Diritto alle origini e identità: una chiave di lettura da parte dei figli adottivi non riconosciuti alla nascita

Titolo Rivista: MINORIGIUSTIZIA
Autori/Curatori: Anna Arecchia, Emilia Rosati, Monica Rossi
Anno di pubblicazione: 2017 Fascicolo: 4 Lingua: Italiano
Numero pagine: 10 P. 151-160 Dimensione file: 88 KB
DOI: 10.3280/MG2017-004016
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il diritto alle origini per i figli adottivi è oggi un tema sociale di primaria importanza, come dimostrano le migliaia di persone iscritte alle pagine virtuali dei gruppi che si occupano da anni dell’argomento. Dal punto di vista giuridico, malgrado la significativa evoluzione giurisprudenziale degli ultimi anni, permangono dubbi, oscurità e difformità a livello nazionale che ben potrebbero invece essere risolte da un intervento legislativo. Tale riforma, promossa dal Comitato per il diritto alle origini e sostenuta dalla Associazione Figli adottivi e Genitori naturali, dovrebbe fondarsi su una nuova chiave di lettura del ritrovamento delle origini e potrebbe muovere dalle numerose esperienze raccolte in questi anni delle associazioni di adottati, anche con riferimento al delicato tema degli interpelli alla madre di nascita, a seguito della richiesta del figlio ormai adulto di conoscere l’identità di chi l’ha generato.

Anna Arecchia, Emilia Rosati, Monica Rossi, Diritto alle origini e identità: una chiave di lettura da parte dei figli adottivi non riconosciuti alla nascita in "MINORIGIUSTIZIA" 4/2017, pp 151-160, DOI: 10.3280/MG2017-004016