Clicca qui per scaricare

Amministrare le selve: i conflitti sull’uso delle risorse boschive di Terracina in età liberale
Titolo Rivista: STORIA URBANA  
Autori/Curatori: Roberta Biasillo 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 159 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  27 P. 27-53 Dimensione file:  122 KB
DOI:  10.3280/SU2018-159002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo illustra la intricata ecologia forestale di un comune dell’Agro pontino, Terracina, dall’Unità all’inizio del Novecento ed evidenzia le difficoltà e le potenzialità che l’utilizzazione delle risorse forestali collettive poneva ai vari livelli amministrativi, in particolare a quello municipale. L’analisi delle selve viene filtrata attraverso la lente del conflitto, sociale e istituzionale, che permette di cogliere lo iato esistente in materia di usi civici tra indirizzi nazionali e amministrazioni locali, di problematizzare la definizione di marginalità delle terre e dei gruppi sociali che le utilizzavano, di riconoscere il progetto liberale nelle utilizzazioni della superficie boscata. Il caso di Terracina risulta interessante per la quantità di terreni che, nonostante le leggi abolitive, conserva questi diritti; il ritardo con cui compaiono fenomeni tipici quali la criminalizzazione degli utilisti, la distruzione del bosco e la bonifica dell’area paludosa; il vincolo per motivi igienici che la legge forestale riserva a tali selve. Il saggio contestualizza ed esamina il ruolo svolto dal patrimonio forestale attraverso fonti archivistiche amministrative - soprattutto prefettizie e sottoprefettizie -, la letteratura esistente su demanio civico e questione forestale nelle ex-province pontificie, la storiografia ambientale.


Keywords: Boschi, Usi civici, Amministrazione comunale, Lazio, Terracina, XIX secolo

Roberta Biasillo, in "STORIA URBANA " 159/2018, pp. 27-53, DOI:10.3280/SU2018-159002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche