Clicca qui per scaricare

Memory: il laboratorio narrativo per anziani istituzionalizzati
Titolo Rivista: RICERCHE DI PSICOLOGIA  
Autori/Curatori: Tiziana Tesauro, Ester Russo 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 92-102 Dimensione file:  188 KB
DOI:  10.3280/RIP2018-001007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Questo articolo presenta i risultati ottenuti dal metodo Memory (Tesauro, 2013), basato sulla pratica dell’autonarrazione, in due sperimentazioni: la prima realizzata in una struttura residenziale per anziani del Comune di Napoli, in con-comitanza con L’Anno Europeo dell’Invecchiamento Attivo (decisione 940/2011/EU), la seconda condotta sempre a Napoli nel 2016, in due strutture residenziali per anziani e soggetti senza fissa dimora, con i volontari del Centro di Servizio per il Volontariato. Le due sperimentazioni hanno dimostrato che l’applicazione del metodo favorisce nei soggetti istituzionalizzati la ricostruzione del proprio senso di identità, rafforza il senso di autoefficacia percepita, le strate-gie di coping e la capacità di attivazione, con notevoli benefici sul benessere per-cepito. Il metodo Memory, basato sulla pratica dell’autonarrazione, vuole essere un chiaro esempio di come il raccontarsi rappresenti un tipo di attività in grado di rafforzare l’autoefficacia percepita e sviluppare strategie di coping proprio in quei contesti in cui le risorse delle persone sembrano essere bloccate. Il metodo prevede l’allestimento di un laboratorio narrativo nell’ambito del quale, con l’ausilio di un kit autobiografico (Demetrio, 1997) e con il supporto di sollecitatori visivi (immagini colorate e foto personali), uditivi (canzoni), tattili (oggetti della vita quotidiana), l’équipe stimola gli anziani istituzionalizzati e affetti da pluripatologie a ricordare e raccontare frammenti di memoria perduta, favorendo la ricostruzione del proprio sé e l’emersione di un nuovo sapere narrativo (Bruner, 1986). In questa prospettiva il laboratorio si è configurato come un dispositivo di capacitazione per queste persone che si sono scoperte e sperimentate come "soggettività narrative" capaci di rievocare e narrare. Sono stati così registrati cambiamenti che, probabilmente, con un intervento di lungo periodo, avrebbe potuto ottenere risultati più importanti a carico delle cognizioni dei soggetti coinvolti. Ad ogni modo è possibile affermare che si è verificata una qualche modifica nello stile cognitivo di spiegazione degli eventi (pessimismo vs. ottimismo), generando emozioni positive, che rappresentano una riserva da cui attingere energie per salvaguardare il proprio benessere psicologico (Seligman, 1997). Il pensiero attraverso il recupero di pezzi della propria storia, in più di un caso, ha assunto una connotazione più positiva e ciò ha generato un aumento del senso di autoefficacia che, a sua volta, ha rinforzato una modalità di pensiero positiva in un rapporto di reciproca influenza (Bandura, 2000).


Keywords: Attivazione, non autosufficienza, invecchiamento attivo, autonarrazione, etnografia.

  1. Bandura, A. (1997). Self-efficacy: The exercise of control. New York, NY: W.H. Freeman.
  2. Bandura, A. (2000). Autoefficacia: teoria ed applicazioni. Trento: Erickson.
  3. Bruner, J. (1986). Actual Minds, Possible Worlds (Laterza, trad.). Cambridge, MA: Harvard University Press.
  4. Borella, E., Carretti, B., Riboldi, F., & De Beni, R. (2010). Working memory training in older adults: evidence of transfer and maintenance effects. Psychology and Aging, 25(4),767-778.
  5. Cristini, C., Porro, A., & Cesa-Bianchi, M. (2011). Le capacità di recupero degli anziani. Modelli, strumenti ed interventi per professionisti della salute. Milano: FrancoAngeli.
  6. Decisione del Parlamento Europeo e del Consiglio, 14.09.2011, 940. Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea, L 246, 5-10.
  7. Demetrio, D. (1995). Raccontarsi L’autobiografia come cura di sé. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  8. Demetrio, D. (1997). Il gioco della vita. Kit autobiografico. Trenta proposte per il piacere di raccontarsi. Milano: Guerini e Associati.
  9. Demetrio, D. (2008). La scrittura clinica. Consulenza autobiografica e fragilità esistenziali. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  10. Goffman, E. (1961). Asylum. Essays on the social situation of mental patients and other inmates (Einaudi, trad.). New York, NY: Anchor Books, Doubleday Company.
  11. Mezirow, J. (1991). Trasformative Dimension of Adult Learning (Raffaello Cortina Editore, trad.). John Wiley & Sons, Inc.
  12. Russo, E. (2014). Memory: il laboratorio narrativo. Effetti del racconto autobiografico sulle abilità cognitive delle persone anziane. Quaderni Europei sul Nuovo Welfare, 20.
  13. Seligman, M.E.P. (1997). Anatomia dell’ottimismo. Psicologia Contemporanea, 138, 50-55. Firenze: Giunti.
  14. Tesauro, T. (2013). La narrazione come pratica di attivazione nelle strutture residenziali. Roma: Aracne.

Tiziana Tesauro, Ester Russo, in "RICERCHE DI PSICOLOGIA " 1/2018, pp. 92-102, DOI:10.3280/RIP2018-001007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche