Clicca qui per scaricare

Riprendere a imparare, riprendere a insegnare: quali strategie per interventi educativi con studenti «difficili»
Titolo Rivista: RICERCHE DI PSICOLOGIA  
Autori/Curatori: Anna Maria Ajello 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 103-117 Dimensione file:  176 KB
DOI:  10.3280/RIP2019-001007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


"Per educare un bambino ci vuole un intero villaggio": questo ben noto pro-verbio africano sottolinea che educare riguarda diverse persone e molte funzioni; ciò è tanto più vero quando si tratta di indagare le caratteristiche degli insuccessi scolastici che non sono mai riconducibili ad un solo fattore. In questo intervento intendo esplicitarle con riferimento ai diversi costrutti che contribuiscono ad ap-profondire alcuni aspetti del fenomeno della dispersione scolastica e di ciò che accade ai "dispersi". Si tratta, in realtà, di elementi che riguardano il sistema sco-lastico nel suo insieme, la specifica comunità scolastica e i suoi singoli parteci-panti; in tale prospettiva, pertanto, farò riferimento alla motivazione, alla dimen-sione di autenticità nella relazione educativa, ai rapporti con le famiglie, ai rap-porti con altri operatori, alla valutazione e alla più generale relazione educativa come costruzione complessa.


Keywords: Dispersione scolastica, relazione educativa, motivazione a im-parare, patto formativo.

  1. Ajello, A.M. (2009). Fronteggiare la dispersione: prevenzione e intervento. In C. Bertazzoni (Ed.), La scuola della seconda occasione. Riprendere a educare (pp. 137-160). Gardolo, Trento: Erickson.
  2. Bendinelli, A., & Martini, A. (2018). Un esercizio di calcolo del valore aggiunto delle scuole italiane sulla base dei risultati della prova INVALSI di Matematica 2017 del grado 8. XI Conferenza ESPAnet Italia 2018 “Oltre la continuità - Le sfide del welfare in un mondo globale”, Firenze.
  3. Bertazzoni, C. (Ed.) (2009). La scuola della seconda occasione. Riprendere a educare. Gardolo, Trento: Erickson.
  4. Brighenti, E. (Ed.) (2009). La scuola della seconda occasione. Riprendere a imparare. Gardolo, Trento: Erickson.
  5. Cattaneo, C. (2018). Naufraghi senza volto. Dare un nome alle vittime del Mediterraneo. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  6. CEI (Eds.) (2010). La sfida educativa. Bari: Laterza.
  7. Gadotti, M., & Garniga, A. (2018). Azioni di sviluppo per un’idea di scuola inclusiva. In F. Lorandi & M. Arici (Eds), Ciascuno cresce solo se sognato (pp. 53-68). Trento: Editore Provincia Autonoma di Trento- IPRASE.
  8. Girelli, C., Bevilacqua, A., & Arici. M. (2018). Le ragioni di un Working Paper. In F. Lorandi & M. Arici (Eds.), Ciascuno cresce solo se sognato (pp. 9-12). Trento: Editore Provincia Autonoma di Trento- IPRASE.
  9. Hautamaki, J., & Kupiainen, S. (2014). Learning to learn in Finland. Theory and policy, research and practice. In R. Deakin Crick, C. Stringher & K. Ren (Eds.), Learning to learn. International perspective from theory and practice (pp. 170-195). Abingdon OX: Routledge.
  10. Lorandi, F., & Arici, M. (Eds.) (2018). Ciascuno cresce solo se sognato. Trento: Editore Provincia Autonoma di Trento- IPRASE.
  11. Pennac, D. (2008). Diario di Scuola. Milano: Feltrinelli.
  12. Scheerens, J. (2015). Educational Effectiveness and Ineffectiveness: A Critical Review of the Knowledge Base. Dordrecht: Springher.
  13. Te Riele, K. (2006). Youth “at risk”: further marginalizing the marginalized? Journal of Education Policy, 21, 129-146.
  14. Te Riele, K. (2007). Educational alternatives for marginalised youth. Australian Educational Researcher, 34, 53-68.
  15. Te Riele, K. (Ed) (2009). Making Schools Different: Alternative Approaches to Educating Young People. London: SAGE.
  16. Te Riele, K. (2015). Education policy ‘at risk’. In H. Proctor, P. Brownlee & P. Freebody (Eds.), Controversies in Education. Orthodoxy and Heresy in Policy and Practice (pp. 149-156). Dordrecht: Springer.
  17. Te Riele, K., & Gorur, R. (Eds) (2015). Interrogating conceptions of “vulnerable youth” in theory, policy and practice. Rotterdam: Sense Publishers.

Anna Maria Ajello, in "RICERCHE DI PSICOLOGIA " 1/2019, pp. 103-117, DOI:10.3280/RIP2019-001007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche