Clicca qui per scaricare

Doll therapy: quando il gioco diventa realtà. La funzione terapeutica della bambola nel trattamento delle demenze e dell’Alzheimer
Titolo Rivista: RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE  
Autori/Curatori: Laura Pasquini 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 47 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 63-78 Dimensione file:  219 KB
DOI:  10.3280/PR2018-047005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo approfondisce la doll therapy quale terapia non farmacologica impiegata nel trattamento delle demenze e dell’Alzheimer, con particolare riferimento agli aspetti psicologici e alla funzione terapeutica che la bambola assume. L’interesse per l’applicazione clinica nasce dall’espe¬rienza diretta dell’autrice quale psicologa all’interno di un centro diurno domenicale Alzheimer. Attraverso una ricerca qualitativa che ha coinvolto 14 ospiti, articolata nell’orizzonte temporale di 6 mesi, l’autrice esplora i fattori che possono predisporre l’accettazione della terapia, l’andamento della stessa nel tempo e gli esiti raggiunti per ciascun paziente.


Keywords: Malattia di Alzheimer, attaccamento, disturbi del comportamento, demenza, terapia della bambola.

  1. Bateson G. (1976). Verso un’ecologia della mente. Adelphi: Milano.
  2. Bisiani L., Angus, J. (2012). Doll therapy: a therapeutic means to meet past attachment needs and diminish behaviours of concern in a person living with dementia-a case study approach. Dementia (London, England), 12(4): 447-62., 10.1177/1471301211431362DOI: 10.1177/1471301211431362
  3. Bowlby J. (1972). Attaccamento e perdita, Vol.1. Bollati Boringhieri: Torino.
  4. Bowlby J. (1982). Costruzione e rottura dei legami affettivi. Raffaello Cortina: Milano.
  5. Bowlby J. (1989). Una base sicura. Applicazioni cliniche della teoria dell’attaccamento. Raffaello Cortina: Milano.
  6. Cilesi I. (2009). Alleviare le tensioni: Come favorire lo star bene con una bambola. Assistenza anziani, Mag. 55-59 -- testo disponibile al sito: http://studylibit.com/ doc/4939150/alleviare-le-tensioni (10.11.2017)
  7. Cilesi I. (2011). Terapia della bambola. Farmaci e argive: test sulla validità. Assistenza anziani, Mag; 41-43 -- testo disponibile al sito: http://studylibit.com/doc/7562791/sperimentazioni (10.11.2017)
  8. James I.A., Mackenzie L., Mukaetova Ladinska E. (2006). Doll use in care homes for people with dementia. International journal of geriatric psychiatry, 21(11): 1093-1098.
  9. Lupoi S., Corsello A., Pedi S. (2013). Curare giocando, giocare curando. FrancoAngeli: Milano.
  10. Mackenzie L., James I.A., Morse R., Mukaetova-Ladinska E., Reichelt F.K. (2006a). A pilot study on the use of dolls for people with dementia. Age and ageing, 35(4): 441-444.
  11. Mitchell G., Templeton M. (2014). Ethical considerations of doll therapy for people with dementia. Nursing ethics, 21(6): 720-730.
  12. Pezzati R., Molteni V., Bani M., Settanta C., Di Maggio M.G., Villa I., Ardito R. B. (2014). Can Doll therapy preserve or promote attachment in people with cognitive, behavioral, and emotional problems? A pilot study in institutionalized patients with dementia. Frontiers in psychology, 5(APR): 1-9.
  13. Watzlawick P., Beavin J.H., Jackson D. (1971). Pragmatica della comunicazione umana. Astrolabio: Roma.
  14. Winnicott D.W. (2004). Psicoanalisi dello sviluppo. Brani scelti. Armando: Roma.

Laura Pasquini, in "RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE " 47/2018, pp. 63-78, DOI:10.3280/PR2018-047005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche