Clicca qui per scaricare

L’utilizzo dell’art. 44, comma 1, lett. d della legge n. 184/1983 nei casi di omogenitorialità: le ragioni del sì
Titolo Rivista: MINORIGIUSTIZIA 
Autori/Curatori: Giovanluigi Curcio, Luciano Trovato 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  7 P. 153-159 Dimensione file:  77 KB
DOI:  10.3280/MG2017-001019
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Obiettivo di questo contributo è di illustrare sinteticamente le ragioni che hanno portato parte della giurisprudenza di merito, con l’autorevole avvallo della Suprema Corte, ad ammettere l’utilizzo dell’art. 44 lett. d legge 184/1983 nei casi di omogenitorialità valorizzando, in coerenza con il quadro generale del diritto minorile, l’evoluzione che la famiglia ha avuto nella società e nella produzione legislativa e giurisprudenziale interna ed internazionale. Nel contempo si mira a chiarire che non ogni istanza potrà essere accolta ma solo quelle che dopo attenta valutazione, sarà dimostrato che perseguono, nel concreto, il miglior interesse del minore.


Keywords: Impossibilità di fatto o giuridica di affidamento preadottivo, insussistenza stato di abbandono, adozione in casi particolari, figlio del convivente eterosessuale, figlio del convivente omosessuale, miglior interesse del minore.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The request was aborted: Could not create SSL/TLS secure channel.

Giovanluigi Curcio, Luciano Trovato, in "MINORIGIUSTIZIA" 1/2017, pp. 153-159, DOI:10.3280/MG2017-001019

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche