Clicca qui per scaricare

Flessibilità, costo del lavoro e segmentazione dell’occupazione: il caso dei mini job e dei contratti a zero ore
Titolo Rivista: ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE  
Autori/Curatori: Luciano Forlani 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 8-26 Dimensione file:  381 KB
DOI:  10.3280/ES2017-003002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


I rapporti di lavoro sono uno degli oggetti privilegiati delle riforme portate avanti dai Paesi UE tra ricerca di nuovi equilibri di flessicurezza per l’intera platea dei lavoratori e promozione di occupazione al margine. Esempi di questa seconda fattispecie sono i contratti a zero ore e i mini job, due tipologie contrattuali presenti nelle cassette degli attrezzi del Regno Unito e della Germania federale. Il dispositivo tedesco appare più strutturato soprattutto dopo l’entrata in vigore del salario minimo legale nel 2015 e persegue più obiettivi: creare occupazione aggiuntiva a basso salario per i lavoratori marginali riducendo il cuneo fiscale e contributivo; ridurre il lavoro sommerso originato dalla committenza famiglie; consentire ai lavoratori e ai ritirati dal lavoro di integrare i loro bassi redditi; promuovere la partecipazione dei second earner (principalmente donne) prevedendo vantaggi fiscali e riducendo i disincentivi; offrire opportunità di reddito agli studenti; promuovere il reimpiego dei disoccupati. Questi obiettivi sono stati perseguiti con efficacia anche se gran parte del merito è da attribuire allo stato di salute del sistema produttivo tedesco. Il contratto a zero ore ha ambizioni più limitate. Risponde alla domanda di flessibilità del mercato del lavoro, in linea con la tradizione britannica. Regno Unito e Germania federale hanno scelto di governare la segmentazione non di eliminarla. Il problema per questi Paesi e per gli altri dell’UE è come regolare i rapporti di lavoro avendo in mente uno zoccolo minimo di diritti e di protezione sociale per tutti i lavoratori (dipendenti, autonomi e nuovi lavoratori "a cottimo") senza perdere dinamismo economico.


Keywords: Contratti di lavoro, mini job, contratto a zero ore
Jel Code: J38, J41, J48

  1. Autor D.H., Dorn D. (2013). The Growth of low skills service jobs and the polarization of the US Labour Market. American Economic Review, 5/; 103(5): 1553-1597,
  2. Autor D.H., Levy F., Murname R.J. (2003). The Skill Content of Recent Technological Change: An Empirical Exploration. Quarterly Journal of economics, 118(4): 1279-1333,, 10.1162/003355303322552801DOI: 10.1162/003355303322552801
  3. Autor D.H., Price B. (2013). The Changing Task Composition of the US Labour Market. MIT WP, -- .
  4. Chartered Institute Personnel and Development – CIPD (2017). To Gig or not to Gig? Stories from the Modern Economy. Survey Report, March, -- .
  5. Eurofound (2015). New Forms of Employment. Research Report, -- , 10.2806/989252DOI: 10.2806/989252
  6. Eurofound (2017). Aspects of Non-Standard Employment in Europe, -- .
  7. Eurofound (2017). Exploring self-employment in the European Union, -- ,, 10.2806/65191DOI: 10.2806/65191
  8. Grimshaw D., Johnson M., Keizer A., Rubery J. (2017). The Governance of Employment Protection in the UK: How the state and Employers are Undermining Decent Standards. In: Piasna A., Myant, eds. Myths of Employment Deregulation: How it Neither Creates Jobs nor Reduces Labour Market
  9. Segmentation. Brussels: Etui, Chap. 11: 225-245, -- .
  10. House of Commons UK (2016). by Rhodes Ch. Business Statistics. Library Briefing Paper, Number 06152, 23 November 2016, -- .
  11. Jaehrling K. (2017). The Atypical and Gendered ‘Employment Miracle’ in Germany: a Result of Employment Protection Reforms or Long-term Structural Changes? In: Piasna A., Myant, eds. Myths of Employment Deregulation: How it Neither Creates Jobs nor Reduces Labour Market Segmentation.
  12. Brussels: Etui, Chap. 8: 165-184, --
  13. Lang C., Schomann I., Clauwaert S. (2013). Atypical Forms of Employment Contracts in Times of Crisis. Working Papers, 3. Brussels: ETUI, -- .
  14. Marzano G. (2016). Intelligenza artificiale e mercato del lavoro: il recente dibattito americano. Economia & lavoro, 2: 159-180,, 10.7384/84409DOI: 10.7384/84409
  15. Matsaganis M., Özdemir E., Ward T., Zavakou A. (2016). Non Standard Employment and Access to Social Security Benefits. EU, Research Note 8/2015, -- .
  16. Muro M. (2016). The GIG Economy: Complement or Cannibal. Brookings the Metropolitan Policy Program, 17 November, -- .
  17. Muro M., Liu S., Whiton J., Kulkarni S. (2016). Digitalization and the American workforce. Brookings the Metropolitan Policy Program, 15 November, -- .
  18. Oecd (2014). Germany: Keeping the Edge Competitiveness for Inclusive Growth. Better Policies Series, 10 February. Paris: Oecd Publishing,
  19. Ons - Office for National Statistics (2017). People in Employment on a Zero-Hours Contract, -- .
  20. Taylor M. Commission (2017). Good Work. The Taylor Review of Modern Working Practices.. Published From: Department for Business, Energy & Industrial Strategy. Part of: Employment, 11, -- .
  21. World Economic Forum (2016). The Future of the Jobs. Employment, Skills, and Workforce Strategy for the Fourth Industrial Revolution. January, -- .

Luciano Forlani, in "ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE " 3/2017, pp. 8-26, DOI:10.3280/ES2017-003002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche