Il dono di Prometeo. Gruppo di libera conversazione in SPDC per persone "con indicibile sofferenza", infermieri, familiari, operatori, psichiatra e psicologo

Titolo Rivista: GRUPPI. Nella clinica, nelle istituzioni, nella società
Autori/Curatori: Raffaele Barone, Oriana Moschella, Andrea Intilla
Anno di pubblicazione: 2015 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 7 P. 67-73 Dimensione file: 131 KB
DOI: 10.3280/GRU2015-003008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il gruppo di conversazione in SPDC ambisce a svolgere la funzione di pensiero intermedio tra i servizi di psichiatria e la comunità Calatina in cui ha luogo, tra il pensiero unico, rigido tipico del delirio, e la confusione destabilizzante. Il gruppo per i pazienti è come Prometeo, amico degli umani, che dona loro il fuoco, il pensiero e la memoria, è uno spazio di pensiero intermedio, prepara le persone con "indicibile sofferenza" a tollerare le contraddizioni della vita e la comunità ad accogliere senza troppo timore la diversità. L’obiettivo finale del gruppo è permettere che i partecipanti, tentando di dare un senso all’esperienza del ricovero, diventino soggetti agenti del proprio miglioramento e adattamento al contesto di vita. Questo è un gruppo a "doppia intermittenza": la partecipazione, anche fisica, è fluttuante, la sfida è trovare il filo di Arianna per uscire dal labirinto mentale e alleggerire il peso della mostruosa presenza di angosce soverchianti attraverso una conduzione che fascia le ferite. I componenti del gruppo, familiari, pazienti e operatori, creano un’atmosfera magica, romantica e mostruosa in cui emergono tutti i mali del mondo, ingiustizie, violenze, morte, stigma, come quando Pandora scoperchia il vaso chiuso da Prometeo.

  1. Barone R., Bellia V., Bruschetta S. (2010). Psicoterapia di comunità. Milano: FrancoAngeli.
  2. De Maré P.B., Schöllberger R. (2008). An Apologia for the Human Mind. Group Analysis, 41, 1: 5.
  3. DOI: 10.1177/053331640808840
  4. Di Maria F., Lo Verso G. (1995). La psicodinamica dei gruppi. Milano: Raffaello Cortina.
  5. Gasseau M. (2008). Appunti docenza scuola COIRAG sede di Torino, Corso di Psicoterapia di gruppo.
  6. Ministero della Salute (2008). “Linee di indirizzo per la salute mentale in Italia”.
  7. Pozzi L. (2008). Gruppo dialogo in SPDC. Gruppi, X, 2: 81-97.
  8. Schöllberger R. (2008). Ristabilire la Mente. Il dialogo (Median Group) in Reparto Psichiatria e al Centro di Salute Mentale 15-30 partecipanti. Gruppi, X, 2: 73-80.
  9. Yalom I.D. (1970). Teoria e pratica della psicoterapia di gruppo. Torino: Boringhieri, 1977.

Raffaele Barone, Oriana Moschella, Andrea Intilla, Il dono di Prometeo. Gruppo di libera conversazione in SPDC per persone "con indicibile sofferenza", infermieri, familiari, operatori, psichiatra e psicologo in "GRUPPI. Nella clinica, nelle istituzioni, nella società" 3/2015, pp 67-73, DOI: 10.3280/GRU2015-003008