Clicca qui per scaricare

La linea della vita: una tecnica gestaltica
Titolo Rivista: QUADERNI DI GESTALT 
Autori/Curatori: Giuseppe Sampognaro 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  20 P. 73-92 Dimensione file:  358 KB
DOI:  10.3280/GEST2016-002007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il presente lavoro illustra la linea della vita, una tecnica gestaltica che consente di raccogliere e mettere in ordine i momenti significativi della vita del paziente, soprattutto in adolescenza. Le basi teoriche di questa tecnica riguardano il concetto di tempo vissuto, la teoria del sé, la polifonia dei domini e il concetto di campo psicopatologico, che qui sono brevemente illustrati. Vengono infine presentati alcuni esempi significativi di come la linea della vita può essere utilizzata nel lavoro con gli adolescenti.


Keywords: Linea della vita, tempo lineare, tempo ciclico, domini, campo psicopatologico.

  1. Conte E. (2014). Il dolore e la bellezza in adolescenza. In: Francesetti G., Ammirata M., Riccamboni S., Sgadari N., Spagnuolo Lobb M., a cura di, Il dolore e la bellezza. Atti del III convegno della Società Italiana Psicoterapia della Gestalt. Milano: FrancoAngeli, pp. 161-164.
  2. Eliot T.S. (2002). Quattro quartetti. Ro Ferrarese: Book Editore.
  3. Francesetti G. (2014). Dalla sintomatologia individuale ai campi psicopatologici Verso una prospettiva di campo sulla sofferenza clinica. Quaderni di Gestalt, XXVIII, 2: 31-56., DOI: 10.3280/GEST2014-00200
  4. Ginger S. (2004). La Gestalt. Terapia del “con-tatto” emotivo. Roma: Edizioni Mediterranee.
  5. Goulding M., Goulding R. (1983). Il cambiamento di vita nella terapia ridecisionale. Roma: Astrolabio.
  6. Hillman J. (1984). Le storie che curano. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  7. Høeg P. (1997). I quasi adatti. Milano: Mondadori.
  8. McEwan I. (1988). Bambini nel tempo. Torino: Einaudi.
  9. Minkowski E. (2004). Il tempo vissuto. Torino: Einaudi.
  10. Muriel J., Jongward D. (1985). Nati per vincere. Cinisello Balsamo: Edizioni Paoline.
  11. Nietzsche F. (2010). La gaia scienza. Milano: Rusconi.
  12. Oaklander V. (1999). Il gioco che guarisce. Catania: Edizioni Pina Catania.
  13. Sampognaro G. (2008). Scrivere l’indicibile. La scrittura creativa in psicoterapia della Gestalt. Milano: FrancoAngeli.
  14. Sampognaro G. (2014). Nel tempo. Lecce: Youcanprint.
  15. Sampognaro G. (2016). Working with Developmental Age in Gestalt Therapy. In: Spagnuolo Lobb M., Levi N., Williams A., eds., Gestalt Therapy with Children. From Epistemology to Clinical Practice. Siracusa: Istituto di Gestalt HCC Italy Publishing Co, pp. 169-188.
  16. Sampognaro G. (2016). Lavorare con l’età evolutiva in psicoterapia della Gestalt. Quaderni di Gestalt, XXIX, 1: 41-60., DOI: 10.3280/GEST2016-001004
  17. Scilligo P. (1980). Gestalt e Analisi Transazionale. Principi e tecniche. Vol. II. Roma: LAS.
  18. Spagnuolo Lobb M., Salonia G. (1988). Il dito o la luna? Tecniche gestaltiche o psicoterapia della Gestalt? Attualità in Psicologia, 3, 1: 25-29.
  19. Spagnuolo Lobb M. (2000), “Papà, mi riconosci?”. Accogliere la diversità dei figli oggi. Quaderni di Gestalt, XX, 30/31: 94-107.
  20. Spagnuolo Lobb M. (2011). Il now-for-next in psicoterapia. La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna. Milano: FrancoAngeli.
  21. Spagnuolo Lobb M. (2015). Il sé come contatto, il contatto come sé. Quaderni di Gestalt, XXVIII: 25-56., DOI: 10.3280/GEST2015-00200
  22. Stancanelli E. (2012). Intervista a Siri Hustvedt. “Quando il mondo non è abbastanza, provate con l’arte”. La Repubblica, 9/6/2012: 45.
  23. Wheeler G. (2000). Per un modello di sviluppo in psicoterapia della Gestalt. Quaderni di Gestalt, XX, 30/31: 40-57.

Giuseppe Sampognaro, in "QUADERNI DI GESTALT" 2/2016, pp. 73-92, DOI:10.3280/GEST2016-002007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche