; 2002.
  15. [15] Resnik S. Prefazione. In: Sava V, La Rosa E. Lo spazio dei limiti, Prospettive psicoanalitiche nella psicoterapia delle Tossicodipendenze. Milano: Franco Angeli; 2006, p. 5.
  16. [16] Pizza G. Tarantismo oggi. Antropologia, politica, cultura. Roma: Carocci; 2015, p. 116-117.

Simone Spensieri, in "RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA" 3/2016, pp. 99-109, DOI:10.3280/RSF2016-003008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche