Clicca qui per scaricare

La percezione dell’età in relazione ai cambiamenti del mercato del lavoro
Titolo Rivista: WELFARE E ERGONOMIA 
Autori/Curatori: Antonella Golino, Alberto Cerimele 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 76-87 Dimensione file:  196 KB
DOI:  10.3280/WE2017-001005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’obiettivo del paper è proporre una riflessione sulla percezione dell’età a proposito dei mutamenti del mercato del lavoro. Invecchiamento della popolazione, allungamento della vita e della vita lavorativa determinano trasformazioni a cascata sul piano economico e sociale, ma anche su quello relativo ad atteggiamenti, valori, aspettative e rappresentazioni condivise. La dimensione anagrafica percepita individualmente, spesso, non combacia con quella sociale, in altre parole socialmente intesa, e con le richieste provenienti da un mondo del lavoro in continua evoluzione, che assume il significato di velocità, razionalità, professionalità e, non in ultimo, di flessibilità. Siamo alla presenza di politiche del lavoro errate o, al contrario, sono errate le politiche legate al mondo delle offerte di lavoro? Che peso ha la fascia d’età in tale assetto? Queste alcune delle domande cui si tenterà di dare risposta nel presente lavoro.


Keywords: Lavoro; età; flessibilità; società; mutamento.

  1. AA.VV. (2005). Libro Verde. Una nuova solidarietà fra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici. Lussemburgo: Commissione Europea.
  2. Accornero A., Altieri G. e Oteri C. (2001). Lavoro flessibile. Che cosa pensano davvero imprenditori e manager. Roma: Ediesse.
  3. Antonelli G. e Paganetto L., a cura di (1999). Disoccupazione e basso livello di attività in Italia. Un blueprint sulle politiche del lavoro e dell’occupazione. Bologna: il Mulino.
  4. Barbeir J.C. e Nadel H. (2002). La flessibilità del lavoro e dell’occupazione. Roma: Donzelli.
  5. Beck U. (2000). Il lavoro nell’epoca della fine del lavoro. Torino: Einaudi.
  6. Bell D. (1973). The coming of post industrial society: a venture in social forecasting. New York: Basic Books.
  7. Benner M. e Tushman M. (2003). Exploitation, exploration and process management: The productivity dilemma revisited. Academy of Management Review, 2: 238-256.
  8. Biagioli M., Reyneri E. e Seravalli G. (2004). Flessibilità del mercato del lavoro e coesione sociale. Stato e mercato, 2: 277-313.
  9. Bonazzi G. (2008). Storia del pensiero organizzativo. XIV ed., Milano: FrancoAngeli.
  10. Castel R. (1997). Disuguaglianze e vulnerabilità sociale, Rassegna Italiana di Sociologia, 1, 38: 41-56.
  11. Costa G. e Giannecchini M. (2013) Risorse Umane. Persone, relazioni e valore. III ed., Milano: McGraw-Hill.
  12. Crozier M. e Friedberg E. (1978). Attore sociale e sistema: sociologia dell’azione organizzata. Milano: Etas Libri.
  13. Del Giudice F., Izzo F. e Solombrino M. (2017). Manuale di diritto del lavoro. Xxxv ed., Milano: Edizioni Giuridiche Simone.
  14. Donkin R. (2011). Il futuro del lavoro. Milano: Il Sole 24 Ore.
  15. Duncan R. (1976). The ambidextrous organization: Designing dual structures for innovation. In: Killman R.H., Pondy L.R, and Sleven D, editors. The management of organization. New York: North Holland, 1, 167-188.
  16. Easterlin R.A. (2001). Income and Happiness: Towards a Unified Theory, The Economic Journal, 111, 473: 465-484.
  17. Fondazione ISTUD, a cura di (2014). Age management. Teoria e pratica per la gestione dell’età nelle organizzazioni. Milano: FrancoAngeli.
  18. Fraccaroli F. e Sarchielli G. (2002). È tempo di lavoro? Per una psicologia dei tempi lavorativi. Bologna: Editore CLUEB.
  19. Franco M., a cura di (2002). La flessibilità dell’Europa del Sud. Milano: FrancoAngeli.
  20. Gallino L. (2009). Il lavoro non è una merce. Contro la flessibilità. Roma-Bari: Laterza.
  21. Grandori A. (1995). Organizzazione delle attività economiche, Bologna: il Mulino.
  22. Guillemard A.M. (2007). Una nuova gestione delle età in una società longeva. La Rivista delle Politiche Sociali ‒ Corso di vita ‒ 3 n. speciale, 131-148.
  23. ISTAT (2015). Rilevazione della forza lavoro. Testo disponibile al sito: www.istat.it.
  24. ISTAT (2016). Le dinamiche del mercato del lavoro: una lettura per generazione. Testo disponibile al sito: www.istat.it.
  25. Marcaletti F. (2011). L’età. In: Zanfrini, L. editor, Sociologia delle differenze e delle disuguaglianze. Milano: Zanichelli, 97- 115.
  26. Morin E. (2008). Lo spirito del tempo. Roma: Meltemi.
  27. Polanyi K. (1974). La grande trasformazione. Torino: Einaudi.
  28. Ranci C. (2002). Fenomenologia della vulnerabilità sociale. Rassegna Italiana di Sociologia. 4.
  29. Reyneri E. (2004). Verso una nuova società del lavoro. Il Mulino, 6.
  30. Rifkin J. (2001). L’era dell’accesso. La rivoluzione della new economy. Milano: Mondadori.
  31. Toffler A. (1970). Future shock. New York: Hardback & Paperback.
  32. Sennet R. (2000). L’uomo flessibile. Le conseguenze del nuovo capitalismo sulla vita personale. Milano: Feltrinelli.
  33. Vitale T. (2007). Leggeri, flessibili e poco autoritari. I manager ed i quadri d’azienda nell’epoca della valutazione continua. Itinerari d’impresa, 219-229. HAL Id: hal-01021480.

Antonella Golino, Alberto Cerimele, in "WELFARE E ERGONOMIA" 1/2017, pp. 76-87, DOI:10.3280/WE2017-001005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche