Clicca qui per scaricare

Quando la valutazione non produce apprendimento. Una tipologia delle esperienze italiane in tema di contrasto alla povertà
Titolo Rivista: RIV Rassegna Italiana di Valutazione 
Autori/Curatori: Dora Gambardella, Rosaria Lumino 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: 69 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 135-153 Dimensione file:  422 KB
DOI:  10.3280/RIV2017-069008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Questo saggio si interroga sullo scollamento tra valutazione e apprendimento in materia di interventi di contrasto alla povertà. L’obiettivo è ricostruire alcuni casi di valutazione di misure di contrasto alla povertà assumibili come tipi metodologicamente riconoscibili, senza alcuna ambizione di classificazione esaustiva, allo scopo ultimo di mettere a sistema gli esercizi valutativi fin qui realizzati. In considerazione di questo obiettivo, nella costruzione della tipologia proposta nel saggio alcuni casi emblematici sono stati classificati a partire dalle scelte metodologiche effettuate nei relativi disegni valutativi, con l’obiettivo di discutere tali scelte alla luce delle domande valutative cui esse sono in grado di trovare risposte solide sul piano empirico e rigorose su quello di metodo.


Keywords: Metodi; Implementazione; Valutazione Sperimentale; Beneficiari, Approcci Misti.

  1. Biolcati Rinaldi F. (2006). Povertà, teoria e tempo: la valutazione delle politiche di sostegno al reddito. Milano: FrancoAngeli.
  2. Chies L. e Podrecca E. (2017). Misure di reddito minimo e inclusione attiva in FVG: appunti per una valutazione. In Capellari S., a cura di, Le politiche strutturali e la misurazione dei loro effetti: aspetti territoriali. Trieste: EUT Edizioni Università di Trieste, pp. 61-100.
  3. D’Emilione, M., Raciti, P., e Vivaldi Vera, P. (2017). La Carta Acquisti Sperimentale come azione propedeutica all'implementazione del SIA: evidenze di una valutazione qualitativa della misura. Paper presentato alla conferenza Espanet Italia, Forlì.
  4. Dahler-Larsen P. (2002). La costruzione sociale delle teorie del programma, Sociologia e ricerca sociale, 68-69: 160- 179., 10.1400/6930DOI: 10.1400/6930
  5. Daminato C. e Zanini N. (2014). Funzioni di domanda ed implicazioni di policy: un’applicazione al caso del Reddito di Garanzia. Working Paper.
  6. De Ambrogio U. (2003). Un caso di valutazione della qualità percepita da parte de beneficiari di una politica pubblica di contrasto alla povertà. In: de Ambrogio U., a cura di, Valutare gli interventi e le politiche sociali. Roma: Carocci Faber.
  7. Gambardella D. (2012). La valutazione del Reddito di Cittadinanza a Napoli. Milano: FrancoAngeli.
  8. Granaglia E. e Bolzoni M., a cura di (2010). Il reddito minimo di inserimento. Analisi e valutazione di alcune esperienze locali. Quaderni Cies, 3.
  9. Guerra M.C. e Tangorra, F. (2014). Le difficoltà della «nuova social card»? Una sperimentazione che insegna molto. In: lavoce.info, 8 aprile.
  10. Jessoula M., Kubisa J., Madama I. and Zielenska M. (2014). Understanding convergence and divergence: old and new cleavages in the politics of minimum income schemes in Italy and Poland. Journal of International and Comparative Social Policy, 30(2): 128-146., 10.1080/21699763.2014.936024DOI: 10.1080/21699763.2014.936024
  11. Leone L., a cura di (2017). Rapporto di Valutazione dal SIA al REI. Ricerca valutativa sulla prima fase di implementazione del programma di contrasto della povertà Sostegno per l’Inclusione Attiva. Roma: Alleanza contro la povertà. -- http//www.redditoinclusione.it/rapporto-di-valutazione.
  12. Lumino R. (2013). Valutazione e teorie del cambiamento. Le politiche locali di contrasto alla povertà. Milano: FrancoAngeli.
  13. Lumino R. e Morlicchio, E. (2013). Gli schemi regionali di reddito minimo: davvero una esperienza fallimentare?. Autonomie locali e servizi sociali, 2: 235-248., 10.1447/7537DOI: 10.1447/7537
  14. Marra M. (2018). La politica di valutazione nell'esecutivo oltre le retoriche e le ambiguità. Rivista giuridica del Mezzogiorno, 2: 379-400., 10.1444/90072DOI: 10.1444/90072
  15. Mazzoli G. (2002). Il lavoro psicosociale nei Sert. In: Simoni S., I servizi come cultura. Roma: Carocci.
  16. Mazzucca L. (2018) Il contributo delle indagini sui beneficiari alla valutazione delle misure di contrasto della povertà. Considerazioni emergenti da due casi applicativi, abstract Convegno Espanet Italia, Firenze.
  17. Ministero della Solidarietà sociale (2007). Relazione al Parlamento. Attuazione della sperimentazione del Reddito Minimo di Inserimento e risultati conseguiti. Roma
  18. Morlicchio E. (2012). Sociologia della povertà. Bologna: Il Mulino.
  19. Natili M. (2016). Schemi regionali di reddito minimo tra sviluppi di policy e dinamiche di politics. I casi di Friuli Venezia Giulia e Lazio. Rivista Italiana di Politiche Pubbliche, 1: 87-114.
  20. Pawson R., Tilley N. (2006). Realistic evaluation. Thousand Oaks: Sage.
  21. Regione Basilicata (2007). Report sulle attività del Programma Regionale di Cittadinanza Solidale.
  22. Sacchi S. (2005). Reddito minimo e politiche di contrasto alla povertà in Italia. URGE, Working Paper, 1.
  23. Schizzerotto A., Vergolini L. e Zanini N. (2014). La valutazione degli effetti di una misura locale contro la povertà: il Reddito di Garanzia in provincia di Trento. Rassegna Italiana di Valutazione, 58: 132-164., 10.3280/RIV2014-05800DOI: 10.3280/RIV2014-05800
  24. Veneto Lavoro (2009). Documentazione relativa a Reddito di cittadinanza e Salario minimo garantito: le principali esperienze italiane in materia di Reddito Minimo di Inserimento (RMI) e di Reddito di Ultima Istanza (RUI), Rapporto n. 3.
  25. Weiss C.H. (1998). Evaluation. Methods for studying programs and policies (2nd Ed.). Upper Saddle River: Prentice Hall.

Dora Gambardella, Rosaria Lumino, in "RIV Rassegna Italiana di Valutazione" 69/2017, pp. 135-153, DOI:10.3280/RIV2017-069008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche