Il Project Financing per i Beni Culturali italiani
Titolo Rivista: ECONOMIA E DIRITTO DEL TERZIARIO 
Autori/Curatori: Osvaldo Baione, Francesca Grotti 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  0 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/edt2-2017oa5461
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 

 

Articolo Open Access
Clicca qui per vederlo.

Partendo dall’evidenza del ruolo delle forme di finanza innovativa nelle iniziative pubbliche, obiettivo del lavoro sarà indagare sull’applicazione di tale strumenti a quanto forse di più "pubblico" vi è in Italia: la nostra Cultura. Considerate le condizioni di necessità in cui riversa il settore culturale italiano, le Partnership Pubblico-Privato rappresentano interessanti alternative per la Pubblica Amministrazione competente nell’ottica di adempiere ai suoi doveri costituzionali. Cresce la consapevolezza dell’insufficienza della sola finanza statale tradizionale, e con essa il numero dei sostenitori dell’implementazione, anche in cultura, di forme alternative di finanziamento e management.Il Project Financing si inserisce in questo quadro come modalità di finanziamento innovativa e adeguata, ereditata dal sistema inglese e ad oggi utilizzata principalmente per la realizzazione di grandi infrastrutture o riqualificazioni di interesse pubblico. Introdotto nella regolamentazione nel 1998 e successivamente rivisitato, tale strumento è tuttavia stato impiegato efficacemente in un progetto culturale solo nel 2013, in occasione della riapertura del Corpo Centrale di Villa Reale di Monza. Questo lavoro analizza i pro e contro dell’applicazione della finanza di progetto alla cultura, traendo spunto da questo primo caso di riferimento.


Keywords: Project finance, finanza, cultura, beni culturali, finanziamenti

Osvaldo Baione, Francesca Grotti, in "ECONOMIA E DIRITTO DEL TERZIARIO" 2/2017, pp. , DOI:10.3280/edt2-2017oa5461

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche