Clicca qui per scaricare

Tra conoscenza e competitività: le sfide del "modello duale distrettuale". il caso di Prato
Titolo Rivista: ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE  
Autori/Curatori: Marco Betti, Alberto Gherardini 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 104-120 Dimensione file:  410 KB
DOI:  10.3280/ES2017-002010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo approfondisce il modello di formazione delle competenze professionali attraverso uno studio di caso paradigmatico per la letteratura distrettuale, quello di Prato. A partire da una survey sottoposta alle imprese che hanno relazioni con le scuole secondarie si è descritto il modello di collaborazione scuola-industria attualmente in essere e, in seconda battuta, si sono delineati i possibili scenari evolutivi del sistema locale di formazione, coerentemente con le caratteristiche del contesto socio-istituzionale. Dall’indagine emerge la presenza di un modello ibrido rispetto ai più noti modelli statale e duale. In particolare, il modello duale distrettuale si distingue sia per centralità della scuola quale ente di formazione sia per intense relazioni informali tra scuole e imprese in un contesto di elevata cooperazione istituzionale.


Keywords: Distretti industriali, sviluppo locale, formazione professionale, relazioni scuola-industria
Jel Code: I25, J24, M51, Z13, R11

  1. Arlotti M. (2013). Scuola e sviluppo nella Terza Italia: il caso delle Marche. Scuola democratica, 2: 489-498.
  2. Ballarino G. (2011). Decentralization and Reform of Higher Education. Can Germany be an Example for Italy?. Italian Journal of Sociology of Education, 2: 46-71,
  3. Ballarino G., a cura di (2014). La formazione delle competenze in Toscana. Scuola tecnico-professionale e sistema economico. Firenze: Irpet.
  4. Bagnasco A. (1977). Tre Italie. La problematica territoriale dello sviluppo italiano. Bologna: il Mulino.
  5. Becattini G., a cura di. (1997). Prato. Storia di una città. Vol. 4, Il distretto industriale 1943-1993. Firenze: Le Monnier.
  6. Becattini G. (2000). Il distretto industriale. Torino: Rosenberg & Sellier.
  7. Becattini G. (2004). Industrial Districts: A New Approach to Industrial Change. Cheltenham: Edward Elgar Pub.
  8. Bellandi M. e Caloffi A., a cura di (2014). I nuovi distretti industriali. Rapporto di Artimino sullo sviluppo locale 2012-2013. Bologna: il Mulino.
  9. Busemeyer M.R. and Trampusch C., eds. (2012). The Comparative Political Economy of Collective Skill Formation. Oxford: Oxford University Press.
  10. Dore R. (2000). Stock market capitalism, welfare capitalism. Oxford: Oxford University Press. Trad. it. (2001). Capitalismo di borsa o capitalismo di welfare?. Bologna: il Mulino.
  11. Corradi F. (2013). Fachhochschulen: lo Stato della questione oggi. Scuola democratica, 2: 401-420,, 10.12828/74712DOI: 10.12828/74712
  12. Crouch C., Finegold D. and Sako M. (1999). Are skills the Answer? The Political Economy of Skill Creation in Advanced Industrial Countries. Oxford: Oxford University Press.
  13. Dei Ottati G. (1995). Tra mercato e comunità: aspetti concettuali e ricerche empiriche sul distretto industriale. Milano: FrancoAngeli.
  14. Gentili C. (2013). Integrare filiere formative e filiere produttive per lo sviluppo del paese. Scuola democratica, 2: 455-467,, 10.12828/74717DOI: 10.12828/74717
  15. Hall P. and Soskice D., eds. (2001). Varieties of Capitalism, The Institutional Foundations of Comparative Advantage. Oxford: Oxford University Press.
  16. Klumpp M. and Teichler U. (2008). German Fachhochschulen: Towards the End of a Success Story?. In: Taylor J.S., Ferreira J.B., Machado M. and Santiago R. Non-University Higher Education in Europe. Dordrecht: Springer. Lynch L.M. (1994). Training and the Private Sector: International Comparisons. Chicago: Chicago University Press.
  17. Moscati R., Regini M. e Rostan M., a cura di (2010). Torri d’avorio in frantumi? Dove vanno le università europee. Bologna: il Mulino.
  18. Piore M. and Sabel C. (1984). The Second Industrial Divide. New York: Basic Book.
  19. Regini M., a cura di (1996). La formazione delle risorse umane. Una sfida per le “regioni motore” d’Europa. Bologna: il Mulino.
  20. Regini M. (2015). European Universities and the Challenge of the Market. A Comparative Analysis. Cheltenham: Edward Elgar.
  21. Ricciardi A. (2013). I distretti industriali italiani: recenti tendenze evolutive. Sinergie, 91: 21-58,, 10.7433/S91.2013.03DOI: 10.7433/S91.2013.03
  22. Osservatorio Scolastico Provinciale (2014). La scuola pratese: rapporto 2013. --Testo disponibile al sito .
  23. Streeck W. (2009). Re-Forming Capitalism. Institutional Change in the German Political Economy. Oxford: Oxford University Press.
  24. Thelen K. (2014). Varieties of Liberalization and the New Politics of Social Solidarity. Cambridge (MA): Cambridge University Press.
  25. Tonarelli A., a cura di (2014). Un approccio partecipativo all’alternanza scuola lavoro Linee guida e strumenti per la scuola. Pisa: Pacini Editore.
  26. Trigilia C. (2005). Sviluppo locale: un progetto per l’Italia. Roma: Laterza

Marco Betti, Alberto Gherardini, in "ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE " 2/2017, pp. 104-120, DOI:10.3280/ES2017-002010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche