Stato dell’arte e nodi di sviluppo della psicoterapia cognitiva

Titolo Rivista: QUADERNI DI PSICOTERAPIA COGNITIVA
Autori/Curatori: Roberto Lorenzini, Francesco Mancini, Antonio Semerari
Anno di pubblicazione: 2018 Fascicolo: 42 Lingua: Italiano
Numero pagine: 15 P. 97-111 Dimensione file: 107 KB
DOI: 10.3280/QPC2018-042007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

In questo articolo si cerca una risposta alla domanda: quali sono i punti critici che il Cognitivismo Clinico incontra sulla propria strada? I punti critici sono numerosi. Il rapporto della psicoterapia con la psichiatria biologica, a cui è strettamente connessa la relazione fra la mente e il cervello. L’opportunità di ampliare il campo d’azione della psicoterapia a domini diversi dal set clinico tradizionale. L’opportunità di una riflessione critica sulle richieste di terapia per conoscere se stessi e più in generale sul valore terapeutico della auto consapevolezza. I meriti e i demeriti dei protocolli e la supremazia del ragionamento clinico. Come affrontare il complesso problema della nosografia psicopatologica. La necessità di una riflessione critica sulle nuove tecniche terapeutiche, e infine come organizzare la psicoterapia cognitiva al fine di rispondere alla crescente richiesta di benessere psicologico.

  1. Castelfranchi C. (2015). Psychiatry’s identity crisis. State of Mind. Consultato in data Settembre 2017 da -- http://www.stateofmind.it/2015/09/cristiano-castelfranchi-sulla-psichiatria/
  2. Cloninger R. (1987). A Systematic Method for Clinical Description and Classification of Personality Variants. A proposal. Archives of General Psychiatry, 44, 6: 573-88.
  3. Dennet D.C. (2014). Strumenti per pensare. Milano: Raffaello Cortina.
  4. LeDoux J. (2016). Ansia. Come il cervello ci aiuta a capirla. Milano: Raffaello Cortina.
  5. Livesley W.J., Jackson D.N. (2009). Manual for the dimensional assessment of personality pathology. Port Huron, MI: Sigma Press.
  6. McCrae R.R., Costa P.T. (1987). Validation of the Five-Factor Model of Personality across Instruments and Observers. Journal of Personality and Social Psychology, 52: 81-90. DOI: 10.1037/0022-3514.52.1.8
  7. Rosenhan D. (1973). Essere sani in posti insani. In Watzlawick P. (a cura di), La realtà inventata, Milano: Feltrinelli, pp. 105-127.
  8. Taylor S.E. (1989). Positive Illusions; Creative Self-deception and the Healthy Mind. USA: Basic Books.

Roberto Lorenzini, Francesco Mancini, Antonio Semerari, Stato dell’arte e nodi di sviluppo della psicoterapia cognitiva in "QUADERNI DI PSICOTERAPIA COGNITIVA" 42/2018, pp 97-111, DOI: 10.3280/QPC2018-042007