Clicca qui per scaricare

Lo spazio e la sua narrazione. Percorsi di mappatura partecipata
Titolo Rivista: TERRITORIO 
Autori/Curatori: Michela Bresciani, Alessandra Micoli 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: 82 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  9 P. 120-128 Dimensione file:  544 KB
DOI:  10.3280/TR2017-082022
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


A partire dalla Mappa di Comunità di Niguarda Ecomuseo Urbano Metropolitano Milano-Nord (eumm) ha ripetutamente messo in atto processi di rappresentazione territoriale. Dalla Mappa di Comunità, alla Mappa del quartiere operaio di Sesto San Giovanni: nell’articolo si analizza come la mappa in tutte le sue declinazioni si riveli uno strumento per portare alla luce elementi sommersi del paesaggio urbano, per conferire senso alle sue trasformazioni e per dare voce a chi le vive. A condurre il percorso, mediatore tra sfere diverse e molteplici di cittadini, l’Ecomuseo, presidio territoriale esperto alla ricerca di strumenti per interpretare contemporaneità e complessità della vita urbana. I processi di mappatura partecipata permettono di riflettere sulle dinamiche attuali di appartenenza ai luoghi e su come le mappe possano essere utilizzate, strategicamente, per la costruzione della propria identità


Keywords: Mappe; paesaggio; racconto

  1. Biondillo G., 2014, Psicogeografia, Lezioni del corso di Elementi di psicogeografia e narrazione del territorio. http://psicogeografia.com.
  2. Bisiani R., Diamantini D., 2006, Mobilità e società dell’informazione. Milano: Guerini e Associati.
  3. Brenner N., 2016, Stato, spazio, urbanizzazione. Milano: Guerini e Associati.
  4. Bresciani M., Micoli A., 2015-2016, «Mappe». Antropologia museale. Etnografie del contemporaneo: le comunità patrimoniali, 37-39: 100-104.
  5. Ceccarini G., 2014, «Antropologia del paesaggio: il landscape come processo culturale». Rivista di Scienze Sociali. www.rivistadiscienzesociali.it/antropologia-del-paesaggio-il-landscape-come-processo-culturale.
  6. Clément G., 2005, Manifesto del Terzo paesaggio. Macerata: Quodlibet.
  7. Clifford S., King A., 1993, Losing Your Place. www.aughty.org/pdf/losing_place.pdf.
  8. Clifford S., Maggi M., Murtas D., 2006, Genius Loci: perché, quando e come realizzare una mappa di comunità. Torino: IRES Piemonte.
  9. Giusti M., 2015, Formazione e spazi pubblici. Competenze e metodologie interculturali degli spazi di vita. Milano: FrancoAngeli.
  10. Grasseni C., 2010, a cura di, Ecomuseologie. Pratiche e interpretazioni del patrimonio locale. Rimini: Guaraldi.
  11. Gugg G., 2007, «Antropologia del paesaggio ed ecomuseo. Linee teoriche e prospettive di analisi». In: Gugg G., Alliegro E. (a cura di), Eco-sviluppo.
  12. Identità, linguaggi, politiche, numero monografico. Akiris, Rivista trimestrale per lo Sviluppo Locale, III: 6-7.
  13. Lai F., 2011, Antropologia del «Terzo Paesaggio». Il mestiere dell’antropologo, Antropologia dell’Ambiente. Roma: Ed. CISU.
  14. Landry C., 2009, City Making. L’arte di fare la città. Torino: Codice edizioni.
  15. Kitchin R., Dodge M., 2007, «Rethinking Maps. Progress in Human Geography». In: Kitchin, R., 2010 (eds.), Post Representional cartography.
  16. Exploration in Space and Society, 15., DOI: 10.1177/0309132507077082
  17. Micoli A., Negro E., 2010, «La mappa di comunità tra sintesi e polifonia del tessuto urbano». In: Grasseni C. (a cura di), Ecomuseologie. Pratiche e interpretazioni del patrimonio locale. Rimini: Guaraldi, 115-119.
  18. Pidello G. et al., 2004, a cura di, Mappe di Comunità, numero monografico.
  19. Signum. La rivista monografica dell’Ecomuseo del Biellese, 1.
  20. Servaes J., 1999, Communication for Development. One World, Multiple Cultures. New York: Crees Kill, NJ Hampton Press.
  21. Turri E., 2004, Il paesaggio e il silenzio. Padova: Marsilio.

Michela Bresciani, Alessandra Micoli, in "TERRITORIO" 82/2017, pp. 120-128, DOI:10.3280/TR2017-082022

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche