Clicca qui per scaricare

L’Italia degli "ancora no": la ricerca delle origini e l’adozione aperta
Titolo Rivista: MINORIGIUSTIZIA 
Autori/Curatori: Silvia Di Lisi, Cinzia Novara 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 146-164 Dimensione file:  141 KB
DOI:  10.3280/MG2017-002015
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’apertura e il diritto dei bambini a sapere sulla loro provenienza genetica sono diventate questioni chiave nei dibattiti circa l’adozione e un significativo cambiamento verso la trasparenza ha preso luogo nel contesto politico italiano. Ma l’ipotesi sulla possibilità di adozione aperta trova ancora vincoli e limitazioni evidenti nella legge di adozione italiana, che tutela il diritto della madre all’anonimato, anziché il diritto di origine e l’identità dei bambini. Tuttavia, recenti ricerche hanno dimostrato l’importanza di parlare attraverso l’apertura in caso di adozione, vale a dire l’atteggiamento della vita familiare a comunicare con onestà e sincerità riguardo la biologia e biografia dei propri figli.


Keywords: Adozione aperta, anonimato della madre, openness, legge sull’adozione, diritto all’identità.

Silvia Di Lisi, Cinzia Novara, in "MINORIGIUSTIZIA" 2/2017, pp. 146-164, DOI:10.3280/MG2017-002015

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche