Clicca qui per scaricare

I luoghi fertili per l’innovazione. uno studio sulla localizzazione delle start-up innovative in Italia
Titolo Rivista: ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE  
Autori/Curatori: Roberto Antonietti, Francesca Gambarotto 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 52-61 Dimensione file:  404 KB
DOI:  10.3280/ES2018-003005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Lo start-up d’impresa è uno strumento fondamentale per trasformare la conoscenza in nuovi prodotti/servizi innovativi. In Italia da pochi anni si è intervenuti a sostegno della nascita di nuove imprese innovative ma poca rilevanza viene data alle caratteristiche ambientali che favoriscono questo processo creativo. In questo lavoro, utilizzando il registro delle start-up innovative di Unioncamere e i sistemi locali del lavoro di Istat, analizziamo la distribuzione territoriale delle start-up per capire quali sono i fattori che ne influenzano maggiormente la nascita e la localizzazione. Dall’analisi emerge che i centri urbani di dimensioni mediograndi grazie alla varietà della loro economia, alla presenza di attori cruciali come i centri universitari e gli incubatori e alla performance economica aperta verso mercati internazionali caratterizzano gli habitat più fertili per sostenere la nascita di start-up innovative.


Keywords: Start-up innovative, sistemi locali del lavoro, performance economica
Jel Code: L26, M13, R11, O33

  1. Antonietti R., Gambarotto F. (2018). The role of industry variety in the creation of innovative start-ups in Italy. Small Business Economics, online first.
  2. Colombelli A. (2016). The impact of local knowledge bases on the creation of innovative start-ups in Italy. Small Business Economics, 47, 383-396.
  3. Cooke P. (2016). The virtues of variety in regional innovation systems and entrepreneurial ecosystems. Journal of Open Innovation: Technology, Market and Complexity. 2: 3-19.
  4. Duranton G., Puga D. (2001). Nursery cities: urban diversity, process innovation, and the life cycle of products. American Economic Review, 91(5): 1454-1477.
  5. Feldman M., Audretsch D. (1999). Innovation in cities: Science-based diversity, specialization and localized competition. European Economic Review, 43: 409-429., 10.1016/S0014-2921(98)00047-6DOI: 10.1016/S0014-2921(98)00047-6
  6. Finaldi Russo P., Magri S., Rampazzi C. (2016). Innovative start-ups in Italy: their special features and the effects of the 2012 law. Politica Economica/Journal of Economic Policy, 32(2): 297-330., 10.1429/83967DOI: 10.1429/83967
  7. Ghio N., Guerini M., Rossi-Lamastra C. (2016). University knowledge and the creation of innovative start-ups: an analysis of the Italian case. Small Business Economics, 47: 293-311.
  8. Glaeser E.L., Kallal H.D., Scheinknam J.S., Shleifer A. (1992). Growth in Cities. Journal of Political Economy, 100: 1126-1152 -- .
  9. Istat (2015). La Nuova Geografia dei Sistemi Locali. Roma: Istat.
  10. Jacobs J. (1969). The Economy of Cities. New York: Random House.

Roberto Antonietti, Francesca Gambarotto, in "ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE " 3/2018, pp. 52-61, DOI:10.3280/ES2018-003005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche