Clicca qui per scaricare

Lavorare con l’età evolutiva in psicoterapia della Gestalt
Titolo Rivista: QUADERNI DI GESTALT 
Autori/Curatori: Giueppe Sampognaro 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  20 P. 41-60 Dimensione file:  227 KB
DOI:  10.3280/GEST2016-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo presenta il percorso metodologico in ambito clinico elaborato dall’autore durante i tanti anni dedicati alla presa in carico di bambini e adolescenti nell’ambito del servizio pubblico presso cui lavora. Un percorso improntato ai princìpi della psicoterapia della Gestalt e alla prospettiva evolutiva del nostro approccio, che valorizza la creatività del contatto tra caregiver e bambino e la polifonia dei domini gestaltici secondo le più recenti acquisizioni.


Keywords: Età evolutiva, contatto, dominio, campo fenomenologico, setting

  1. Bellak L., Bellak S. (1957). CAT. Test di appercezione tematica per bambini. Manuale di istruzioni. Firenze: Giunti.
  2. Bloom D. (2007). “Tigre! Tigre! Che splendente bruci”: valori estetici come valori clinici in psicoterapia della Gestalt. In: Spagnuolo Lobb M. e Amendt-Lyon N., a cura di, Il permesso di creare. L’arte della psicoterapia della Gestalt. Milano: FrancoAngeli, pp. 98-115.
  3. Bowlby J. (1999). Attaccamento e perdita. Torino: Bollati Boringhieri.
  4. Buonomo B., Messina S. (2014). La co-terapia gestaltica nel trattamento dei bambini. In: Francesetti G., Ammirata M., Riccamboni S., Sgadari N., Spagnuolo Lobb M., a cura di, Il dolore e la bellezza. Atti del III Convegno della Società Italiana Psicoterapia della Gestalt. Milano: FrancoAngeli.
  5. Corman L. (1970). Il disegno della famiglia: test per bambini. Torino: Bollati Boringhieri.
  6. Duss L. (1957). Il metodo delle storie da completare. Manuale di istruzioni. Firenze: Giunti.
  7. Fonagy P., Target M. (2001). Attaccamento e funzione riflessiva. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  8. Francesetti G. (2014). Dalla sintomatologia individuale ai campi psicopatologici. Verso una prospettiva di campo sulla sofferenza clinica. Quaderni di Gestalt, XXVII, 2: 31-56., DOI: 10.3280/GEST2014-00200
  9. Francesetti G., Gecele M. (2010). Psicopatologia e diagnosi in psicoterapia della Gestalt. Quaderni di Gestalt, XXIII, 1: 51-78., DOI: 10.3280/GEST2010-00100
  10. Francesetti G., Ammirata M., Riccamboni S., Sgadari N., Spagnuolo Lobb M., a cura di (2014). Il dolore e la bellezza. Atti del III Convegno della Società Italiana Psicoterapia della Gestalt. Milano: FrancoAngeli.
  11. Gallese V. (2011). Il now-for-next tra neuroscienze e psicoterapia della Gestalt. Dialogo con M. Spagnuolo Lobb. Quaderni di Gestalt, XXIV, 2: 11-26., DOI: 10.3280/GEST2011-00200
  12. Gallese V. (2013). Prefazione. In: Cavaleri P.A., a cura di, Psicoterapia della Gestalt e neuroscienze. Dall’isomorfismo alla simulazione incarnata. Milano: FrancoAngeli, pp. 11-15.
  13. Gandolfi M., Martinelli F. (2008). Il bambino nella terapia. Trento: Erickson.
  14. Kitzler R. (2007). La creatività come terapia della Gestalt. In: Spagnuolo Lobb M., Amendt-Lyon N., a cura di, Il permesso di creare. L’arte della psicoterapia della Gestalt. Milano: FrancoAngeli, pp. 139-152.
  15. Levi N. (2014). La gabbia dorata dell’adattamento creativo: un approccio gestaltico alla psicoterapia con bambini e adoescenti. In: Francesetti G., Gecele M., Roubal J., a cura di, La psicoterapia della Gestalt nella pratica clinica. Dalla psicopatologia all’estetica del contatto. Milano: FrancoAngeli.
  16. Oaklander V. (1999). Il gioco che guarisce. Catania: EPC.
  17. Polster E., Polster M. (1986). La terapia della Gestalt integrata. Milano: Giuffrè.
  18. Sampognaro G. (2012). La teoria evolutiva in psicoterapia della Gestalt. Storia di un dibattito ancora aperto. Quaderni di Gestalt, XXV, 2: 51-65., DOI: 10.3280/GEST2012-00200
  19. Sampognaro G. (2014). Punctum e psicoterapia della Gestalt. Dalla percezione al contatto. In: Francesetti G., Ammirata M., Riccamboni S., Sgadari N., Spagnuolo Lobb M., a cura di, Il dolore e la bellezza. Atti del III Convegno della Società Italiana Psicoterapia della Gestalt. Milano: FrancoAngeli.
  20. Spagnuolo Lobb M. (2011). Il now-for-next in psicoterapia. La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna. Milano: FrancoAngeli.
  21. Spagnuolo Lobb M. (2014). Verso una prospettiva evolutiva della psicoterapia della Gestalt. Lo sviluppo polifonico dei domini. In: Francesetti G., Gecele M., Roubal J., a cura di, La psicoterapia della Gestalt nella pratica clinica. Dalla psicopatologia all’estetica del contatto. Milano: FrancoAngeli.
  22. Spagnuolo Lobb M. (2015). Il sé come contatto. Il contatto come sé. Un contributo all’esperienza dello sfondo secondo la teoria del sé della psicoterapia della Gestalt. Quaderni di Gestalt, vol. XXVIII, 2: 25-56., DOI: 10.3280/GEST2015-00200
  23. Spagnuolo Lobb M. (2016). Gestalt Therapy with Children: Supporting the Polyphonic Development of Domains in a Field of Contacts. In: Spagnuolo Lobb M., Levi N., Williams A.D., eds. (2016). Gestalt Therapy with Children: From Epistemology to Clinical Practice. Siracuse: Istituto di Gestalt HCC Italy Publ. Co. (www.gestaltitaly.com).
  24. Spagnuolo Lobb M., Amendt-Lyon N., a cura di (2007). Il permesso di creare. L’arte della psicoterapia della Gestalt. Milano: FrancoAngeli.
  25. Stern D.N. et al. (2000). Lo sviluppo come metafora della relazione. Quaderni di Gestalt, XVII, 30/31: 6-21.
  26. Stolorow R.D., Atwood G.E. (1995). I contesti dell’essere, le basi intersoggettive della vita psichica. Torino: Bollati Boringhieri.
  27. Wellman H.M. (2015). Making Minds: How Theory of Mind Develops. New York, NY: Oxford University Press.
  28. Zinker J. (2002). Processi creativi in psicoterapia della Gestalt. Milano: FrancoAngeli.



  1. Giuseppe Sampognaro, La linea della vita: una tecnica gestaltica in QUADERNI DI GESTALT 2/2017 pp. 73, DOI: 10.3280/GEST2016-002007

Giueppe Sampognaro, in "QUADERNI DI GESTALT" 1/2016, pp. 41-60, DOI:10.3280/GEST2016-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche