Clicca qui per scaricare

L’industria musicale tra media tradizionali e media digitali
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE  
Autori/Curatori: Rosario Ponziano 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: 53 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  13 P. 43-55 Dimensione file:  212 KB
DOI:  10.3280/SC2017-053004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il legame tra media e industria musicale consente di leggere i cambiamenti in atto nella comunicazione nella duplice prospettiva che, da un lato, evidenzia le trasformazioni dell’ambiente mediale in seguito all’avvento delle tecnologie digitali e di Rete e, dall’altro, sottolinea gli elementi di continuità con il passato. La tesi che si vuole sostenere in questo lavoro è che, al pari dei media digitali, i media tradizionali (soprattutto radio e tv) continuano ad essere strumenti privilegiati di intermediazione dell’industria musicale, sia per quanto riguarda l’organizzazione e la diffusione dei prodotti musicali, sia per quanto riguarda le pratiche di ascolto musicale.

The relationship between media and music industry allows to read the current changes in communication in the dual twofold perspective that, on the one hand, shows the media transformations following the advent of digital technologies and, on the other hand, highlights the elements of continuity with the past. The thesis that we want to support in this work is that, despites the success of digital media, traditional ones (especially radio and TV) continue to be means of the music industry, both for the organization and dissemination of music products, as well for music listening practices.
Keywords: Music industry, communication, media.

  1. Adorno T.W., Horkheimer M. (1947), Dialektik der Aufklärung. Philosophische Fragmente, Querido Verlag, Amsterdam; trad. it. (1974) Dialettica dell’Illuminismo, Einaudi, Torino.
  2. Airoldi M. (2015), Potrebbe interessarti anche: recommender algorithms e immaginario, il caso YouTube, «Im@go. A Journal of the Social Imaginary», 6, Year IV/December, pp. 132-150., DOI: 10.7413/22818138050
  3. Barra L. (2010), X Factor, in A. Grasso, M. Scaglioni (a cura di), Televisione convergente. La tv oltre il piccolo schermo, RTI, Milano.
  4. Becker H.S. (1982), Art Worlds. University of California Press, Berkeley, CA; trad. it. (2004) I mondi dell’arte, il Mulino, Bologna.
  5. Boccia Artieri G. (2012), Stati di connessione. Pubblici, cittadini e consumatori nella (Social) Network Society, FrancoAngeli, Milano.
  6. Bondebjerg I. (2002), The Mediation of Everyday Life. Genre Discourse and Spectacle in Reality Tv, in Bondebjerg I., Jerslev A. (eds.), Realism and Reality in Film and Media, Northen Lights Year Book, Copenhagen.
  7. Bonini T. (2006), La radio nella rete, Costlan, Milano.
  8. Bonini T. (2013), La radio in Italia, Carocci, Roma.
  9. Bonini T. (2015), The “Second Age” of podcasting: Reframing podcasting as a new digital mass medium, «Quaderns del CAC», 41(18), pp. 21-30.
  10. Bonini T., Monclus B. (a cura di) (2015), Radio Audiences and Participation in the age of network society, Routledge, London.
  11. Censis-Ucsi (2016), Tredicesimo Rapporto sulla comunicazione. I media tra élite e popolo, FrancoAngeli, Milano.
  12. Colombo F. (2013), Il potere socievole. Storia e critica dei social media, Mondadori, Milano.
  13. Davison D. et al. (2010), Cross-Media Communications: an Introduction to the Art of Creating Integrated Media Experiences, ETC Press, Pittsburg, PA.
  14. DeNora T. (2000), Music in Everyday Life, Cambridge University Press, Cambridge.
  15. Greco G. (a cura di ) (2014), Pubbliche intimità. L’affettivo quotidiano nei siti di Social Network, FrancoAngeli, Milano.
  16. Greco G., Ponziano R. (2007), Musica è comunicazione. L’esperienza della musica e della comunicazione, FrancoAngeli, Milano.
  17. Jenkins H. (2006), Convergence Culture. Where Old and New Media Collide, New York University Press, New York; trad. it. (2007), Cultura convergente, Apogeo, Milano.
  18. Jenkins H., Ford S., Green J. (2013), Spreadable media. Creating Value and Meaning in a Networked Culture, New York University Press, New York; trad. it. (2013), Spreadable media. I media tra condivisione, circolazione, partecipazione, Maggioli Editore, Santarcangelo di Romagna (RN).
  19. Mazzoli L. (2012), Il patchwork mediale. Comunicazione e informazione fra media tradizionali e media digitali, FrancoAngeli, Milano.
  20. McQuail D. (1983), Mass Communication Theory. An Introduction, Sage Publications, London; trad. it. (1986) Sociologia dei media, il Mulino, Bologna.
  21. Menduni E. (2012), Il mondo della radio dai transitor ai social network, il Mulino, Bologna.
  22. Menduni E. (2016), Televisione e radio nel XXI secolo, Laterza, Roma-Bari.
  23. Morcellini M. (2003), Lezione di comunicazione. Nuove prospettive di interpretazione e di ricerca, Ellissi, Napoli.
  24. Morris J.W. (2015), Curation by code: Infomediaries and the data mining of taste, «European Journal of Cultural Studies», 18(4-5), pp. 446-463., DOI: 10.1177/1367549415577387
  25. Pasquali F., Scifo B., Vittadini N. (2010), Crossmedia cultures. Giovani e pratiche di consumo giovanili, Vita e Pensiero, Milano.
  26. Ponziano R. (2016), La musica in una prospettiva sociologica, Aracne, Roma.
  27. Scaglioni M., Sfardini A. (2008), MultiTv. L'esperienza televisiva nell'età della convergenza, Carocci, Roma.
  28. Sfardini A. (2009), Reality Tv, Unicopli, Milano.
  29. Sibilla G. (2003), I linguaggi della musica pop, Bompiani, Milano.
  30. Sibilla G. (2006), L’industria musicale, Carocci, Roma.
  31. Sorice M. (2000), Le comunicazioni di massa. Storia, teorie, tecniche, Editori Riuniti, Roma.

Rosario Ponziano, in "SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE " 53/2017, pp. 43-55, DOI:10.3280/SC2017-053004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche