Clicca qui per scaricare

Valutare l’apprendere nelle organizzazioni: trasformazioni di pratiche lavorative e identità professionali
Titolo Rivista: STUDI ORGANIZZATIVI  
Autori/Curatori: Emanuele Testa, Giuseppe Scaratti 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  31 P. 9-39 Dimensione file:  381 KB
DOI:  10.3280/SO2018-001001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il presente studio intende descrivere un processo di valutazione inerente speci-fiche situazioni di cambiamento professionale e organizzativo, sostenute da un intervento di natura formativa. Viene indagato l’impatto sulla vita lavorativa di un’esperienza di trasformazione e apprendimento di practitioners - a seguito di un articolato intervento formativo - appartenenti a un complesso contesto organizzativo sollecitato da logiche di qualità e innovazione dei servizi offerti. Nello specifico il target è costituito da insegnanti di scuole dell’infanzia operanti nel territorio trentino, coinvolti in una formazione orientata a generare trasformazione nelle identità professionali e innovazione nel proprio sistema di attività. A partire da una marcata istanza di cambiamento nell’approccio metodologico adottato nella didattica, la formazione ha inteso sostenere tangibili processi di trasformazione nelle pratiche di lavoro, con una particolare attenzione alle loro implicazioni sull’identità professionale degli attori convolti e sul lavoro di gruppo in collegiale. Gli obiettivi della ricerca riguardano la valutazione della formazione alla quale hanno partecipato le insegnanti del caso descritto, con particolare attenzione per le ricadute degli apprendimenti: nella vita organizzativa; nelle pratiche di lavoro; nel-le rappresentazioni sul ruolo professionale. Sono state inoltre indagate le valuta-zioni dei soggetti sull’architettura del percorso formativo proposto, assumendo come opzione teorica una "valutazione dialogica" (Lichtner, 2002), nella quale i partecipanti alla formazione svolgono un ruolo attivo nel processo di co-costruzione della valutazione. Al fine di studiare le ricadute della formazione descritte, si è optato per una me-todologia della ricerca di tipo qualitativo congruente con l’esigenza di analizzare le esperienze dei soggetti convolti. Lo studio ha preso in esame le loro narrazioni, raccolte attraverso 134 questionari a domande aperte. Mediante un’analisi di tipo fenomenologico sono stati identificati aspetti di maggiore ricorrenza e significativi-tà in riferimento agli obiettivi della ricerca. I principali esiti del presente studio mettono in evidenza il favorevole impatto della formazione soprattutto sull’innovazione delle pratiche di lavoro delle inse-gnanti nella didattica con i bambini e sulle trasformazioni nelle loro rappresenta-zioni di ruolo. Emergono, inoltre, considerazioni positivamente connotate sui pro-cessi di miglioramento nel lavoro di gruppo in collegiale e nell’implementazione degli aspetti sociali degli apprendimenti professionali delle insegnanti.


Keywords: Valutazione; efficacia formativa; identità professionale; apprendi-mento organizzativo

  1. Alvarez, K., Salas, E., & Garofano, C. M. (2004). “An integrated model of training evaluation and effectiveness”. Human Resource Development Review, 3 (4), 385-416.
  2. Arthur, W. Jr., Bennett, W. Jr., Edens, P. S., & Bell, S. T. (2003). “Effectiveness of Training in Organizations: A Meta-Analysis of Design and Evaluation Features”. Journal of Applied Psychology, 88 (2), 234–245.
  3. Frascaroli, D., (2011). Valutare l’efficacia della formazione. Un approccio teorico e metodologico. Milano: Vita & Pensiero.
  4. Ivaldi S., Scaratti G., Nuti G. (2015). “The practice of evaluation as evaluation of practices”. Evaluation, 21(4), pp. 497-512,
  5. Kaneklin, C. & Scaratti, G. (a cura di) (1998). Formazione e narrazione. Milano: Raffaello Cortina.
  6. Kaneklin, C., & Olivetti Manoukian, F. (1990). Conoscere l’organizzazione. Roma: Carocci.
  7. Kirkpatrick, D. L. (1967). “Evaluation of training”. In R. L. Craig, & L. R. Bittel (Eds.) Training and development handbook (pp. 87-112). New York: McGraw-Hill.
  8. Kirkpatrick, D. L. (1976). “Evaluation of training”. In R. L. Craig (ed.), Training and Development Handbook: A Guide Resource Development (pp. 301–319). New York: McGraw-Hill.
  9. Kirkpatrick, D. L. (1994). Evaluating training programs: The four levels. San Francisco: Berrett-Kochler.
  10. Kirkpatrick, D. L. (1999). “Evaluation”. Risorsa Uomo. Rivista di psicologia del Lavoro e dell’Organizzazione. Numero monografico di sulla valutazione della formazione, VI (3-4), 289-305. (pp. 21-46).
  11. Lichtner, M. (2002). “Valutare gli apprendimenti”. In C. Bisio (a cura di), Valutare in formazione (pp. 94-128). Milano: FrancoAngeli.
  12. Ledermann S (2011). Exploring the necessary conditions for evaluation use in program change. American Journal of Evaluation, 33(28), 159-178
  13. Lipari, D. (2002). Logiche di azione formativa nelle organizzazioni. Milano: Guerini e Associati.
  14. Mezirow, J. (2003). Apprendimento e trasformazione, Milano: Raffaello Cortina. (Testo originale pubblicato nel 1991).
  15. Morelli, U. & Weber. C. (1996). Passione e apprendimento. Formazione-intervento: teoria, metodo, esperienze. Milano: Raffaello Cortina.
  16. Pontecorvo, C., Ajello, A.M., Zucchermaglio, C. (2004). Discutendo si impara. Interazione e conoscenza a scuola. Roma: Carocci.
  17. Quaglino, G. P. (2004). La vita organizzativa. Milano: Raffaello Cortina.
  18. Richards, L., & Morse, J. M. (2007). Fare ricerca qualitativa: Prima guida. Milano: FrancoAngeli.
  19. Saunders M (2012). “The use and usability of evaluation outputs: A social practice approach”. Evaluation, 18(4), 421-436.
  20. Scaratti G. (2015). “Spunti per una cultura valutativa autentica”. In Scaratti G., Arborea V., Cinque (a cura di) Pratiche di valutazione formativa, pp. 1-18
  21. Scaratti, G., & Regalia, C. (1999). “Note di architettura metodologica per l’applicazione di una conoscenza valutativa alla formazione”. Risorsa Uomo. Rivista di psicologia del Lavoro e dell’Organizzazione. Numero monografico di sulla valutazione della formazione, VI (3-4), 269-288.
  22. Scaratti, G., Stoppini, L., Zucchermaglio, C. (2009). Autori di ambienti organizzativi. Roma: Carocci.
  23. Scaratti G., Arborea V., Cinque M. (2015). Pratiche di valutazione formative. Il caso Fondazione RUI. Milano: Raffaello Cortina.
  24. Stame, N. (2001). “Tre approcci principali alla valutazione: distinguere e combinare”. In M. Palumbo (a cura di), Il processo di valutazione. Decidere, programmare, valutare (pp. 21-46). Milano: FrancoAngeli.
  25. Stame, N. (a cura di) (2007). I classici della valutazione. Milano: FrancoAngeli.
  26. Vygotskij, L. S. (1987) Il processo cognitivo. Torino: Bollati Boringhieri. (Testo originale pubblicato nel 1978).
  27. Vygotskij, L. S. (1990) Pensiero e linguaggio. Roma-Bari: Laterza. (Testo originale pubblicato nel 1978).

Emanuele Testa, Giuseppe Scaratti, in "STUDI ORGANIZZATIVI " 1/2018, pp. 9-39, DOI:10.3280/SO2018-001001

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche