Clicca qui per scaricare

L’educazione al benessere nell’età evolutiva
Titolo Rivista: RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA 
Autori/Curatori: Vincenzo Amendolagine 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  13 P. 59-71 Dimensione file:  1895 KB
DOI:  10.3280/RSF2019-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Gli scenari sociali attuali sono profondamente cambiati e questi mutamenti hanno trasformato le singole soggettività. È aumentata l’incertezza, la precarietà, l’attesa negativa del futuro e questo mina il benessere individuale, creando un clima diffuso di instabilità. La rivoluzione digitale, inoltre, ha trasformato la realtà, facendola divenire una caleidoscopica e istantanea successione di eventi di difficile elaborazione cognitiva. In questi contesti effimeri e instabili, la psicologia positiva aiuta gli individui a ritrovare il proprio benessere, attraverso una costruzione cognitiva di esso. In altri termini, nell’ambiente contemporaneo nel quale ci sono sempre meno certezze, costruire mentalmente dei punti fermi, attraverso una visione positiva di se stessi, degli altri e della realtà, costituisce la base ideale sulla quale edificare il proprio benessere. Affinché questo possa accadere, i bambini fin dalle prime fasi della loro vita devono essere educati a coltivare il benessere e a sviluppare la resilienza, intesa come capacità di elaborare e superare gli eventi critici. In questo agire educativo i contesti scolastici e familiari hanno un ruolo determinante. Nello specifico, la scuola deve educare le nuove generazioni a sviluppare quelle peculiarità che consentono ad ognuno di stare bene con se stesso, con gli altri e nell’ambiente in cui vive.


Keywords: Età evolutiva, benessere, resilienza, educazione.

  1. [1] Carretti V, La Barbera D. Psicopatologia delle realtà virtuali. Comunicazione, identità e relazione nell’era digitale. Milano: Masson; 2001.
  2. [2] Lyotard J F. La condizione post-moderna. Milano: Feltrinelli; 1979.
  3. [3] La Barbera D. Lo sviluppo delle competenze affettive degli adolescenti nella post - modernità. In: Guido C, Vernì G, ed. Educazione al benessere e nuova professionalità docente. Bari: USRP; 2008. p. 67-84
  4. [4] D. Nikken P, Schols M. How and why parents guide the media use of young children. Journal of Child and Family Studies 2015; 24: 3423-3435.
  5. [5] Beland L, Murphy, R J. III Communication: Mobile Phones & Student Performance. London: London School of Economics and Political Science; 2014.
  6. [6] Lepp A, Barkley J E, Karpinski A C. The relationship between cell phone use, academic performance, anxiety, and satisfaction with life in college students. Computers in Human Behavior, 2014; 31: 343-350.
  7. [7] Seligman M E P, Csikszentmihalyi M. Positive psychology. An introduction. American Psychologist 2000; 55: 5-14., 10.1037/0003-066X.55.1.DOI: 10.1037/0003-066X.55.1.
  8. [8] Schiavon C C, Marchetti E, Gurgel L G, Busnello F M, Reppold C.T. Optimism and Hope in Chronic Disease: A Systematic Review. Frontiers in Psychology 2017; 7: 2022.
  9. [9] Seligman M E P. Positive health. Applied Psychology 2008; 57: 3-18.
  10. [10] Snyder C R, Irving L M, Anderson J R. Handbook of Social and Clinical Psychology: The Health Perspective. Pergamon General Psychology Series, 162. Richmond: Pergamon; 1991.
  11. [12] Shepperd J A, Maroto J J, Pbert L A. Dispositional optimism as a predictor of health changes among cardiac patients. Journal of Research in Personality 1996; 30: 517-534.
  12. [13] Kubzansky L D, Sparrow D, Vokonas P, Kawachi I. Is the glass half empty or half full? A prospective study of optimism and coronary heart disease in the normative aging study. Psychosomatic Medicine 2001; 63: 910-916., 10.1097/00006842-200111000-00009DOI: 10.1097/00006842-200111000-00009
  13. [14] Halding A G, Heggdal K. Patients’ experiences of health transitions in pulmonary rehabilitation. Nursing Inquiry 2012; 19: 345-356.
  14. [15] Bassi M., Coppa R, Sartori R, Delle Fave A. Condividere benessere per educare al benessere: l’esperienza quotidiana di insegnanti e studenti. In: Guido C, Vernì G, ed. Educazione al benessere e nuova professionalità docente. Bari: USRP; 2008. p. 19-66.
  15. [16] Bassi M, Fianco A, Preziosa A, Steca P, Delle Fave A. La psicologia positiva e lo studio del benessere e della felicità: una ricerca pilota con un gruppo d’insegnanti. In: Guido C, Vernì G, ed. Educazione al benessere e nuova professionalità docente. Bari: USRP; 2008. p. 133-163.
  16. [17] Ryff C, Singer B. From social structure to biology. Integrative science in pursit of human health and well-being. In: Snyder C R, Lopez S J, ed. Handbook of positive psychology. New York: Oxford University Press; 2002. p. 541-554.
  17. [18] Peterson C, Seligman M E P. Character strengths and virtues: a classification and handbook. New York: Oxford University Press; 2004.
  18. [19] Antonovsky A. Unravelling the mystery of health: how people manage stress and stay well. San Francisco: Jossey Bass; 1987.
  19. [20] Oades L G, Robinson P, Green S. Positive education: creating flourishing students, staff and schools. InPsych 2011; 33: 16-17.
  20. [21] Seligman M E P. Flourish. London: Nicholas Brealey Publishing; 2011.
  21. [22] Amendolagine V. Relazionarsi con i bambini: piccole strategie educative. Educare.it 2016; 16 (10): 3387. -- http://www.educare.it/j/rubriche/pedagogia-quotidiano/3387-relazionarsi-con-i-bambini
  22. [23] Werner E E, Smith R. Vulnerable but invincible: a longitudinal study of resilient children and youth. New York: Adam Bunnister Cox Publishers; 1989. [24] Milani P, Ius M. Sotto un cielo di stelle. Educazione, bambini e resilienza. Milano: Cortina; 2010.
  23. [25] Vanistendael S, Lecomte J. Le bonheur est toujours possible. Construire la résilience. Paris: Bayard Editions; 2000.
  24. [26] Holmes T H, Rahe R H. The social readjustment rating scale. Journal of Psychosomatic Research 1967; 11 (2): 213-218., 10.1016/0022-3999(67)90010-4DOI: 10.1016/0022-3999(67)90010-4
  25. [27] Malaguti E. Educarsi alla resilienza. Come affrontare crisi e difficoltà e migliorarsi. Trento: Erickson; 2005.
  26. [28] Capaldo N, Donà L, ed. Educazione alla convivenza civile. Milano: Fabbri Editore; 2005.
  27. [29] Amendolagine V. I bambini, le fiabe e i disegni (gli strumenti per capirli). Lecce-Tricase: Youcanprint; 2015.
  28. [30] Amendolagine V. Compendio di psicologia infantile per educatori. Lecce-Tricase: Libellula Edizioni Universitarie; 2018.
  29. [31] Amendolagine V. L’educazione alla salute nell’età evolutiva come fattore preventivo dei disturbi del comportamento alimentare. Educare. it 2016; 16 (2): 3215. -- http://www.educare.it/j/temi/pedagogia-epsicologia/adolescenza-e-disagio/3215-prevenzione-dei-disturbi-delcomportamento-alimentare.
  30. [32] De Virgilio G, Coclite D, Napoletano A, Barbina D, Dalla Ragione L, Spera G, Di Fiandra T , ed. Conferenza di consenso. Disturbi del comportamento alimentare (DCA) negli adolescenti e nei giovani adulti. Roma: Istituto Superiore di Sanità (Rapporti ISTSAN 13/6); 2013.
  31. [33] Tavella S. Psicologia dell’handicap e della riabilitazione nello sport. Roma: Armando; 2012.
  32. [34] Amendolagine V. Il sovrappeso e l’obesità in età evolutiva: cause e linee d’intervento. Educare.it 2014; 14 (8): 2819. -- http://www.educare.it/j/pedagogia-e-psicologia/monografie/2819-sovrappeso-e-obesità-inetà-evolutiva.
  33. [35] Amendolagine V. Corpo, corporeità e laboratori psicocorporei. Lecce-Tricase: Youcanprint; 2017.
  34. DuBois C M, Beach S R, Kashdan T B, Nyer M B, Park E R, Celano C M. Positive psychological attributes and cardiac outcomes: associations, mechanisms, and interventions. Psychosomatics 2012; 53: 303-318.

Vincenzo Amendolagine, in "RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA" 1/2019, pp. 59-71, DOI:10.3280/RSF2019-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche