Clicca qui per scaricare

Lo stalking: aspetti sociali e psicologici di un fenomeno in aumento
Titolo Rivista: PSICOBIETTIVO 
Autori/Curatori: Maddalena Cialdella, Paola de Cesare 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  13 P. 76-88 Dimensione file:  148 KB
DOI:  10.3280/PSOB2019-001007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo proposto esplora il contesto psicosociale e la definizione del fenomeno dello stalking, su cui viene posta sempre maggiore attenzione e rilevanza nel panorama culturale attuale. Vengono, successivamente, analizzati i principali contributi teorici che delineano questo complesso fenomeno relazionale, evidenziando le caratteristiche della condotta persecutoria e il dramma vissuto dalla vittima. Si riassumono le tipologie del persecutore, la condotta violenta e il suo tradursi in una "caccia ossessiva di una preda", le vulnerabilità della vittima e i danni psicologici conseguenti al reato. Attraverso un’esemplificazione clinica, ci si propone, infine, di illustrare alcune strategie efficaci per il trattamento di questo fenomeno.


Keywords: Molestie e ossessioni relazionali; aspetti psicosociali; tipologie di persecutore; vulnerabilità della vittima e danni psicologici; interventi multidisciplinari.

  1. Baldry A.C., Roia F. (2011) Strategie efficaci per il contrasto ai maltrattamenti e allo stalking. Aspetti giuridici e criminologici, FrancoAngeli, Milano
  2. Bateson G. (1973) Verso un’ecologia della mente, Adelphi, Milano, 1976
  3. Boon J., Sheridan L. (eds.) (2002) Stalking and psychosexual obssession: psychological perspectives for prevention, policing and treatment, Jhon Wiley & Sons, Chichester, UK
  4. Caretti V., Craparo G., Manzi G.S., Schimmenti A. (2015) Stalker. Psicopatologia del molestatore assillante, Fioriti, Roma
  5. Cupach W.R., Spitzberg B.H. (2004) Attrazione, ossessione e stalking, Astrolabio, Roma, 2011
  6. Dutton D.G. (1995) The batterer: a psychological prolife, Basic Books, New York
  7. Dutton D.G. (1999) The abusive personality: violence and control in intimate relationships, Guilford Press, New York
  8. Dutton D.G., Kropp P.R. (2000) “A review of domestic violence risk instruments”, Trauma, Violence & Abuse, 1: 171-181
  9. Hare R.D. (1993) Without conscience: the disturbing world of pshychopaths among us, Simon and Schuster, New York
  10. Krug E.G., Dahlberg L.L., Mercy J.A., Zwi A.B., Lozano R. (eds.) (2002) World report on violence and health, World Health Organization, Geneva
  11. Langhinrichsen-Rohling J. (2006) “An examination of sheltered battered women’s perpretation of stalking and other unwanted pursuit behaviors”, Violence and Victims, 21: 579-595.
  12. Mullen P.E., Pathè M., Purcell R. (2009) Stalkers and Their Victims, Cambridge University Press, Cambridge
  13. Reale E. (2011) Maltrattamento e violenza sulle donne. Vol. II – Criteri, metodi e strumenti per l’intervento clinico, FrancoAngeli, Milano
  14. Riggs D.S., Caulfield M.B., Street A.E. (2000) “Risk for domestic violence: factors associated with perpetration and victimization”, Journal of Clinical Psychology, 56: 1282-1316.
  15. Walker L.E. (1979) The battered woman, Harper and Row, New York
  16. Warren L.J., MacKenzie R., Mullen P.E., Ogloff J.R. (2005) “The problem behavior model: the development of a stalker clinic and a threateners clinic”, Behavioral Sciences and the Law, 23: 387-397.

Maddalena Cialdella, Paola de Cesare, in "PSICOBIETTIVO" 1/2019, pp. 76-88, DOI:10.3280/PSOB2019-001007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche