La de-posizione della sovranità dell’Io dell’analista è la relazione sociale

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Paola Cecchetti
Anno di pubblicazione: 2016 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 8 P. 70-77 Dimensione file: 139 KB
DOI: 10.3280/GRU2016-001006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

In questo lavoro abbiamo utilizzato un caso clinico per esporre la nostra modalità di doppia presa in carico e spiegare come integriamo il lavoro tra curanti appartenenti all’istituzione pubblica e al lavoro privato. Questa collaborazione spesso è difficile e ostacolata, ma potrebbe fornire utili vantaggi e una risposta alla carenza di risorse che affligge l’istituzione. L’appartenenza alla medesima associazione e la condivisione di un modello di pensiero e di lavoro dei curanti ha permesso e facilitato l’integrazione dei diversi interventi. Viene descritto il caso di una giovane paziente borderline multi-problematica per la quale il solo trattamento farmacologico associato a un inserimento in Day Hospital, e successivamente in comunità, si era dimostrato insufficiente. In particolare abbiamo esposto un incontro fatto con il metodo del "dialogo aperto" di Jaakko Seikkula che ha rappresentato un momento fondamentale di integrazione tra curanti e familiari e ha aperto la strada alla possibilità di associare un trattamento individuale in ambito privato con i trattamenti istituzionali già attivi. Tale modalità si è dimostrata efficace per ridurre le manifestazioni psicopatologiche della paziente.

  1. Freud S. (1937). Analisi terminabile e interminabile. In: OSF, 11. Torino: Borin-ghieri.
  2. Gaudé S. (1998). Sulla rappresentazione. Narrazione e gioco nello Psicodramma. Milano: Alpes, 2015.
  3. Lacan J. (2013). Il seminario. Libro VI. Il desiderio e la sua interpretazione. 1958-1959. Torino: Einaudi, 2015.
  4. Nancy J.-L. (1992). La comunità inoperosa. Napoli: Cronopio.
  5. Paley G. (1992). Begin Again. Collected Poems, New York: Straus e Giroux.
  6. Ripa di Meana G. (2015). Onore al sintomo. Roma: Astrolabio Ubaldini

Paola Cecchetti, La de-posizione della sovranità dell’Io dell’analista è la relazione sociale in "GRUPPI" 1/2016, pp 70-77, DOI: 10.3280/GRU2016-001006