Clicca qui per scaricare

A proposito della Matrice del Soldato, civili in guerra
Titolo Rivista: GRUPPI 
Autori/Curatori: Robi Friedman 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 26-35 Dimensione file:  147 KB
DOI:  10.3280/GRU2016-002003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La Matrice è il complesso della cultura e del "sociale" in un gruppo e nella società. La Matrice del Soldato è una concezione dell’influenza che la società ha sull’individuo. Quando in una società prevalgono l’ansia di annichilimento e la speranza di gloria, si generano potenti identificazioni che sfociano in complesse configurazioni della società che possono essere chiamate Matrice del Soldato. Ognuno nella Matrice diventa un soldato e l’identità o l’Habitus della società è influenzato dagli elementi altruistici inconsci che compongono il legame cameratesco tra i soldati. Nella Matrice del Soldato i cittadini sono spinti a mettersi a disposizione della società, arrendendo la loro mente proprio come i loro corpi. Gli uomini possono chiaramente diventare qualche tipo di soldato e le donne rinunciare al loro sviluppo personale in favore della gravidanza e, auspicabilmente, della maternità di soldati. Il Grande Gruppo gruppoanalitico fornisce uno spazio dove, da un lato, il "Sé sociale" è attivo e dall’altro lato è l’unico spazio possibile per elaborare i forti sentimenti sociali quali l’ansia di annichilimento, la speranza di gloria, la de-identificazione e la separazione dalla propria Matrice; promuove la miglior possibilità di produrre contenimento dei conflitti e gestire l’ineluttabilità della massificazione e altri significativi processi.


Keywords: Matrice del Soldato, Società, Gruppoanalisi, Disturbi della relazione, Modello Sandwich, Grande Gruppo.

  1. Doron Y. (2014). Primary Maternal Preoccupation in the Group Analytic Group. Group Analysis, 47: 17-29., DOI: 10.1177/053331641351623
  2. Elias N. (1989). The Germans. Power Struggles and the Development of Habitus in the Nineteenth and Twentieth Centuries. New York: Columbia University Press.
  3. Ezechiele (1982). La Bibbia Concordata. Milano: Arnoldo Mondadori.
  4. Foulkes S.H. (1948). La psicoterapia gruppoanalitica. Roma: Astrolabio, 1977.
  5. Foulkes S.H. (1964). Therapeutic Group Analysis (trad. it.: Analisi terapeutica di gruppo. Torino: Boringhieri, 1967).
  6. Friedman R. (2015). A Soldier’s Matrix: A Group Analytic View of Societies in War. Group Analysis, 48, 3: 239-257., DOI: 10.1177/053331641558825
  7. Platta H. (2004). Zwischen zwei Fronten—immer noch? Anmerkungen zur “Kriegskinder”—Debatte und zur Rolle der 68er Generation in ihr. In: Radebold H., Kindheiten im Zweiten Weltkrieg und ihre Folgen. Giessen: Psychosozial-Verlag.
  8. Volkan V.D. (2013). Enemies on the Couch: A Psychopolitical Journey Through War and Peace. Durham, N.C.: Pitchstonepublishing.
  9. Winnicott D.W. (1956). Primary Maternal Preoccupation. In: Winnicott D.W., Through Pediatrics to Psycho-Analysis. London: Tavistock Publications, 1958.

Robi Friedman, in "GRUPPI" 2/2016, pp. 26-35, DOI:10.3280/GRU2016-002003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche