Fiducia verso persone e istituzioni: evidenze da una survey sul capitale civico degli studenti

Titolo Rivista: RIVISTA DI ECONOMIA E STATISTICA DEL TERRITORIO
Autori/Curatori: Giorgio Fazio, Enza Maltese, Davide Piacentino
Anno di pubblicazione: 2016 Fascicolo: 3 Lingua: English
Numero pagine: 13 P. 100-112 Dimensione file: 154 KB
DOI: 10.3280/REST2016-003007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Secondo la teoria economica il capitale civico è il risultato di un processo di investimento sociale che avviene attraverso canali di trasmissione verticale interni alla famiglia e orizzontale nella socializzazione tra pari. Il contesto di riferimento, quale per esempio il quartiere, gioca un ruolo importante influenzando entrambi questi canali. In questo contributo, vengono presentate alcune prime evidenze ottenute da un’in¬dagine statistica condotta sugli studenti delle scuole secondarie di secondo grado della città di Palermo con lo scopo di misurare le principali dimensioni che concorrono alla formazione del capitale civico e umano. In particolare, viene qui posta l’atten¬zione sulla fiducia, un particolare tratto culturale alla base del capitale civico. Nello specifico, si opera la distinzione tra fiducia verso persone (famiglia, insegnanti, amici, vicini ecc.) e fiducia verticale o verso istituzioni (Stato, scuola, istituzioni religiose ecc.). Lo studio, di carattere prevalentemente empirico-descrittivo, si pone dunque l’obiettivo di misurare il grado di fiducia degli studenti e di investigarne l’eterogeneità territoriale. In generale, la fiducia emerge come un tratto culturale caratterizzato da legami "forti", stabiliti attraverso le relazioni di maggiore intensità, dove all’elevato grado di fiducia verso familiari, amici e insegnanti, viene anteposta una generale sfiducia verso persone e istituzioni caratterizzate da legami deboli. Dall’analisi spaziale è possibile evidenziare differenze statisticamente significative nel confronto tra gli studenti residenti in città e quelli residenti in provincia e successivamente tra gli studenti residenti nei diversi quartieri della città. Tali differenze sembrano anche emergere considerato il livello di istruzione degli adulti di riferimento a casa. Vista la natura preliminare di questi risultati, si ritiene necessario svolgere analisi future più dettagliate al fine di identificare meglio i meccanismi di trasmissione dei valori e il ruolo della scuola e delle istituzioni locali nel favorire la formazione di capitale civico.

  1. Banfield E.C. (1958), The Moral Basis of a Backward Society. New York: free press.
  2. Baumont C. (2007), Neighborhood Effects, Urban Public Policies and Housing Values. A Spatial Econometric Perspective. LEG – Document de travail – Economie 2007-09, LEG, Laboratoire d’Economie et de Gestion, CNRS, Université de Bourgogne.
  3. Bisin A., Verdier T. (2001), The Economics of Cultural Transmission and the Evolution of Preferences, Journal of Economic Theory, 97, pp. 298-319.
  4. Debertin D.L., Goetz S.J. (2010), Social Capital Formation in Rural, Urban and Suburban Communities, in P. Maiti (ed.), Environmental Politics: From Sociability to Sustenance. New Delhi: Discovery Publishing House PVT LTD, pp. 166-195.
  5. Del Bello C.L., Patacchini E., Zenou Y. (2015), Neighborhood Effects in Education, IZA Discussion Papers 8956, Institute for the Study of Labor.
  6. Durlauf S. (2004), Neighborhood Effects, Handbook of Regional and Urban Economics, vol. 4 (ed. by J.V. Henderson, J.E. Thisse).
  7. Fazio G., Lavecchia L. (2013), Social Capital Formation across Space Proximity and Trust in European Regions, International Regional Science Review, 36, pp. 296-321.
  8. Gitell R.V., Vidal A. (1998), Community Organizing: Building Social Capital as a Development Strategy. Newbury Park: Sage Publications.
  9. Granovetter M. (1973), The Strength of Weak Ties, American Journal of Sociology, 78, pp. 1360-1380.
  10. Guiso L., Sapienza P., Zingales L. (2010), Civic Capital as the Missing Link, in Handbook of Social Economics. North Holland, 2011, chap. 10.
  11. Harding D.J. (2011), Rethinking the Cultural Context of Schooling Decisions in Disadvantaged Neighborhoods: From Deviant Subculture to Cultural Heterogeneity, Social Education, 1, 84, 4, pp. 322-339.
  12. Hofferth S., Iceland J. (1998), Social Capital in Rural and Urban Communities, Rural Sociology, 63, pp. 574-598.
  13. Solow R. (1995), Trust: The Social Virtues and the Creation of Prosperity (Book Review), The New Republic, 213, pp. 36-40.
  14. Tabellini G. (2008), The Scope of Cooperation: Values and Incentives, The Quarterly Journal of Economics, 3, pp. 905-950.
  15. Woolcock M. (1998), Social Capital and Economic Development: Toward a Theoretical Synthesis and Social and Policy Framework, Theory and Society, 27, pp. 151-208.

  • Entrepreneurial Intention among High-School Students: The Importance of Parents, Peers and Neighbours Roberto Patuelli, Enrico Santarelli, Annie Tubadji, in SSRN Electronic Journal /2020
    DOI: 10.2139/ssrn.3573422
  • Entrepreneurial intention among high-school students: the importance of parents, peers and neighbors Roberto PATUELLI, Enrico SANTARELLI, Annie TUBADJI, in Eurasian Business Review /2020 pp.225
    DOI: 10.1007/s40821-020-00160-y

Giorgio Fazio, Enza Maltese, Davide Piacentino, Fiducia verso persone e istituzioni: evidenze da una survey sul capitale civico degli studenti in "RIVISTA DI ECONOMIA E STATISTICA DEL TERRITORIO" 3/2016, pp 100-112, DOI: 10.3280/REST2016-003007