Clicca qui per scaricare

Il ruolo delle affordances e il sé agente nella cognizione del rischio
Titolo Rivista: RICERCHE DI PSICOLOGIA  
Autori/Curatori: Daniela Mario 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  33 P. 187-219 Dimensione file:  292 KB
DOI:  10.3280/RIP2018-002001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Muovendo da una prospettiva embodied, il contributo propone un ragionamento sui meccanismi neuropsicologici che potrebbero essere implicati nella cognizione del rischio. A partire dall’ingente mole di ricerche compiute negli ultimi anni in ambito neuroscientifico e avendo come sfondo la nuova concezione del funzionamento cognitivo conseguente la scoperta dei neuroni specchio, si sosterrà che la percezione/cognizione del rischio coinvolge la dinamica affordance/agency e gli stati emozionali ad essa connessi. Si avanzerà l’ipotesi che, in una data situazione, la configurazione che si viene a creare tra la rappresentazione delle "mie possibilità di azione" (agency) e le opportunità di azione offerte dalla situazionestimolo (affordances), guidi la scelta del comportamento da adottare e, nel corso degli anni, sostenga l’approccio favorevole o sfavorevole nei confronti delle sollecitazioni esterne. Partendo dall’idea di "rappresentazione" come risultato della simulazione motoria delle azioni, l’idea proposta è che il livello di tolleranza al rischio (nelle situazioni quotidiane) sia collegato al tipo di configurazione prodotta dai processi simulativi; questi ultimi sarebbero innescati dalla percezione delle possibilità affordative insite in una situazione rispetto alle potenzialità di azione che "mi riconosco" (autoefficacia). A livello neurale, la configurazione emergerebbe per effetto della forza sinaptica dovuta ai segnali più o meno positivi che si ricevono dall’esterno (meccanismi di ricompensa/punizione), che rinforzerebbe alcune connessioni a scapito di altre (teoria del Darwinismo neurale). Come si formano gli schemi associativi affordance/agency nel corso dell’esperienza e come emergono le configurazioni/rappresentazioni che attualizzano di volta in volta le singole risposte adattive? Quali sono le condizioni o i fattori che favoriscono lo sviluppo di un adeguato atteggiamento nei confronti del rischio, tale da evitare gli effetti, sia dell’eccessiva propensione quanto dell’avversione al rischio? Questi i temi su cui il contributo intende riflettere, abbozzando risposte in linea con l’impianto concettuale adottato, nell’intento di tracciare altresi possibili piste di ricerca anche in ambito educativo e formativo.


Keywords: Simulazione incarnata, emozioni primarie, affordance, agency, autoefficacia.

  1. Ammaniti, M., & Gallese, V. (2014). La Nascita dell’Intersoggettività. Lo Sviluppo del Sé tra Psicodinamica e Neurobiologia. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  2. Bandura, A. (1997). Self-efficacy: The exercise of control. New York: W. H. Freeman. Trad. it. Autoefficacia: teoria e applicazioni. (2000), Trento: Erikson.
  3. Bandura, A., Ross, D., & Ross, S.A. (1961). Transmission of aggression through imitation of aggressive models. Journal of Abnormal and Social Psychology, 63, 575-582.
  4. Bandura, A. (1986). Social Foundations of Thought and Action, Prentice Hall,
  5. Englewood Cliffs, NJ. Bateson, G. (1980). Mind and Nature. Trad. it. Mente e Natura. (1984), Milano: Adelphi.
  6. Bateson, G. (1972). Steps to an Ecology of Mind. Trad. it. Verso un’ecologia della mente (1977), Milano: Adelphi.
  7. Bermudez, J.L., Marcel A., & Eilan, N. (1995). The Body and the Self. Cambridge, MA: MIT Press.
  8. Borghi, A.M. (2010). Parole, non simboli. In Sistemi intelligenti, 1, 161-168.
  9. Bruner, J. (1960). The Process of Education. Trad. it. Dopo Dewey: il processo di apprendimento nelle due culture (1966), Roma: Armando.
  10. Buccino, G., Binkofski, F., & Riggio, L. (2004). The mirror neuron system and action recognition. Brain and Language, 89, 370-376., 10.1016/S0093-934X(03)00356-0DOI: 10.1016/S0093-934X(03)00356-0
  11. Calvo-Merino, B., Glaser, D.E., Grezes, J., Passingham, R.E., & Haggard, P. (2005). Action observation and acquired motor skills: an FMRI study with expert dancers. Cerebral Cortex, 15, 1243-1249.
  12. Caramazza, A. (2009). Asymmetric fMRI adaptation reveals no evidence for mirror neurons. PNAS, 106(24), 9925-9930.
  13. Damasio, A.R. (2010). Self Comes to Mind: Constructing the Conscious Brain, New York: Pantheon. Trad. it. Il sé viene alla mente. La costruzione del cervello cosciente (2013), Milano: Adelphi.
  14. Damasio, A.R. (1995). L’errore di Cartesio, Milano: Adelphi. Ed.orig. Descartes’ error: emotion, reason, and the human brain. (1994), New York: Putnam.
  15. Edelman, G.M. (2007). Seconda natura. Scienza del cervello e conoscenza umana. Milano: Raffaello Cortina Editore. Orig. Second nature; Brain Science and Human Knowledge (2006).
  16. Edelman, G.M. (1987). Neural Darwinism: The theory of neuronal group selection. New York, US: Basic Books. Trad. it. Darwinismo neurale. La teoria della selezione dei gruppi neuronali. (1995), Torino: Einaudi.
  17. Fodor, J. (1983). The Modularity of Mind: An Essay on Faculty Psychology, MIT Press. Trad.it. La mente modulare (1999), Bologna: il Mulino.
  18. Gallese, V. (2007). Dai neuroni specchio alla consonanza intenzionale. Meccanismi neurofisiologici dell’intersoggettivita. Rivista di Psicoanalisi, 53(1), 197-208.
  19. Gallese, V. (2008a). Il corpo teatrale: Mimetismo, neuroni specchio, simulazione incarnata. Culture Teatrali, 16, 13-38.
  20. Gallese, V. (2008b). Mirror neurons and the social nature of language: The neural exploitation hypothesis. Social Neuroscience, 3, 317-333.
  21. Gallese, V. (2013). Bodily self, affect, consciousness and the cortex. Neuropsychoanalysis, 15(1), pp. 42-45.
  22. Gallese, V. & Cuccio, V. (2015). The paradigmatic body. Embodied simulation, intersubjectivity and the bodily self. In T. Metzinger & J.M. Windt (Eds.): Open MIND. Frankfurt: MIND Group, pp. 1-23.
  23. 10.15502/9783958570269. Gallese, V., Fadiga, L., Fogassi, L., & Rizzolatti, G. (1996). Action recognition in the premotor cortex. Brain, 119, 593-609.
  24. Gallese,V. & Guerra, M. (2015). Lo schermo empatico, Cinema e Neuroscienze, Milano: Raffaele Cortina Editore.
  25. Gallese, V., & Lakoff, G. (2005). The Brain’s Concepts: The Role of the Sensory-Motor System in Reason and Language. Cognitive Neuropsychology, 22, 455-479.
  26. Gallese, V., Migone, P., & Eagle, M.E. (2006). La simulazione incarnata: i neuroni specchio, le basi neurofisiologiche dell’intersoggettivita. Psicoterapia e Scienze Umane XL, 543-580.
  27. Gallese, V., & Sinigaglia, C. (2009). The bodily self as power for action. Neuropsychologia., 48(3), 746-55.
  28. Gallese, V., & Sinigaglia, C. (2011). How the Body in Action shapes the Self. Consciousness Studies, 18, 117-143.
  29. Gibson, J.J (1979). The Ecological Approach to Visual Perception. Houghton-Mifflin, Boston. Trad. it. Un approccio ecologico alla percezione visiva. (1999), Milano-Udine: Mimesis.
  30. Glimcher, P.W, Dorris, M.C., & Bayer, H.M. (2005). Physiological utility theory and the neuroeconomics of choice, Games and economic behavior, 52, 213-256.
  31. Higgins, E.T. (1987). Self-Discrepancy: A Theory Relating Self and Affect. Psychological Review, 94, 319-340., 10.1037/0033-295X.94.3.319DOI: 10.1037/0033-295X.94.3.319
  32. Iani, C., Rubichi, S., Ferraro, L., Nicoletti, R., & Gallese, V. (2013). Observational learning without a model is influenced by the observer’s possibility to act: evidence from the Simon task. Cognition, 128, 23-64.
  33. Kahneman, D., & Tversky, A. (1974). Judgment under uncertainty: Heuristics and Biases. Science, 185, 1124-1131.
  34. Kahneman, D., & Tversky, A. (1979). Prospect theory: An analysis of decision under risk. Econometrica, 47, 263-291.
  35. Kahneman, D., & Tversky A. (1981). The framing of decisions and the psychology of choice. Science, 211, 453-458.
  36. Kahneman, D., (2012).Thinking, Fast and Slow. Trad.it. Pensieri lenti e veloci. (2012), Milano: Mondadori.
  37. Lakoff, G., & Johnson, M. (1980). Metaphors We Live By, Chicago UP, Chicago, IL. Trad.it. (1998), Metafore e vita quotidiana. Milano: Bompiani.
  38. Langer, E.J. (1975). The illusion of control. Journal of Personality and Social Psychology, 32(2), 311-328.
  39. Mario, D. (2013). Se immagino capisco: Il ruolo dei processi simulativi e metaforici nella comprensione del testo. PhD thesis, Dottorato in Scienze della cognizione e della formazione, Universita Ca’Foscari, Venezia.
  40. Mario, D. (2015). I processi di rispecchiamento nelle relazioni educative e terapeutiche. Psicoterapia e Scienze Umane, XLIX, 2, 243-274.
  41. 10.3280/PU2015-002005 Maturana, H.R., & Varela, F.J. (1980). Autopoiesis and Cognition. The Realization of the Living. Trad. it. Autopoiesi e cognizione, la realizzazione del vivente. (1985), Venezia: Marsilio.
  42. Merleau-Ponty, M. (1962). The Phenomenology of Perception. Trad. it. La fenomenologia della percezione. (2003), Milano: Bompiani.
  43. Norman, D.A. (1988). The psychology of everyday things e The design of everyday things. Trad.it. La caffettiera del masochista. Psicopatologia degli oggetti quotidiani (1990), Milano: Giunti.
  44. Panksepp, J., & Biven, L., (2012). The Archeology of Mind. Neuroevolutionary Origins Of Human Emotions, New York: W.W. Norton & Company. Trad. it. Archeologia della mente. Origini neuroevolutive delle emozioni umane, Milano: Cortina, 2014.
  45. Panksepp, J. (1998), Affective Neuroscience: The Foundations of Human and Animal Emotions. Oxford University Press.
  46. Peirce, C.S. (Ed.) (2008). Esperienza e percezione. Percorsi di fenomenologia. Luisi M. Pisa: Edizioni ETS.
  47. Rizzolatti, G., & Sinigaglia, C. (2006). So quel che fai. Il cervello che agisce e i neuroni specchio. Milano: Raffaello Cortina.
  48. Rolls, E.T. (2005). Emotion explained, Oxford: Oxford University Press.
  49. Simon, H.A. (1955). A Behavioral Model of Rational Choice. The Quarterly Journal of Economics, 69(1), 99-118.
  50. Varela, F., Thompson, E., & Rosch, E.H, (1991). The Embodied Mind. Cognitive Science and Human Experience. Cambridge, MA: The MIT Press.
  51. von Neumann, J., & Morgenstein, O. (1944). Theory of games and economic behavior. Princeton (N.J): Princenton Univeristy Press.
  52. Zalocusky, K.A., Ramakrishnan, C., Lerner, T.N., Davidson, T.J., Knutson, B., e Deisseroth, K. (2016). Nucleus accumbens D2R neurons signal past unfavorable outcomes in decision-making. Nature, 531, 642-646.

Daniela Mario, in "RICERCHE DI PSICOLOGIA " 2/2018, pp. 187-219, DOI:10.3280/RIP2018-002001

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche