Clicca qui per scaricare

Intenzionalità e spontaneità nell’azione terapeutica gestaltica
Titolo Rivista: QUADERNI DI GESTALT 
Autori/Curatori: Mercurio Albino Macaluso 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  25 P. 33-57 Dimensione file:  238 KB
DOI:  10.3280/GEST2018-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Le tecniche classiche della psicoterapia della Gestalt sono conciliabili con il suo attuale orientamento relazionale? Questa è la domanda da cui prende le mosse il presente lavoro, che si prefigge di descrivere i differenti modi dell’azione terapeutica gestaltica. L’autore ne distingue innanzitutto due, uno intenzionale e l’altro spontaneo. All’interno dell’attività terapeutica intenzionale distingue ulteriormente il lavoro sull’individuo e quello sulla relazione. L’attività terapeutica intenzionale e quella spontanea si integrano tra loro e non possono essere considerate separatamente. La specificità della psicoterapia della Gestalt è ravvisata nella prospettiva globale della sua azione terapeutica.


Keywords: Esperienza soggettiva, relazione, campo, intenzionalità, spontaneità, incontro.

  1. Spagnuolo Lobb M. (2015). Il sé come contatto. Il contatto come sé. Un contributo all’esperienza dello sfondo secondo la teoria del sé della psicoterapia della Gestalt. Quaderni di Gestalt, XXVIII,2:25-56., DOI: 10.3280/GEST2015-00200
  2. Spagnuolo Lobb M. (2016a). Isomorphism: A Bridge to Connect Gestalt Therapy, Gestalt Theory and Neurosciences. Gestalt Theory, 38, 1: 41-56.
  3. Spagnuolo Lobb M. (2016b). Gestalt Therapy with Children. Supporting the Polyphonic Development of Domains in a Field of Contacts. In: Spagnuolo Lobb M., Levi N., Williams A., eds., Gestalt Therapy with Children. From Epistemology to Clinical Practice.Siracuse: Istituto di Gestalt HCC Italy Publ. Co., pp. 25-62.
  4. Spagnuolo Lobb M. (2017). La conoscenza relazionale estetica del campo. Per uno sviluppo del concetto di consapevolezza in psicoterapia della Gestalt e nella clinica contemporanea. Quaderni di Gestalt, XXX, 1: 17-33., DOI: 10.3280/GEST2017-001003
  5. Stern D.N. (2005). Il momento presente. Milano: Raffaello Cortina Editore (ed. or.: The Present Moment in Psychotherapy and Everyday Life. New York, NY: W.W. Norton & Co., 2004).
  6. Taylor M. (2016). Psicoterapia del trauma e pratica clinica. Corpo, neuroscienze e Gestalt. Milano: FrancoAngeli (ed. or.: Trauma Therapy and Clinical Practice: Neuroscience, Gestalt and the Body. Maidenhead: Open University Press, 2014).
  7. Weil S. (1984). Attesa di Dio. Milano: Rusconi (ed. or.: L’attente de Dieu. Paris: La Colombe, 1950).
  8. Wheeler G. (1992). Che cos’è la terapia gestaltica. Roma: Astrolabio (ed. or.: Waiting on God. New York, NY: Routledge, 1995).
  9. Yontef G. (2015). L’atteggiamento relazionale nella teoria e nella pratica della terapia della Gestalt. Quaderni di Gestalt, XXVIII, 1: 112-129.
  10. Beisser A. (1971). The Paradoxical Theory of Change. In: Fagan J., Shepherd I.,eds., Gestalt Therapy Now. New York, NY: Harper Colophon Books.
  11. Boston Change Process Study Group (2012). Il cambiamento in psicoterapia. Milano: Raffaello Cortina Editore (ed. or.: Change in Psychotherapy: A Unifying Paradigm. New York, ny: W.W. Norton & Company, 2010).
  12. Buber M. (2014). Il principio dialogico e altri saggi. Cinisello Balsamo: San Paolo (ed. or.: Das Dialogische Prinzip. Heidelberg: Lambert Schneider, 1962).
  13. Cargnello D. (2010). Alterità e alienità. Roma: Giovanni Fioriti Editore.
  14. Cavaleri P.A. (2001). Dal campo al confine di contatto. Contributo per una riconsiderazione del confine di contatto in psicoterapia della Gestalt. In: Spagnuolo Lobb M., a cura di, Psicoterapia della Gestalt. Ermeneutica e clinica. Milano: FrancoAngeli.
  15. Frank R. (2005). Il corpo consapevole. Un approccio somatico ed evolutivo alla psicoterapia. Milano: FrancoAngeli (ed. or.: Body of Awareness. A Somatic and Developmental Approach to Psychotherapy. Highland, NY: Gestalt Press, 2001).
  16. Gadamer H.G. (1983). Verità e metodo. Milano: Bompiani (ed. or.: Wahrheit und Methode. Tübingen: J.C.B. Mohr, 1960).
  17. Kepner J.I. (1997). Body Process. Il lavoro con il corpo in psicoterapia. Milano: FrancoAngeli (ed. or.: Body Process. Working with Body in Psychotherapy. San Francisco, CA: Jossey-Bass, 1993).
  18. Macaluso M.A. (2011). L’uso della concentrazione nel lavoro sui sogni in psicoterapia della Gestalt. Quaderni di Gestalt, XXIV, 1: 35-44., DOI: 10.3280/GEST2011-001004
  19. Macaluso M.A. (2012). Oltre il modello Perls-Goodman. Dal campo organismo ambiente al campo relazionale. Quaderni di Gestalt, XXV, 2: 67-84., DOI: 10.3280/GEST2012-002005
  20. Macaluso M.A. (2015a). La teoria del sé in Gestalt Therapy. Il sé, l’Io, l’Es e la personalità. Quaderni di Gestalt, XXVIII, 2: 61-78., DOI: 10.3280/GEST2015-002004
  21. Macaluso M.A. (2015b). La spontaneità dell’incontro terapeutico come fattore chiave di cambiamento. Quaderni di Gestalt, XXVIII, 2: 79-93., DOI: 10.3280/GEST2015-002005
  22. Perls F. (1995). L’Io, la fame, l’aggressività, Milano: FrancoAngeli (ed. or.: Ego, Hunger and Aggression: a revision of Freud’s Theory and Method. London: G.Allen&Unwin, 1947; New York: Random Hause, 1969).
  23. Perls F. (2016). La psicoterapia pianificata (White Institute New York, 1947). Quaderni di Gestalt, XXIX, 2: 99-118., DOI: 10.3280/GEST2016-002009
  24. Perls F.S., Hefferline R.F., Goodman P. (1997). Teoria e pratica della terapia della Gestalt: Vitalità e accrescimento nella personalità umana. Roma: Astrolabio (ed. or.: Gestalt Therapy: Excitement and Growth in the Human Personality. New York, NY: The Gestalt Journal Press, 1951; 1994).
  25. Robine J.-M. (2006). Il rivelarsi del sé nel contatto. Milano: FrancoAngeli (ed. or.: Plis et Déplis du Self. Bordeaux: Institut Français de Gestalt-Thérapie, 1997).
  26. Sampognaro G. (2014). Punctum e psicoterapia della Gestalt: dalla percezione al contatto. In: Francesetti G., Ammirata M., Riccamboni S., Sgadari N. e Spagnuolo Lobb M., a cura di, Il dolore e la bellezza. Atti del III Convegno della Società Italiana Psicoterapia Gestalt. Milano: FrancoAngeli.
  27. Spagnuolo Lobb M. (2007). L’incontro terapeutico come co-creazione improvvisata. In: Spagnuolo Lobb M., Amendt-Lyon N., a cura di, Il permesso di creare. L’arte della psicoterapia della Gestalt. Milano: FrancoAngeli.
  28. Spagnuolo Lobb M. (2011). Il now-for-next in psicoterapia. La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna. Milano: FrancoAngeli.



  1. Mercurio Albino Macaluso, Il concetto di "campo" in psicoterapia della Gestalt. Sviluppi e implicazioni in QUADERNI DI GESTALT 1/2020 pp. 57, DOI: 10.3280/GEST2020-001005

Mercurio Albino Macaluso, in "QUADERNI DI GESTALT" 1/2018, pp. 33-57, DOI:10.3280/GEST2018-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche