A proposito della Matrice del Soldato, civili in guerra

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Robi Friedman
Anno di pubblicazione: 2016 Fascicolo: 2 Lingua: English
Numero pagine: 10 P. 26-35 Dimensione file: 147 KB
DOI: 10.3280/GRU2016-002003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La Matrice è il complesso della cultura e del "sociale" in un gruppo e nella società. La Matrice del Soldato è una concezione dell’influenza che la società ha sull’individuo. Quando in una società prevalgono l’ansia di annichilimento e la speranza di gloria, si generano potenti identificazioni che sfociano in complesse configurazioni della società che possono essere chiamate Matrice del Soldato. Ognuno nella Matrice diventa un soldato e l’identità o l’Habitus della società è influenzato dagli elementi altruistici inconsci che compongono il legame cameratesco tra i soldati. Nella Matrice del Soldato i cittadini sono spinti a mettersi a disposizione della società, arrendendo la loro mente proprio come i loro corpi. Gli uomini possono chiaramente diventare qualche tipo di soldato e le donne rinunciare al loro sviluppo personale in favore della gravidanza e, auspicabilmente, della maternità di soldati. Il Grande Gruppo gruppoanalitico fornisce uno spazio dove, da un lato, il "Sé sociale" è attivo e dall’altro lato è l’unico spazio possibile per elaborare i forti sentimenti sociali quali l’ansia di annichilimento, la speranza di gloria, la de-identificazione e la separazione dalla propria Matrice; promuove la miglior possibilità di produrre contenimento dei conflitti e gestire l’ineluttabilità della massificazione e altri significativi processi.

  1. Doron Y. (2014). Primary Maternal Preoccupation in the Group Analytic Group. Group Analysis, 47: 17-29. DOI: 10.1177/053331641351623
  2. Elias N. (1989). The Germans. Power Struggles and the Development of Habitus in the Nineteenth and Twentieth Centuries. New York: Columbia University Press.
  3. Ezechiele (1982). La Bibbia Concordata. Milano: Arnoldo Mondadori.
  4. Foulkes S.H. (1948). La psicoterapia gruppoanalitica. Roma: Astrolabio, 1977.
  5. Foulkes S.H. (1964). Therapeutic Group Analysis (trad. it.: Analisi terapeutica di gruppo. Torino: Boringhieri, 1967).
  6. Friedman R. (2015). A Soldier’s Matrix: A Group Analytic View of Societies in War. Group Analysis, 48, 3: 239-257. DOI: 10.1177/053331641558825
  7. Platta H. (2004). Zwischen zwei Fronten—immer noch? Anmerkungen zur “Kriegskinder”—Debatte und zur Rolle der 68er Generation in ihr. In: Radebold H., Kindheiten im Zweiten Weltkrieg und ihre Folgen. Giessen: Psychosozial-Verlag.
  8. Volkan V.D. (2013). Enemies on the Couch: A Psychopolitical Journey Through War and Peace. Durham, N.C.: Pitchstonepublishing.
  9. Winnicott D.W. (1956). Primary Maternal Preoccupation. In: Winnicott D.W., Through Pediatrics to Psycho-Analysis. London: Tavistock Publications, 1958.

Robi Friedman, A proposito della Matrice del Soldato, civili in guerra in "GRUPPI" 2/2016, pp 26-35, DOI: 10.3280/GRU2016-002003