Clicca qui per scaricare

Geografia e rivoluzione
Titolo Rivista: RIVISTA GEOGRAFICA ITALIANA 
Autori/Curatori: Claudio Minca 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 7-20 Dimensione file:  175 KB
DOI:  10.3280/RGI2019-001001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Questo articolo riflette sulla relazione ontologica tra geografia e rivoluzione. Partendo dal famoso libro di Hannah Arendt Sulla Rivoluzione, il presente saggio analizza il nesso tra il gesto di ‘segnare la Terra’ come atto costitutivo di ogni ordine sociale e il concetto stesso di rivoluzione. Richiamando l’opera di Carl Schmitt e il suo pensiero ‘spaziale’ l’articolo insiste sull’importanza di interrogare, a partire dalla geografia, il rapporto tra potere costituente e potere costituito, proprio per comprendere il profondo potenziale rivoluzionario del pensiero geografico e delle pratiche geografiche. Ponendo particolare enfasi sulla figura del rifugiato e sull’irreversibile crisi dello stato nazione, e seguendo in questo le argomentazioni di Giorgio Agamben, l’articolo chiude con una serie di considerazioni sulla necessità di una rivoluzione geografica, cioè di una nuova ontologia spaziale associata a una nuova immaginazione geografica in grado di superare le trappole territoriali che stanno all’origine delle due crisi più drammatiche che interessano oggi tutte le società occidentali: quella dei rifugiati e quella associata al cambiamento climatico


Keywords: Rivoluzione, crisi dei rifugiati, Arendt, Schmitt, Agamben, ontologia spaziale

  1. Agamben G. (1995). Homo sacer. Il potere sovrano e la nuda vita. Torino: Einaudi.
  2. Id. (1996). Mezzi senza fine. Torino: Bollati Boringhieri.
  3. Id. (2004). Stato di eccezione. Torino: Bollati Boringhieri.
  4. Id. (2005). Schmitt. Un giurista davanti a se stesso. Verona: Neri Pozza.
  5. Agier M. (2016). Borderlands. Londra: Polity Press.
  6. Id. (2018). The Jungle: Calais’s Camps and Migrants. Londra: Polity Press.
  7. Agnew J. (1994). The Territorial Trap: The Geographical Assumptions of International
  8. Relations Theory. Review of International Political Economy, 1: 53-80., 10.1080/09692299408434268DOI: 10.1080/09692299408434268
  9. Arendt H. (1964). Vita activa. Milano: Bompiani (ediz. orig. 1958).
  10. Id. (1981). Sulla rivoluzione. Milano: Edizioni di Comunità (ediz. orig. 1963).
  11. Benjamin W. (1997). Sul concetto di storia. Torino: Einaudi.
  12. Braidotti R., Dolphijn R., a cura di (2017). Philosophy after Nature. Londra: Rownman & Littlefield.
  13. Brambilla C. (2017). Borderscaping e trans-territorialità: ripensare, agire, abitare il confine. In: Arbore C. e Maggioli M., a cura di, Territorialità: concetti, narrazioni, pratiche. Saggi per Angelo Turco. Milano: FrancoAngeli.
  14. Cavalletti A. (2005). La città biopolitica, Milano: Mondadori. Farinelli F. (2003). Geografia. Un’introduzione ai modelli del mondo. Torino: Einaudi.
  15. Esposito R. (1998). Communitas. Origine e destino della comunità, Torino: Einaudi.
  16. Galli C. (1996). Genealogia della politica. Carl Schmitt e la crisi del pensiero politico moderno.
  17. Bologna: il Mulino. Giaccaria P., Minca C., a cura di (2016). Hitler’s Geographies. Chicago: Chicago University
  18. Press. Heidegger M. (1976). Costruire, abitare, pensare. In: Saggi e discorsi. Milano: Mursia.
  19. Jones R. (2016). Violent Borders. Refugees and the Right to move. Londra: Verso.
  20. Lacoste Y. (1976). La Géographie ça sert d’abord à faire la guerre. Parigi: Maspero.
  21. Latour B. (2017). Facing Gaia. Eight Lectures on the New Climate Regime. Londra: Polity
  22. Press. Mezzadra A., Neilson B. (2013). Border as Method, or, the Multiplication of Labor. Durham: Duke University Press.
  23. Minca C. (2006). Giorgio Agamben and the new biopolitical nomos. Geografiska Annaler: Series B, Human Geography, 88: 387-403., 10.1111/j.0435-3684.2006.00229.xDOI: 10.1111/j.0435-3684.2006.00229.x
  24. Id. (2007). Agamben’s geographies of modernity. Political Geography, 26: 78-97., 10.1016/j.polgeo.2006.08.010DOI: 10.1016/j.polgeo.2006.08.010
  25. Id., Rijke A. (2018). Walls, walling and the immunitarian imperative. In: Mubi Brighenti A., Kärrholm B., a cura, Urban Walls. Londra: Routledge.
  26. Id., Rowan R. (2016). On Schmitt and Space. Londra: Routledge.
  27. Id., Santic D., Umek D. (2019a). Walking the Balkan Route. The archipelago of refugee camps in Serbia. In: Katz I., Martin D., Minca C, a cura, Camps Revisited. Londra: Rowman & Littlefield.
  28. Id., Santic D, Umek D. (2019b). Managing the ‘refugee crisis’ along the Balkan Route: Field notes from Serbia. In: Menjivar C., Ruiz M., Ness I., a cura di, The Oxford Handbook of Migration Crises. C. Oxford: Oxford University Press.
  29. Rahola F. (2003). Zone definitivamente temporanee. Verona: Ombre Corte.
  30. Santic D., Minca C., Umek D. (2017). The Balkan Migration Route: Reflections from a Serbian Observatory, In: Bobić M, Jankovic S., a cura di, Towards Understanding of Contemporary Migration. Causes, Consequences, Policies, Reflections. Belgrado: Institute for Sociological Research.
  31. Schmitt C. (1972). Le categorie del politico. Bologna: il Mulino.
  32. Id. (1998). Il Nomos della Terra. Milano: Adelphi.
  33. Id. (2001). State, Movement, People. Washington DC: Plutarch Press (ediz. orig. 1933).
  34. Id. (2005). Political Theology: Four Chapters on the Concept of Sovereignty. Chicago: University of Chicago Press.
  35. Id. (2007). The Concept of the Political. Chicago: University of Chicago Press.
  36. Turco A. (2010). Configurazioni della territorialità. Milano: FrancoAngeli.
  37. Umek D., Minca C., Santic D. (2018). The refugee camp as geopolitics: The case of Preševo, Serbia. In: Paradiso M., a cura di, Mediterranean Mobilities. New York: Springer.
  38. Zizek S. (2016). Refugees, Terror and Other Troubles with the Neighbours: Against the Double Blackmail. Londra: Allen Lane.

Claudio Minca, in "RIVISTA GEOGRAFICA ITALIANA" 1/2019, pp. 7-20, DOI:10.3280/RGI2019-001001

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche