Clicca qui per scaricare

Comunicazione smart ed educazione ai sentimenti
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE  
Autori/Curatori: Fiammetta Fanizza 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: 53 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 96-110 Dimensione file:  221 KB
DOI:  10.3280/SC2017-053007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Questo articolo affronta il tema delle occasioni di socializzazione che avvengono in rete. In particolare, sulla base dei risultati di un'indagine svolta nel 2014, si interessa della componente emotiva e della disponibilità affettiva degli adolescenti, tanto per comprendere se e quanto il mondo virtuale condiziona la loro vita quotidiana, quanto per tentare una connessione tra tecnologie ed "educazione ai sentimenti". Nel confutare molte delle credenze circa la natura patologica delle dipendenze che gli adolescenti svilupperebbero attraverso i social network, l'obiettivo è mettere in luce le potenzialità che il legame tra tecnologie digitali ed educazione ai sentimenti può esplicare in campo sociale e nelle relazioni tra genitori e figli.

The prevailing forms of network sociability are the arguments of this article. Based on the results of a survey in 2014, it is interested in the emotional availability of young teenagers. The goal is to understand if they live in a virtual world and how social network can affect their emotions and feelings. With the aim to high-light the potentiality of digital technologies, the present discussion regards the effects of sentimental education. This latest can assume the role of a real social practice.
Keywords: Teenagers, social network, sentimental education, knowlegde education, coopertaive learning, civic/political engagement.

  1. Bartoletti R., Faccioli F. (a cura di) (2013), Comunicazione e civic engagement. Media, spazi pubblici e nuovi processi di partecipazione, FrancoAngeli, Milano.
  2. Becker H.S. (1987), Outsiders. Saggi di sociologia della devianza, Edizioni Gruppo Abele, Torino.
  3. Berger P.L., Luckmann G. (1969), La realtà come costruzione sociale, il Mulino, Bologna.
  4. Bianco A. (2011), Georg Simmel: le forme dell’amore, «Societàmutamentopolitica», 2(4), pp. 54 e sgg.
  5. Boda G. (2001), Life skill e peer education. Strategia per l’efficacia personale e collettiva, La Nuova Italia, Scandicci.
  6. Castells M. (2002), Galassia Internet, Feltrinelli, Milano.
  7. Anzera G., Comunello F. (a cura di) (2005), Mondi digitali. Riflessioni e analisi sul Digital Divide, Guerini, Milano.
  8. Di Cesare G., Giammetta R. (2011), L’adolescenza come risorsa. Una guida operativa alla peer education, Carocci, Roma.
  9. Ferrarotti F. (1985), Max Weber e il destino della ragione, Laterza, Roma-Bari.
  10. Ferri P. (2011), I nativi digitali, Bruno Mondadori, Milano.
  11. Garelli F., Palmonari A., Sciolla L. (2006), La socializzazione flessibile. Identità e trasmissione dei valori tra i giovani, il Mulino, Bologna.
  12. Gramsci A. (1948), Gli intellettuali e l’organizzazione della cultura, Einaudi, Torino.
  13. Kagan S. (2000), Apprendimento cooperativo. L’approccio strutturale, Edizioni Lavoro, Roma.
  14. Lancini M. (2015), Adolescenti navigati. Come sostenere la crescita dei nativi digitali, Erickson, Trento.
  15. Levy P. (2002), L’intelligenza collettiva. Per un’antropologia del cyberspazio, Feltrinelli, Milano.
  16. Livingstone S. (2008), Lo spettatore intraprendente. Analisi del pubblico televisivo, Carocci, Roma.
  17. Morcellini M. (1994), Passaggio al futuro. La socializzazione nell’età dei mass media, FrancoAngeli, Milano.
  18. Morozov E. (2011), L’ingenuità della rete. Il lato oscuro della libertà di internet, Codice Editore, Torino.
  19. Norris P. (2001), Digital Divide: Civic Engagement, Information Poverty and the Internet Worldwide, Cambridge University Press, New York.
  20. Perfetti S. (2014), La comunicazione nell’era della società complessa. La formazione della persona fra media generalisti e media digitali, Aracne, Roma.
  21. Riva G. (2012), Psicologia dei nuovi media. Azione, presenza, identità e relazioni nei media digitali e nei social media, il Mulino, Bologna.
  22. Riva G. (2014), Nativi Digitali. Crescere e apprendere nel mondo dei nuovi media, il Mulino, Bologna.
  23. Sartori G. (1998), Homo videns. Televisione e post-pensiero, Laterza, Roma-Bari.
  24. Seligman M.E.P., Csickzentmihaly M. (2000), Positive psychology, «American Psychologist», 55(1), pp. 5-14.
  25. Simmel G. (2001), in Vozza M. (a cura di), Filosofia dell’amore, Donzelli, Roma, p. 167.
  26. Simone R. (2006), La terza fase. Forme di sapere che stiamo perdendo, Laterza, Roma-Bari.
  27. Simone R. (2012), Presi nella rete. La mente ai tempi del web, Garzanti, Milano.
  28. Trentin G. (2010), Networked Collaborative Learning: social interaction and active learning, Woodhead/Chandos Publishing Limited, Cambridge, UK.
  29. Weber M. (2009), La politica come professione, Mondadori, Milano.
  30. Wenger E. (2006), Comunità di pratica. Apprendimento, significato e identità, Raffaello Cortina, Milano.
  31. Wenger E., McDermott R., Snyder W.M. (2002), Cultivating Communities of Practice, Harvard Business School Press, Boston.

Fiammetta Fanizza, in "SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE " 53/2017, pp. 96-110, DOI:10.3280/SC2017-053007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche