Clicca qui per scaricare

A proposito del processo di integrazione nel lavoro clinico: esiste davvero l’Effetto Martini?
Titolo Rivista: RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA 
Autori/Curatori: Marco Monari 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 95-106 Dimensione file:  1704 KB
DOI:  10.3280/RSF2017-001007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La metafora dell’integrazione è inestricabilmente collegata al lavoro psichiatrico. Da un lato ciò è dovuto alla natura biopsicosociale delle principali ipotesi eziopatogenetiche delle malattie mentali. Dall’altro al fatto che il modello del lavoro psichiatrico nei servizi pubblici italiani è basato sul gruppo di lavoro multi-professionale e sulla stretta integrazione dell’apporto di ciascun operatore con gli altri. Viene definita la natura processuale del termine integrazione a questi due livelli, nei suoi significati di stretta interdipendenza collaborativa e di aggiunta di qualcosa che risulta mancante. Quando le cose funzionano, il risultato è superiore alla somma aritmetica dei suoi componenti, così come diverso e migliore è il gusto del cocktail Martini, rispetto al gin e al vermouth bevuti separatamente. Il lavoro psichiatrico mette continuamente alla prova la tenuta psicologica-emotiva del gruppo di lavoro la cui resilienza è costituita dalla capacità di gestire di volta in volta i problemi, piuttosto che dall’assenza di conflittualità. Viene descritto un terzo possibile significato del termine integrazione nel passaggio dal piano delle teorie cliniche generali circa un disturbo e la sua cura, a quello della sua praticabilità terapeutica a livello dei Servizi. In questa accezione viene sottolineato il faticoso metabolismo mentale delle basi teoriche che consente di fare proprie le teorie e di personalizzarle nell’incontro col paziente. Vengono descritti infine alcuni aspetti problematici dell’integrazione nel trattamento dei pazienti con Disturbo Borderline di Personalità.


Keywords: Integrazione biopsicosociale, gruppo di lavoro, Disturbo Borderline di Personalità

  1. Bion WR. Evidence. Quaderni di Psicoterapia Infantile 1982; 6: 7-16.
  2. Monari M. La dimensione narrativa nel percorso di cura. In: Sanza M e Valerio S, ed. Disturbo borderline di personalità: esperienze di cura. Milano: FrancoAngeli; 2017 (in corso di pubblicazione).
  3. Gaddini E. Gli stati di non integrazione nell’esperienza gruppale. In: Scritti (1953-1985). Milano: Raffaello Cortina; 1989.
  4. Monari M. Un operatore viene picchiato. Rivista di Psicoanalisi 2016; LXII (2): 341-364.
  5. Monari M, Berti Ceroni F. Criteri di gestione clinica dei pazienti borderline nei servizi psichiatrici pubblici. II: Alcune proposte operative. Rivista Sperimentale di Freniatria 1998; CXXII (4): 220-234.
  6. Monari M., Fossati A. et al. Trattamento psichiatrico e modificazione degli stili di attaccamento in un campione di pazienti ambulatoriali con grave disturbo di personalità. Psichiatria di Comunità 2003; 2: 84-92.
  7. Berti Ceroni G. Confini, muri e bordi. Bologna: Paolo Emilio Persiani; 2011.
  8. Linee di Indirizzo per il trattamento dei Disturbo Gravi di Personalità nella Regione Emilia Romagna 2013; --http://salute.regione.emilia-romagna.it/salute-mentale/dgp.
  9. Monari M, Nasuelli F, Sanza M. La supervisione di equipe nel lavoro con i disturbi gravi di personalità. Milano: FrancoAngeli; 2017 (in corso di pubblicazione).
  10. Choi-Kain LW, Albert EB, Gunderson JG. Evidence-based treatments for borderline personality disorder: implementation, integration and stepped care. Harvard Review of Psychiatry 2016; 24 (5): 342-356.
  11. Galli PF. Comunicazione personale. 2014
  12. Gunderson JG. The emergence of a generalist model to meet public mental health needs for patients with borderline personality disorder. American Journal of Psychiatry 2016; 173 (5): 452-458.
  13. Bateman AW, Krawitz R Borderline personality disorder: an evidence-based guide for generalist mental health professionals. Oxford: Oxford University Press; 2013.
  14. Monari M. Elementi di continuità tra psichiatria e psicoanalisi. In: Cuniberti P e Caparrotta L, ed. Psicoanalisi in trincea Milano: FrancoAngeli; 2012.
  15. Monari M, Balzarro B et al. La psicoterapia psicodinamica supportiva per i pazienti con disturbo borderline di personalità: elementi comuni tra setting individuale ed istituzionale. Nuova Rassegna di Studi Psichiatrici, rivista online (R) 2015;11. --http://www.usl7.toscana.it/attachments/article/214/NRSP%20Vol.11%20-%2009%20-%20Un%20protocollo%20di%20trattamento%20per%20il%20disturbo%20Borderline%20di%20Personalità%20nei%20servizi%20di%20Salute%20Mentale%20di%20Bologna.pdf (ultimo accesso 27.02.2017)

Marco Monari, in "RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA" 1/2017, pp. 95-106, DOI:10.3280/RSF2017-001007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche