Clicca qui per scaricare

Coppie inter-rotte. Ripensare la relazione in un gruppo per coniugi di persone con una Grave Cerebrolesione Acquisita
Titolo Rivista: GRUPPI 
Autori/Curatori: Ilaria Locati, Noemi Benetti, Floriana Caccamo, Elisabetta Ceroni, Milena Grande 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 145-159 Dimensione file:  199 KB
DOI:  10.3280/GRU2016-002012
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Dopo una Grave Cerebrolesione Acquisita (GCA) possono manifestarsi menomazioni sensomotorie, cognitive o comportamentali permanenti, con relative disabilità. La dimissione ospedaliera e la fase di reinserimento socio-familiare costituiscono un ulteriore momento di crisi per il nucleo familiare, poiché si trova sprovvisto di strumenti adeguati per fronteggiare il carico pratico ed emotivo che tale compito determina. Il legame con il coniuge viene stravolto e i caregiver, pervasi da sentimenti di impotenza, rabbia e colpa, ricorrono frequentemente a meccanismi di difesa quali l’agito, il diniego e la negazione. Nella nostra esperienza il dispositivo del gruppo omogeneo a tempo limitato favorisce l’elaborazione di questi vissuti grazie all’attivazione di fattori terapeutici quali l’universalità, l’informazione, l’apprendimento interpersonale e la coesione di gruppo. Il dispositivo gruppale e l’attivazione di questi fattori terapeutici consentono ai familiari la sospensione dal fare, dalle emergenze e dalle stimolazioni che i pazienti traumatizzati inesorabilmente e contuativamente sollecitano: episodi di trattamento (Fasolo, 2002) che offrono una possibilità trasformativa dei vissuti di colpa e impotenza in vissuti di rassegnazione e adattamento alla nuova situazione.


Keywords: Trauma, Gruppo, Gruppo omogeneo, Gruppo a tempo limitato, Relazione coniugale, Fattori terapeutici.

  1. Bloch S. & Crouch E. (1985). Therapeutic Factors in Group Psychotherapy. Oxford: Oxford University Press.
  2. Compostella S. (2004). Il gruppo omogeneo per familiari di pazienti con trauma cranico. In: Corbella S., Girelli R. e Marinelli S., a cura di, Gruppi omogenei. Roma: Borla.
  3. Fasolo F. (2002). Gruppi che curano e gruppi che guariscono. Padova: La Garangola.
  4. Fischetti R. (2014). Psicoanalisi della famiglia: le sofferenze della famiglia oggi. In: Bianchera L. e Cavicchioli G., a cura di, Il lavoro psicosociale con le famiglie vulnerabili. Clinica, teorie e racconti. Padova: Unipress.
  5. Laplanche J. e Pontalis J.B. (1967). Enciclopedia della psicoanalisi. Bari: Laterza, 1968.
  6. Locati I., Caccamo F. e Marogna C. (2013). Pazienti in cerca di gruppi: gruppi omogenei con coniugi e figli di pazienti con Grave Cerebrolesione Acquisita. In: Vasta F., Girelli R. e Gullo S., a cura di, Quale omogeneità nei gruppi? Roma: Alpes.
  7. Lo Verso G. e Ferraris L. (2011). Il familiare nella terapia gruppoanalitica. In: Lo Verso G. e Di Blasi M., a cura di, Gruppoanalisi soggettuale. Milano: Raffaello Cortina.
  8. Pichon Rivière E. (1956). La teoria del vinculo. Buenos Aires: Nueva Vision.
  9. Salizzato S., Cimenti F. e Bargellesi S. (2010). Gruppi di sostegno psicologico per familiari di persone con Grave Cerebrolesione Acquisita: spunti di riflessione. MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa, 24, 3: 51-54.
  10. Vasta F.N. (2004). Interviste a Howard D. Kibel, Robert D. Hinshelwood, Robi Friedman. In: Corbella S., Girelli R. e Marinelli S., a cura di, Gruppi omogenei. Roma: Borla.

Ilaria Locati, Noemi Benetti, Floriana Caccamo, Elisabetta Ceroni, Milena Grande, in "GRUPPI" 2/2016, pp. 145-159, DOI:10.3280/GRU2016-002012

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche