Il Project Financing per i Beni Culturali italiani
Titolo Rivista: ECONOMIA E DIRITTO DEL TERZIARIO 
Autori/Curatori: Osvaldo Baione, Francesca Grotti 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  0 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/edt2-2017oa5461
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Partendo dall’evidenza del ruolo delle forme di finanza innovativa nelle iniziative pubbliche, obiettivo del lavoro sarà indagare sull’applicazione di tale strumenti a quanto forse di più "pubblico" vi è in Italia: la nostra Cultura. Considerate le condizioni di necessità in cui riversa il settore culturale italiano, le Partnership Pubblico-Privato rappresentano interessanti alternative per la Pubblica Amministrazione competente nell’ottica di adempiere ai suoi doveri costituzionali. Cresce la consapevolezza dell’insufficienza della sola finanza statale tradizionale, e con essa il numero dei sostenitori dell’implementazione, anche in cultura, di forme alternative di finanziamento e management.Il Project Financing si inserisce in questo quadro come modalità di finanziamento innovativa e adeguata, ereditata dal sistema inglese e ad oggi utilizzata principalmente per la realizzazione di grandi infrastrutture o riqualificazioni di interesse pubblico. Introdotto nella regolamentazione nel 1998 e successivamente rivisitato, tale strumento è tuttavia stato impiegato efficacemente in un progetto culturale solo nel 2013, in occasione della riapertura del Corpo Centrale di Villa Reale di Monza. Questo lavoro analizza i pro e contro dell’applicazione della finanza di progetto alla cultura, traendo spunto da questo primo caso di riferimento.


Keywords: Project finance, finanza, cultura, beni culturali, finanziamenti

Osvaldo Baione, Francesca Grotti, in "ECONOMIA E DIRITTO DEL TERZIARIO" 2/2017, pp. , DOI:10.3280/edt2-2017oa5461

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche