Clicca qui per scaricare

L’abitare migrante. Aspetti teorici e prospettive di ricerca
Titolo Rivista: MONDI MIGRANTI 
Autori/Curatori: Enrico Fravega 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  25 P. 199-223 Dimensione file:  251 KB
DOI:  10.3280/MM2018-001010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L'articolo muove dal riconoscimento che l’abitare per i migranti non può essere dato per scontato ma si configura come l’esito di un processo complesso di costruzione sociale in cui il percorso di mobilità, geografica e sociale, dei migranti si intreccia ed entra in risonanza con i fattori della stratificazione sociale ed economica ed i vincoli legali del contesto di accoglienza determinando specifici modelli di insediamento. L’accesso alla casa, in tutte le sue forme, non è solamente un fatto economico. E non solo perché il concetto di casa è caratterizzato da una marcata polisemia quanto perché parlare di casa implica un continuo riferimento ad altri mondi. Al mondo della famiglia, per esempio. Alla memoria o all’identità personale. Al viaggio, al tornare a casa o alla homeland. Oppure all’essere senza casa (homeless). Occuparsi di "casa", ed in particolare della casa dei migranti, significa dunque attraversare molteplici e diverse "province finite di significato" ed entrare atto con sfere profonde della vita quotidiana. In questo senso l’abitare può essere considerato fonte di identità personale, di status e di sicurezza familiare e può altresì contribuire, in un mondo sempre più globalizzato, alla formazione un senso del luogo e dell’appartenenza. Nell’abitare sono riconoscibili schemi culturali e visioni del mondo perché la casa è luogo di memoria e di nostalgia ma anche spazio ideativo e affettivo, locale e globale, spaziale e temporale; e può essere, al contempo, positivo e negativo. La casa è il luogo attraverso il quale si colloca un confine, ancorché poroso e mobile, tra la sfera privata e quella pubblica. La casa, in altre parole non è un oggetto dalle proprietà chiaramente definite ma è il campo di molteplici tensioni tra i significati provvisori, o fluidi, che lo attraversano. Per questa ragione i significati della casa e dell’abitare devono essere continuamente costruiti e negoziati. E interpretati. Perché quando le persone parlano di "casa" non intendono solamente "le quattro mura" ma possono riferirsi a luoghi della memoria o a contesti spaziali differenti e di-slocati in zone geografiche diverse. In questo quadro i migranti, con quelle che sono state definite famiglie transnazionali da una parte, e gli investimenti immobiliari che non riguardano solo i contesti di accoglienza ma spesso sono rivolti principalmente alla casa nei paesi d’origine mettono in evidenza che "casa" e "fuor" sono concetti relativi e non necessariamente in opposizione tra loro. Affrontare il tema dell’abitare dei migranti significa dunque assumere una prospet-tiva in grado di includere la dimensione eterotopica della "casa" nel campo di osservazione. E centrare l’attenzione sulle pratiche dell’abitare nel suo divenire, nelle fasi di transizione da un alloggio all’altro, da una condizione di homelessness alla casa, o viceversa, riflette l’idea che l’abitare è una costruzione sociale in cui aspetti oggettivi e soggettivi, emotivi ed materiali entrano in risonanza e talvolta in con-traddizione nel quadro di un processo continuo di costruzione di significato.


Keywords: Migranti; immigrazione; casa; abitare; politiche della casa.

  1. Abella M.I., Park Y., Bohning W.R. (1999). Adjustments to Labour Shortgages and Foreign Workers in the Republic of Korea. Genève: Ilo.
  2. Agenzia delle Entrate (2015). Gli immobili in Italia. Ricchezza, reddito e fiscalità immobiliare. Roma: Istituto Poligrafico Zecca dello Stato.
  3. Agustoni A. (2013). Disagio abitativo, edilizia sociale e fenomeni migratori. Il caso italiano. In: Alietti A., Agustoni A., a cura di, cit.
  4. Ahmed S. (1999). Home and Away: Narratives of Migration and Estrangement. International Journal of Cultural Studies, 2, 3: 329-347;, 10.1177/136787799900200303DOI: 10.1177/136787799900200303
  5. Alicea M. (1990). Dual home bases: A reconceptualization of Puerto Rican migration. Latino Studies Journal, 1, 3: 78-98.
  6. Alietti A. (2013). Politiche abitative, integrazione e immigrazione nel contesto europeo. In: Alietti A., Agustoni A., a cura di, cit.
  7. Alietti A., Agustoni A., a cura di (2013). Integrazione, Casa E Immigrazione Esperienze E Prospettive in Europa, Italia E Lombardia. Milano: Fondazione Ismu, Regione Lombardia, Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.
  8. Allen J., Barlow J., Leal J., Maloutas T. & Padovani L. (2004). Housing and welfare in Southern Europe. Ames: Blackwell Publishing.
  9. Ambrosini M. (2005). Sociologia delle migrazioni. Bologna: il Mulino.
  10. Ambrosini M. (2001). La fatica di integrarsi. Immigrazione e lavoro in Italia. Bologna: il Mulino.
  11. Amendola G., Tosi A. (1987). La sociologia della abitazione. Sociologia e ricerca Sociale, 22.
  12. Arbaci S. (2007). Ethnic segregation, housing systems and welfare regimes in Europe. European Journal of Housing Policy, 7, 4: 401-433;, 10.1080/14616710701650443DOI: 10.1080/14616710701650443
  13. Arbaci S. (2008). (Re)Viewing Ethnic Residential Segregation in Southern European Cities: Housing and Urban Regimes as Mechanisms of Marginalisation. Housing Studies, 23, 4: 589-613;, 10.1080/02673030802117050DOI: 10.1080/02673030802117050
  14. Baldini, M., Poggio T. (2014). The Italian housing system and the global financial crisis. Journal of Housing and the Built Environment, 29, 2: 317-334;
  15. Bammer A., ed. (1994). Displacements: Cultural Identities in Question. Bloomington: Indiana University Press.
  16. Bastenier A., Dassetto F., Rex J. (1990). Italia, Europa e nuove immigrazioni. Torino: Edizioni della Fondazione Agnelli.
  17. Bernadotti M. (2001). Con la valigia accanto al letto: immigrati e casa a Bologna. Milano: FrancoAngeli.
  18. Bichi R. (2002). L'intervista biografica. Una proposta metodologica. Milano: Vita e pensiero.
  19. Blangiardo G.C. (2010). Dieci anni di immigrazione in Lombardia. Rapporto 2009. Milano: Fondazione Ismu, Regione Lombardia Osservatorio Regionale per l’Integrazione e la Multietnicità.
  20. Blangiardo G.C., a cura di (2014). L’immigrazione straniera in Lombardia. La tredicesima indagine regionale. Rapporto 2013. Milano: Fondazione Ismu, Regione Lombardia Osservatorio Regionale per l’Integrazione e la Multietnicità.
  21. Blangiardo G.C., a cura di (2008). L’immigrazione straniera in Lombardia. La settima indagine regionale. Rapporto 2007. Milano: Fondazione Ismu, Regione Lombardia Osservatorio Regionale per l’Integrazione e la Multietnicità.
  22. Blunt A., Dowling R. (2006). Home. London: Taylor & Francis.
  23. Boccagni P., Brighenti A.M. (2015). Immigrants and home in the making: thresh-olds of domesticity, commonality and publicness. Journal of Housing and the Built Environment;
  24. Boltanski L. (2006). Vivere secondo progetti: il trionfo della labilità. Vita e pensiero, 2.
  25. Bonifazi C. (1998). L’immigrazione straniera in Italia. Bologna: il Mulino.
  26. Bonomi A. (2008). La vita nuda. Milano: Triennale Electa.
  27. Bourdieu P. (2015). La miseria del mondo. Milano-Udine: Mimesis.
  28. Bourdieu P. (2007). La distinzione: critica sociale del gusto. Bologna: il Mulino.
  29. Brighenti A.M. (2009). Eterotopologia e territorologia. (working paper).
  30. Bryceson D., Vuorela, U. (2002). The Transnational Family: New European Frontiers and Global Networks. Oxford and New York: Berg Publishers.
  31. Cancellieri A. (2013). Hotel House. Etnografia di un condominio multietnico. Professional dreamers.
  32. Capello C., Cingolani P., Vietti F. (2014). Etnografia delle migrazioni. Temi e metodi di ricerca. Roma: Carocci.
  33. Castel R. (2004). L’insicurezza sociale. Cosa significa essere protetti. Torino: Einaudi.
  34. Ceccagno A. (2007). Compressing personal time: ethnicity and gender within a Chinese niche in Italy. Journal of Ethnic and Migration Studies, 33, 4: 635-654;, 10.1080/13691830701265495DOI: 10.1080/13691830701265495
  35. Cellamare C. (2011). Pratiche dell'abitare. La ricerca urbanistica e la «città degli uomini». Etnografia e ricerca qualitativa, 4, 2: 305-316;, 10.3240/35065DOI: 10.3240/35065
  36. Centro Studi e Ricerche Idos, a cura di (2013). Indici di integrazione degli immigrati in Italia. XI Rapporto. Cnel – Ministero Lavoro e Politiche Sociali.
  37. Cesareo V. (2013). Politiche abitative e immigrazione: uno sguardo d’insieme. In: Alietti A., Agustoni A., a cura di, cit.
  38. Cingolani P. (2014). Spazio e dimensione urbana. In: Capello,Cingolani, Vietti, cit.
  39. Coolen H., Meesters J. (2012). Editorial special issue: House, home and dwelling. Journal of Housing and the Built Environment, 27, 1: 1-10;
  40. Crenshaw K. (1994). Mapping the Margins: Intersectionality, Identity Politics, and Violence Against Women of Color. In: Fineman M., Mykitiuk R., a cura di, cit.
  41. Dal Lago A. (2004). Non persone. L’esclusione dei migranti in una società globale. Milano: Feltrinelli.
  42. Dal Lago A., Di Biasi R., a cura di (2002). Un certo sguardo. Introduzione all’etnografia sociale. Bari: Laterza.
  43. Dupuis A., Thorns D.C. (1996), Meaning of home for home owners. In Housing Studies, 11, 4: 485-501;, 10.1080/02673039608720871DOI: 10.1080/02673039608720871
  44. Fineman M. and Mykitiuk R., a cura di (1994). The Public Nature of Private Violence, New York: Routledge.
  45. Foot J. (2001). Milan Since the Miracle. City, Culture and Identity. Oxford: Berg.
  46. Fravega E. (2013). Lagaccio. Un quartiere in movimento (working paper). Tratto da http://concordiadiscors.fieri.it/assets/Lagaccio_fravega_.pdf.
  47. Glaeser E. (2013). Il trionfo della città: come la nostra più grande invenzione ci rende più ricchi e felici. Milano: Bompiani.
  48. Glick-Schiller N., Çağlar A., a cura di (2011). Locating Migration. Rescaling Cities and Migrants. New York: Cornell University Press.
  49. Gram-Hanssen K., Bech-Danielsen C. (2012). Creating a new home. Somali, Iraqi and Turkish immigrants and their homes in Danish social housing. Journal of Housing and the Built Environment, 27, 1: 89-103.
  50. Granata E., Lanzani A. (2008). La nuova grammatica dell’abitare. Lo Squaderno, 21: 7-11.
  51. Guareschi M., Rahola F. (2015). La forma della città. Sociologia dell’urbanizzazione. Milano: Agenzia X.
  52. Guerney, C.M. (1997). “... Half of me was Satisfied”: Making Sense of Home Through Episodic Ethnographies, Women’s Studies International Forum, 20, 3, 37;
  53. Hooks B. (1991). Yearning: Race, Gender and Cultural Politics. London: Turnaround.
  54. Ilardi M. (1998). Virus City. Gomorra. Territori e culture della metropoli contemporanea, 2: 10-12.
  55. Jackson M., a cura di (1995). At Home in the World. Sydney: Harper Perennial.
  56. Jedlowski P. (2000). Storie comuni. La narrazione nella vita quotidiana. Milano: Bruno Mondadori.
  57. King R., Ribas-Mateos N. (2002). Towards a diversity of migrator types and con-texts in Southern Europe. Studi emigrazione/Migrations Studies, 145, 5-25.
  58. Lagomarsino F. (2006). Esodi ed approdi di genere. Famiglie transnazionali e nuove migrazioni dall'Ecuador. Milano: FrancoAngeli.
  59. Leahy A., Healy S., Murphy M., a cura di (2015). Poverty and inequalities on the rise. Caritas Europa.
  60. Lefebvre H. (1999). La production de l’espace. France: Editions Anthropos/Editions Economica.
  61. Madigan R., Munro M., Smith S.J. (1990). Gender and the Meaning of the Home. International Journal of Urban and Regional Research, 14, 4: 625-647;
  62. Malheiros J.M. (2002). Ethni-cities: residential patterns in Northern-European and Mediterranean metropolis. Implication in policy design. International Journal of Population Geography, 8: 107-134;
  63. Mallett S. (2004), Understanding home: a critical review of the literature. The Sociological Review, 52, 1: 62-89;
  64. Mandich G. (2011). Fare casa fuori casa. M@gm@, 9 3; http://www.analisiqualitativa.com/magma/0903/articolo_07.htm.
  65. Marra C. (2012). La casa degli immigrati. Famiglie, reti, trasformazioni sociali. Milano: FrancoAngeli.
  66. Massey D. (1992). A Place Called Home? The Question of ‘Home’, New Formations, 17. London: Lawrence & Wishart.
  67. Massey D. (1994). Double Articulation: A Place in the World. In: Bammer, ed. cit.
  68. Mezzadra S. (2006). Diritto di fuga. Migrazioni, cittadinanza, globalizzazione. Verona: Ombre Corte.
  69. Mottura G. (2002). Non solo braccia. Condizioni di lavoro e percorsi di inserimento sociale in un’area a economia diffusa. Materiali di discussione, 416. Dipartimento di Economia Politica: Università di Modena e Reggio Emilia.
  70. Plebani F. (2013). Housing sociale: tra definizioni vaghe e interessi precisi. In: Alietti A., Agustoni A., a cura di. cit.
  71. Ponzo I. (2009). La casa lontano da casa. Romeni e marocchini a confronto. Roma: Carocci.
  72. Portes A. (1995). The Economic Sociology of Immigration. New York: Russel, Sage Foundation.
  73. Pugliese E. (2002). L’Italia tra migrazioni internazionali e migrazioni interne. Bologna: il Mulino.
  74. Rahola F. (2009). La macchina di cattura. I campi come dispositivo di controllo della mobilità migrante. Mondi Migranti, 2: 69-81;, 10.3280/MM2009-002005DOI: 10.3280/MM2009-002005
  75. Ranci C. (2013). Presentazione. Rassegna Italiana di Sociologia, 2: 193-200;, 10.1423/74141DOI: 10.1423/74141
  76. Rapport N., Dawson A. (1998). Migrants of Identity: Perceptions of Home in a World of Movement. Oxford: Berg.
  77. Rubellin-Devichi J., a cura di (1988). Droit du logement, droits au logement et stratégies familiales. Centre Droit de Famille. Lyon: Presses Universitaires.
  78. Sayad A. (2015). Una famiglia fuori posto. In: Bourdieu P., a cura di. cit.
  79. Sayad A. (1998). La doppia assenza. Dalle illusioni dell’emigrato alle sofferenze dell’immigrato. Milano: Raffello Cortina.
  80. Sayad A. (1980). Le foyer des sans-famille. Actes de la recherche en sciences sociales, 32-33, aprile/giugno;
  81. Scego I. (2010). La mia casa è dove sono. Milano: Rizzoli.
  82. Scenari Immobiliari (2005). Un nuovo protagonista nel mercato della casa: l’ immigrato. Indagine nazionale con focus su Roma e Milano (a cura di Pinto R.).
  83. Scenari Immobiliari (2012). Osservatorio Nazionale Immigrati e Casa. 9° Rapporto.
  84. Schutz A. (1979). Saggi Sociologici. Torino: Utet.
  85. Sen A. (2000). Social Exclusion: Concept, Application and Scrutiny, Office of Environment and Social Development, Asian Development Bank, Social Development Papers, 1 (June).
  86. Sen A. (1985). Commodities and capabilities. Amsterdam: North Holland.
  87. Standing G. (2012). Precari. La nuova classe esplosiva. Bologna: il Mulino.
  88. Standing G. (2015). Diventare cittadini. Un manifesto del precariato. Bologna: il Mulino.
  89. Tosi A. (2010). Le condizioni abitative. In: Blangiardo G.C., cit.
  90. Tosi A. (2008). Le case dei poveri: ricominciare ad annodare i fili. In: Bonomi, cit.
  91. Touraine A. (2013). Oltre la crisi. Una nuova società possibile. Roma: Armando.
  92. Van Dijk R. (2011). Cities and the Social Constructions of Hot Spots: Rescaling, Ghanian Migrants, and the Fragmentation of Urban Spaces. In: Glick-Schiller N., Çağlar A., a cura di. cit.
  93. Wacquant L. (2013). Rivisitando Urban Outcasts. Nota introduttiva di Agostino Petrillo. Mondi Migranti, 2, 7-21;
  94. Wardhaugh J. (1999). The Unaccommodated Woman: Home, Homelessness and Identity. Sociological Review, 47, 1: 91-109;
  95. Yuval-Davis N. (2006). Belonging and the Politics of Belonging. Patterns of Prejudice, 3: 196-213.

Enrico Fravega, in "MONDI MIGRANTI" 1/2018, pp. 199-223, DOI:10.3280/MM2018-001010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche