III. L’ascolto del minore nei procedimenti civili: una lettura psicologica

Titolo Rivista: MINORIGIUSTIZIA
Autori/Curatori: Martina Davanzo
Anno di pubblicazione: 2017 Fascicolo: 4 Lingua: Italiano
Numero pagine: 10 P. 211-220 Dimensione file: 82 KB
DOI: 10.3280/MG2017-004022
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Muovendo da alcune riflessioni generali sulla nozione di "ascolto", il testo esamina le diverse modalità di conduzione dell’ascolto della persona minorenne nei procedimenti giudiziari in materia familiare e minorile e i relativi effetti su coloro che ne sono coinvolti. In particolare, tramite alcune interviste a magistrati onorari e togati, vengono confrontate le prassi in vigore in quattro diversi tribunali ordinari e per i minorenni. Uno dei risultati più interessanti dell’indagine sono le differenze tra l’ascolto condotto dal magistrato togato, da quello onorario o dall’"esperto". Da qui l’opportunità di una riflessione sugli spazi di collaborazione possibili tra le diverse figure in ambito forense.

Martina Davanzo, III. L’ascolto del minore nei procedimenti civili: una lettura psicologica in "MINORIGIUSTIZIA" 4/2017, pp 211-220, DOI: 10.3280/MG2017-004022