Clicca qui per scaricare

Recenti interventi giurisprudenziali sulla regolamentazione delle professioni di guida e di accompagnatore turistici
Titolo Rivista: RIVISTA ITALIANA DI DIRITTO DEL TURISMO 
Autori/Curatori: Chiara Tincani 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 24  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  53 P. 434-486 Dimensione file:  1560 KB
DOI:  10.3280/DT2018-024003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


A seguito dell'art. 3 della legge n. 97 del 2013, l'abilitazione alla professione di guida turistica è valida su tutto il territorio nazionale. Il principio è stato successivamente attenuato dal d.m. 7 aprile 2015, con cui il Ministro per i beni e le attività culturali ha individuato più di tremila siti, per i quali l'esercizio dell'attività era soggetto ad ulteriore autorizzazione speciale, le cui caratteristiche sono state definite dal successivo decreto 11 dicembre 2015. Essendo stato investito della questione di legittimità dei citati decreti, il Consiglio di Stato non li ha ritenuti legittimi. La decisione del Consiglio di giustizia della Regione Siciliana ha riconfermato la distinzione tra guida e accompagnatore turistico attraverso l'articolo 6 del cosiddetto "Codice del turismo", non unificando le due categorie


Chiara Tincani, in "RIVISTA ITALIANA DI DIRITTO DEL TURISMO" 24/2018, pp. 434-486, DOI:10.3280/DT2018-024003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche