Clicca qui per scaricare

Le disuguaglianze di accesso alla protezione sociale nel mondo del lavoro: innovazioni e persistenze nel sistema di welfare italiano
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Davide Bubbico 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 144 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 156-171 Dimensione file:  109 KB
DOI:  10.3280/SL2016-144010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Le disuguaglianze tra lavoratori standard e atipici sono tradizionalmente osservate nei rapporti di lavoro, nelle retribuzioni e negli orari. Nel corso degli ultimi tre decenni, tuttavia, la modificazione dei regimi contrattuali in Italia ha determinato un’ulteriore disuguaglianza nell’accesso al sistema della protezione sociale, ovvero all’insieme degli ammortizzatori sociali, e nel futuro trattamento previdenziale. Quest’ultimo aspetto risulta particolarmente problematico per la prevalenza nel lavoro atipico di basse retribuzioni, di occupazioni dal carattere intermittente e più generale, come per chi è entrato nel mercato del lavoro dopo la prima metà degli anni Novanta, per il passaggio sul piano previdenziale da un sistema retributivo ad uno interamente contributivo e per le difficoltà di accedere alla previdenza complementare. L’obiettivo dell’articolo è di analizzare l’evoluzione di queste disuguaglianze e di comprenderne se sia in atto una loro riduzione piuttosto che il loro consolidamento.


Keywords: Disuguaglianza, lavoro atipico, sicurezza sociale, precarietà del lavoro

  1. Giubboni S. (2005). Il diritto della sicurezza sociale in trasformazione. Torino: Giappichelli.
  2. Gough I. (1985). L’economia politica del welfare state. Napoli: Loffredo (ed. orig. The Political Economy of the Welfare State. London: Macmillan, 1979).
  3. Habermas J. (1989). The New Conservatism: Cultural Criticism and the Historians’ Debate. Cambridge: MIT Press.
  4. Inps (2015a). Il lavoro parasubordinato. Aggiornamento all’anno 2014. Roma.
  5. Inps (2015b). Bilancio sociale 2014. Roma.
  6. ISTAT (2016). Rapporto annuale 2016. La situazione del paese. Roma.
  7. Aa.Vv. (2013). In-flessibili. Roma: Ediesse.
  8. Jessoula M., Reitano M. (2016). Pensioni e lavoro: la difficile integrazione dopo due decenni di riforme. Testo disponibile al-- sito: www.italianieuropei.it,consultato in data 3 aprile 2016.
  9. Jordan B. (1987). Rethinking work. Oxford: Blackwell.
  10. Antichi M. (2015). La riforma Dini vent’anni dopo. Testo disponibile al-- sito www.lavoce.info.it, consultato in data 17 aprile 2016.
  11. Lagala C. (2005). Precariato e welfare in Italia. Roma: Ediesse.
  12. McKay S., Caldarini C., Giubboni, S. (2014). The “place” of atypical work in the European social security coordination: A transnational comparative analysis. Inca Cgil.
  13. McKay S., Jefferys S. Paraksevopoulou A., Keles J. (2012). Study on Precarious work and Social Rights. WorkingLives Research Institute, London Metropolitan University.
  14. Ministero del Lavoro (2016a). Rapporto annuale sulle comunicazioni obbligatorie 2016. Roma.
  15. Ministero del Lavoro (2016b). L’utilizzo dei voucher per le prestazioni di lavoro accessorio. Roma.
  16. Beck U. (2000). La società del rischio. Verso una seconda modernità. Roma: Carocci (ed. orig. Risikogesellschaft. Auf dem Weg in eine andere Moderne. Frankfurt: Suhrkamp, 1986).
  17. BIN Italia (2012). Reddito minimo garantito. Torino: Edizioni Gruppo Abele.
  18. Paci M. (2005). Nuovi lavori, nuovo welfare: sicurezza e libertà nella società attiva. Bologna: il Mulino.
  19. Bisignano M. (2013). Les défis du système de protection sociale italien au prisme de l’emploi atypique. Revue française des affaires sociales, 4: 72-89.
  20. Pinto V. (2015). Il lavoro accessorio tra vecchi e nuovi problemi. Lavoro e Diritto, 4: 679-688.
  21. Bozzao P. (2003). Dal «lavoro» alla «laboriosità». Nuovi ambiti della protezione sociale e discontinuità occupazionale. Rivista del Diritto della Sicurezza Sociale, 2: 553-565.
  22. Raitano M. (2012). I primi anni di carriera: lavoro atipico, povero e bassa accumulazione contributiva. L’evidenza di un panel di lavoratori italiani. La Rivista delle Politiche Sociali, 2: 97-124.
  23. Raitano M. (2013). Criticità e problemi irrisolti della riforma previdenziale. La Rivista delle Politiche Sociali, 1-2: 41-61. Revelli M. (1995). Il welfare alle ortiche. In: Aa.Vv., Ai confini dello stato sociale. Roma: Manifestolibri:19-26.
  24. Bronzini G. (1995). Welfare State e autoregolazione. In: Aa.Vv., Ai confini dello stato sociale. Roma: Manifestolibri: 43-54.
  25. Rizza R. (2015). Gli ammortizzatori sociali nel Jobs Act. Politiche Sociali, 2: 335-340.
  26. Sansoni A. M. (2009). Limits and potential of the use of vouchers for personal service, Working Paper ETUI 2009.06, European Trade Union Institute, Brussels.
  27. Bubbico D. (2013). Le politiche attive del lavoro in Italia tra sostegno all’occupazione e deregolamentazione contrattuale dell’impiego. Democrazia e Diritto, 1-2: 105-134.
  28. Schubert K, Hegelich S., Bazant U., eds. (2009). The Handbook of European Welfare Systems. London and New York: Routledge.
  29. Burroni L., Pedaci L. (2014). Collective bargaining, atypical employment and welfare provisions: the case of temporary Agency Work in Italy. Stato e Mercato, 2: 101-193.
  30. Supiot A., a cura di (2003). Il futuro del lavoro. Trasformazioni dell’occupazione e prospettive della regolazione del lavoro in Europa. Roma: Carocci.
  31. Viitanen K. (2007). Childcare voucher and labour market behaviour: Experimental evidence from Finland. Sheffield Economic Research Working Paper Series 2007011, University of Sheffield.
  32. Carbonier C., Morel N. eds. (2015). The Political Economy of Household Service in Europe. London: Palgrave MacMillan.
  33. Chiesi A.M. (1990). I lavori atipici. Un quadro di riferimento concettuale. Democrazia e Diritto, 1: 13-30.
  34. Cnel (2003). La situazione degli ammortizzatori sociali in Italia e in Europa. Roma, Documenti, n. 48.
  35. COVIP (2015). Relazione per l’anno 2014. Roma.
  36. Curtarelli M., Tagliavia C. (2003). Lavoro atipico e servizi per l’impiego, ISFOL, RP(MDL), n. 11.
  37. Delarue M. (1987). Temps partiel, intérim, contrat à durée déterminée: la progression du travail atypique. Regards sur l’actualité, 129: 19-41.
  38. Ebitemp (2011). Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2010. Roma.
  39. Ebitemp (2015). Il lavoro in somministrazione nel 2014. Roma. Emmenegger P., Häusermann S., Palier B., Seeleib-Kaiser M., eds. (2012). The Age of Dualization. The Changing Face of Inequality in Deindustrializing Societies. Oxford: Oxford University Press.
  40. Fellini I. (2015). Jobs Act e contratto a tutele crescenti: alcuni effetti sul mercato del lavoro. Politiche Sociali, 2: 331-334.
  41. Ferrara M. (1993). Modelli di solidarietà. Bologna: il Mulino.
  42. Ferraresi P.M., Segre G. (2002). “Il futuro previdenziale dei lavoratori parasubordinati”, XIV Conferenza della Società italiana di economia politica, Università di Pavia, 4 e 5 ottobre.
  43. Fumagalli A. (2011). La proposta di welfare metropolitano. Quaderni di San Precario, 1: 223-259.
  44. Gallino L. (2008). Il lavoro non è una merce. Bari-Roma: Laterza.
  45. Gallino L. (2012). La lotta di classe dopo la lotta di classe. Bari-Roma: Laterza.

Davide Bubbico, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 144/2016, pp. 156-171, DOI:10.3280/SL2016-144010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche